Passa ai contenuti principali

La traversata. Un amore di inizio secolo di Viviana Giorgi


In una storia d'amore, tutti quelli che si contrappongono ai due innamorati, sono dei nemici, volontari o involontari, e ci sta poco da averli in simpatia.
Quando Viviana Giorgi ci ha regalato la figura di Ken Benton quale antagonista di Frank Raleigh alla conquista dell'amore di Camille Brontee in "Un amore di fine secolo", dovevamo renderci conto che qualcosa non quadrava.

Ken è troppo bello e gentile - nonostante qualche tiro mancino ma à la guerre comme à la guerre - per poterlo perdere nelle spire di un romanzo che mira al coronamento di un altro amore.
È per questo che "La traversata. Un amore di inizio secolo” [Emma Books] regala a noi e, soprattutto, a Ken una seconda possibilità.

Lasciato il campo libero a Frank e augurato tutto il bene per il futuro a Camille, Ken si imbarca sull'Oceanic II, il più moderno e lussuoso transatlantico in partenza da New York e diretto verso l'Inghilterra. È il primo gennaio del 1900 e il nuovo secolo sembra foriero di eccitanti novità. Ken non ne è del tutto convinto, a meno che queste novità non riguardino i flussi economici sapientemente accolti dalla Benton Bank. La delusione con Camille brucia ancora e, sebbene sia sinceramente felice che i due innamorati abbiano trovato il loro happy ending, Ken vorrebbe essere felice anche per se stesso.

Intanto che il viaggio prosegue da una sponda all'altra dell'oceano, per sfuggire alle mire matrimoniali delle zitelle imbarcate sulla nave, Ken si rifugia nella lettura e sarà proprio tra i libri a trovare la scintilla che sta cercando.
Forse non proprio tra i libri, perché sono gli occhi color zaffiro della bella bibliotecaria, Priscilla Talbott, a lanciare mille esaltanti scintille e Ken ne è completamente conquistato.

In cinque giorni di navigazione, Ken riesce a stringere tra le braccia Priscilla e il mistero che sembra avvolgerla lo rende assetato della sua compagnia. Giunti a Liverpool, però, Priscilla sparisce, inghiottita dalle nebbie del porto e dalla folla di passeggeri che sciamano in ogni dove.
Priscilla, però, come Cenerentola, ha lasciato dietro di sé un indizio e Ken è ben determinato a sfruttarlo: un prezioso orecchino di zaffiri, blu come gli occhi di quella donna che gli ha fatto tremare il cuore.

"La traversata. Un amore di inizio secolo" non è che l'interludio a "Un amore di inizio secolo. Di nuovo insieme" che è appena uscito in tutti gli store (e di cui presto vi parlerò).
Come ho già avuto modo di dire, i romance storici di Viviana Giorgi sono una ventata di freschezza per quelli che a volte abusano della lettura, come capita a chi è preso nelle spire delle piccole e grandi incombenze che sono proprie di un blog che parla di libri.

Alla fine, io ne vorrei ancora, perché tra le atmosfere fuori dalla quotidianità descritte da Viviana si sta bene, troppo bene.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…