Passa ai contenuti principali

Fuga da Villa del Lieto Tramonto di Minna Lindgren


Si fugge per tanti motivi, da posti conosciuti e da posti sconosciuti. A volte si fugge per cercare una nuova vita. O una morte diversa.

I vecchini di Villa del Lieto Tramonto fuggono dalla residenza per anziani perché niente è più come erano abituati a vederlo e, si sa, ad una certa età è sempre complicato cambiare abitudini. Di solito. Ma questo non vale per Siiri, Irma e Anna-Liisa che di abitudinario hanno poche cose e, piuttosto che assistere alla lenta e subdola distruzione della loro amata residenza, decidono di traslocare.

"Fuga da Villa del Lieto Tramonto" di Minna Lindgren [Sonzogno] inizia così e i colpi di scena non fanno che susseguirsi fino all'ultima pagina.
Dopo "Mistero a Villa del Lieto Tramonto", il secondo capitolo della trilogia di Helsinki conferma le sfumature delicate della prima storia e, per quanto mi riguarda, mi rende ancora più cari i personaggi a cui già mi ero affezionata.

Dopo che l'ambigua amministrazione della residenza per anziani ha deciso di avviare una ristrutturazione di tutto lo stabilimento, iniziano ad avvenire strani furti negli appartamenti e niente e nessuno è più al sicuro.
Per fortuna l'ambasciatore (che è il nuovo marito di Anna-Liisa) ha tra le sue proprietà un appartamento sfitto e così, con pochi ricordi al seguito - tutto il resto è stato sgraffignato a tradimento dai bizzarri operai della ristrutturazione - Siiri, Irma, Margit e i due sposini, naturalmente, si trasferiscono in uno dei quartieri più animati di Helsinki, vicino ad un vivacissimo mercato che diventa subito meta di esplorazione della curiosissima Siiri.
L'appartamento è grande, luminoso e ben collegato ma... con un palo da lap dance in salotto cosa combinavano i precedenti affittuari?!

[fonte foto: Ramonagran]

Siiri è ancora il mio personaggio preferito: una nonnina frizzante e di mentalità così moderna che fa dimenticare l'età che ha. Nel secondo volume della trilogia di Helsinki, Siiri parte alla scoperta del nuovo quartiere e, con la sua verve, fa amicizia con due simpatici immigrati dalla pelle di ebano, Muhis e Metukka, che diventano preziosi aiuti in casa e consiglieri in cucina per ricette insolite e deliziose.

Ancora una volta l'ingegno e la vitalità di questi ultranovantenni mi ha conquistata, oserei dire quasi più della trama in sé, anche se, a differenza del primo libro, stavolta qualche colpo di scena ci sarà, eccome.
Alla fine di questo secondo capitolo mi è venuta già la nostalgia, perché so che il prossimo sarà l'ultimo episodio che vedrà protagonisti questi personaggi. Anzi, colgo l'occasione per invitare l'autrice a ripensarci, anche perché i diritti della trilogia sono appena stati comprati dall'editore inglese Pan Macmillan. Se la trilogia si arricchisse di nuovi e avventurosi capitoli? Minna, ripensaci! Per ora non vedo l'ora di leggere il terzo volume.

«Dobbiamo tornare al Lieto Tramonto.»
«Ce la faremo, non dubitare» rispose Irma levando la mano in quel gesto che faceva tintinnare i suoi braccialetti d’oro.
«Sempre che la morte non ci colga di sorpresa. Tic tac, tic tac, tic tac.»

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…