Passa ai contenuti principali

Fuga da Villa del Lieto Tramonto di Minna Lindgren


Si fugge per tanti motivi, da posti conosciuti e da posti sconosciuti. A volte si fugge per cercare una nuova vita. O una morte diversa.

I vecchini di Villa del Lieto Tramonto fuggono dalla residenza per anziani perché niente è più come erano abituati a vederlo e, si sa, ad una certa età è sempre complicato cambiare abitudini. Di solito. Ma questo non vale per Siiri, Irma e Anna-Liisa che di abitudinario hanno poche cose e, piuttosto che assistere alla lenta e subdola distruzione della loro amata residenza, decidono di traslocare.

"Fuga da Villa del Lieto Tramonto" di Minna Lindgren [Sonzogno] inizia così e i colpi di scena non fanno che susseguirsi fino all'ultima pagina.
Dopo "Mistero a Villa del Lieto Tramonto", il secondo capitolo della trilogia di Helsinki conferma le sfumature delicate della prima storia e, per quanto mi riguarda, mi rende ancora più cari i personaggi a cui già mi ero affezionata.

Dopo che l'ambigua amministrazione della residenza per anziani ha deciso di avviare una ristrutturazione di tutto lo stabilimento, iniziano ad avvenire strani furti negli appartamenti e niente e nessuno è più al sicuro.
Per fortuna l'ambasciatore (che è il nuovo marito di Anna-Liisa) ha tra le sue proprietà un appartamento sfitto e così, con pochi ricordi al seguito - tutto il resto è stato sgraffignato a tradimento dai bizzarri operai della ristrutturazione - Siiri, Irma, Margit e i due sposini, naturalmente, si trasferiscono in uno dei quartieri più animati di Helsinki, vicino ad un vivacissimo mercato che diventa subito meta di esplorazione della curiosissima Siiri.
L'appartamento è grande, luminoso e ben collegato ma... con un palo da lap dance in salotto cosa combinavano i precedenti affittuari?!

[fonte foto: Ramonagran]

Siiri è ancora il mio personaggio preferito: una nonnina frizzante e di mentalità così moderna che fa dimenticare l'età che ha. Nel secondo volume della trilogia di Helsinki, Siiri parte alla scoperta del nuovo quartiere e, con la sua verve, fa amicizia con due simpatici immigrati dalla pelle di ebano, Muhis e Metukka, che diventano preziosi aiuti in casa e consiglieri in cucina per ricette insolite e deliziose.

Ancora una volta l'ingegno e la vitalità di questi ultranovantenni mi ha conquistata, oserei dire quasi più della trama in sé, anche se, a differenza del primo libro, stavolta qualche colpo di scena ci sarà, eccome.
Alla fine di questo secondo capitolo mi è venuta già la nostalgia, perché so che il prossimo sarà l'ultimo episodio che vedrà protagonisti questi personaggi. Anzi, colgo l'occasione per invitare l'autrice a ripensarci, anche perché i diritti della trilogia sono appena stati comprati dall'editore inglese Pan Macmillan. Se la trilogia si arricchisse di nuovi e avventurosi capitoli? Minna, ripensaci! Per ora non vedo l'ora di leggere il terzo volume.

«Dobbiamo tornare al Lieto Tramonto.»
«Ce la faremo, non dubitare» rispose Irma levando la mano in quel gesto che faceva tintinnare i suoi braccialetti d’oro.
«Sempre che la morte non ci colga di sorpresa. Tic tac, tic tac, tic tac.»

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…