Passa ai contenuti principali

Giugno di tempi corti, a volte lunghi ma pieni di cose belle


Le giornate lunghissime di giugno, a volte, sembrano iniziare molto presto e altrettanto presto finire.

Il tempo è quello che viviamo riempiendolo di cose, altrimenti sono solo minuti che vediamo scorrere sul quadrante dell'orologio.

Di cosa ho riempito le mie giornate?

Di sorrisi e di piccole attenzioni, di una tenerezza struggente e di una stanchezza che non sapevo potesse esistere, di gesti da imparare e di gesti da insegnare.
Ho riempito le mie giornate guardando l'amore, quella forma purissima di sentimento che si concretizza solo quando il caso, la fortuna, il destino o Dio - o tutte queste cose insieme - ci mettono lo zampino. Ho riempito le mie giornate con la natura in boccio, con quella sorpresa che nasce solo di fronte a un fiore che ogni giorno aggiunge un petalo alla sua corolla.

E non c'è niente di più bello che rendersi conto che tutti i boccioli sono uguali, per quanto noi che li guardiamo possiamo crederci speciali. Credetemi, non lo siamo. 

È la vita la sola cosa speciale con cui potremo mai confrontarci.


Quando inizia l'estate è sempre tempo di bilanci per me e, pure se ho finito la scuola da secoli, in questo periodo sento sempre nell'aria quell'odore di sole sull'asfalto che sentivo sempre tornando dagli ultimi giorni di scuola, cartella leggera e la tranquillità di aver fatto tutto il possibile, di aver dato il meglio, con la sicurezza di meritare il mare e la spiaggia.

Anche questa volta non riesco a sottrarmi alla resa dei conti del primo semestre della mia vita e la voglia di leggerezza è ancora là, insieme alla sicurezza di meritare il calore del sole sulla pelle e il riverbero del mare negli occhi.

Ho sempre amato i papaveri, quando comparivano nel giardino del liceo, voleva dire che era tempo di leggerezza. Sono giorni che ne vedo nei campi, agli angoli delle stradine di campagna, attorno al lago, e quei petali delicati, mossi da qualsiasi soffio eppure fieri e solidi, sono parentesi di sorriso nei miei pensieri.

Giugno è arrivato e quasi non ci credo che sia passato già metà di quest'anno. Ma va bene così.

Perché, in fondo, quello che auguro a chi amo è di perdere la somma dei giorni in un fluire di emozioni, di felicità senza calendario.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…