Passa ai contenuti principali

La traversata. Un amore di inizio secolo di Viviana Giorgi


In una storia d'amore, tutti quelli che si contrappongono ai due innamorati, sono dei nemici, volontari o involontari, e ci sta poco da averli in simpatia.
Quando Viviana Giorgi ci ha regalato la figura di Ken Benton quale antagonista di Frank Raleigh alla conquista dell'amore di Camille Brontee in "Un amore di fine secolo", dovevamo renderci conto che qualcosa non quadrava.

Ken è troppo bello e gentile - nonostante qualche tiro mancino ma à la guerre comme à la guerre - per poterlo perdere nelle spire di un romanzo che mira al coronamento di un altro amore.
È per questo che "La traversata. Un amore di inizio secolo” [Emma Books] regala a noi e, soprattutto, a Ken una seconda possibilità.

Lasciato il campo libero a Frank e augurato tutto il bene per il futuro a Camille, Ken si imbarca sull'Oceanic II, il più moderno e lussuoso transatlantico in partenza da New York e diretto verso l'Inghilterra. È il primo gennaio del 1900 e il nuovo secolo sembra foriero di eccitanti novità. Ken non ne è del tutto convinto, a meno che queste novità non riguardino i flussi economici sapientemente accolti dalla Benton Bank. La delusione con Camille brucia ancora e, sebbene sia sinceramente felice che i due innamorati abbiano trovato il loro happy ending, Ken vorrebbe essere felice anche per se stesso.

Intanto che il viaggio prosegue da una sponda all'altra dell'oceano, per sfuggire alle mire matrimoniali delle zitelle imbarcate sulla nave, Ken si rifugia nella lettura e sarà proprio tra i libri a trovare la scintilla che sta cercando.
Forse non proprio tra i libri, perché sono gli occhi color zaffiro della bella bibliotecaria, Priscilla Talbott, a lanciare mille esaltanti scintille e Ken ne è completamente conquistato.

In cinque giorni di navigazione, Ken riesce a stringere tra le braccia Priscilla e il mistero che sembra avvolgerla lo rende assetato della sua compagnia. Giunti a Liverpool, però, Priscilla sparisce, inghiottita dalle nebbie del porto e dalla folla di passeggeri che sciamano in ogni dove.
Priscilla, però, come Cenerentola, ha lasciato dietro di sé un indizio e Ken è ben determinato a sfruttarlo: un prezioso orecchino di zaffiri, blu come gli occhi di quella donna che gli ha fatto tremare il cuore.

"La traversata. Un amore di inizio secolo" non è che l'interludio a "Un amore di inizio secolo. Di nuovo insieme" che è appena uscito in tutti gli store (e di cui presto vi parlerò).
Come ho già avuto modo di dire, i romance storici di Viviana Giorgi sono una ventata di freschezza per quelli che a volte abusano della lettura, come capita a chi è preso nelle spire delle piccole e grandi incombenze che sono proprie di un blog che parla di libri.

Alla fine, io ne vorrei ancora, perché tra le atmosfere fuori dalla quotidianità descritte da Viviana si sta bene, troppo bene.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…