Passa ai contenuti principali

Fuga da Villa del Lieto Tramonto di Minna Lindgren


Si fugge per tanti motivi, da posti conosciuti e da posti sconosciuti. A volte si fugge per cercare una nuova vita. O una morte diversa.

I vecchini di Villa del Lieto Tramonto fuggono dalla residenza per anziani perché niente è più come erano abituati a vederlo e, si sa, ad una certa età è sempre complicato cambiare abitudini. Di solito. Ma questo non vale per Siiri, Irma e Anna-Liisa che di abitudinario hanno poche cose e, piuttosto che assistere alla lenta e subdola distruzione della loro amata residenza, decidono di traslocare.

"Fuga da Villa del Lieto Tramonto" di Minna Lindgren [Sonzogno] inizia così e i colpi di scena non fanno che susseguirsi fino all'ultima pagina.
Dopo "Mistero a Villa del Lieto Tramonto", il secondo capitolo della trilogia di Helsinki conferma le sfumature delicate della prima storia e, per quanto mi riguarda, mi rende ancora più cari i personaggi a cui già mi ero affezionata.

Dopo che l'ambigua amministrazione della residenza per anziani ha deciso di avviare una ristrutturazione di tutto lo stabilimento, iniziano ad avvenire strani furti negli appartamenti e niente e nessuno è più al sicuro.
Per fortuna l'ambasciatore (che è il nuovo marito di Anna-Liisa) ha tra le sue proprietà un appartamento sfitto e così, con pochi ricordi al seguito - tutto il resto è stato sgraffignato a tradimento dai bizzarri operai della ristrutturazione - Siiri, Irma, Margit e i due sposini, naturalmente, si trasferiscono in uno dei quartieri più animati di Helsinki, vicino ad un vivacissimo mercato che diventa subito meta di esplorazione della curiosissima Siiri.
L'appartamento è grande, luminoso e ben collegato ma... con un palo da lap dance in salotto cosa combinavano i precedenti affittuari?!

[fonte foto: Ramonagran]

Siiri è ancora il mio personaggio preferito: una nonnina frizzante e di mentalità così moderna che fa dimenticare l'età che ha. Nel secondo volume della trilogia di Helsinki, Siiri parte alla scoperta del nuovo quartiere e, con la sua verve, fa amicizia con due simpatici immigrati dalla pelle di ebano, Muhis e Metukka, che diventano preziosi aiuti in casa e consiglieri in cucina per ricette insolite e deliziose.

Ancora una volta l'ingegno e la vitalità di questi ultranovantenni mi ha conquistata, oserei dire quasi più della trama in sé, anche se, a differenza del primo libro, stavolta qualche colpo di scena ci sarà, eccome.
Alla fine di questo secondo capitolo mi è venuta già la nostalgia, perché so che il prossimo sarà l'ultimo episodio che vedrà protagonisti questi personaggi. Anzi, colgo l'occasione per invitare l'autrice a ripensarci, anche perché i diritti della trilogia sono appena stati comprati dall'editore inglese Pan Macmillan. Se la trilogia si arricchisse di nuovi e avventurosi capitoli? Minna, ripensaci! Per ora non vedo l'ora di leggere il terzo volume.

«Dobbiamo tornare al Lieto Tramonto.»
«Ce la faremo, non dubitare» rispose Irma levando la mano in quel gesto che faceva tintinnare i suoi braccialetti d’oro.
«Sempre che la morte non ci colga di sorpresa. Tic tac, tic tac, tic tac.»

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …