Passa ai contenuti principali

Non è niente


Non è quando ce li prescrivono, che abbiamo bisogno degli antidolorifici.

A volte il trauma è sordo e non vogliamo alleviare lo stordimento che ci provoca.
Torna a pulsare quando pensiamo che la cicatrice stia scomparendo, acuto, pungente, nonostante da fuori non si veda più niente.

È allora che una pillola fa la differenza, è allora che il dolore vuole essere sconfitto in qualche modo, fosse anche solo soffocato in una dose di zucchero da cariare i denti o in una corsa aria in faccia e polmoni che bruciano.

Una pillola contro il dolore, per me, ha soprattutto la forma di un libro.

Passano gli anni, eppure quel granello di polvere nell'occhio continua a farci lacrimare, come se il vento che lo avesse portato soffiasse ancora.
Passano gli anni e non riusciamo a cancellare quelle classifiche che ci volevano sempre al secondo posto, in amore, nelle amicizie, nei passaggi da prendere e dare per le serate in disco.
Sono passati anni, eppure quelle classifiche le abbiamo viste ricopiate diligentemente sulle agende, impresse sui tableau mariage e, in seguito, disegnate sui palloncini dei battesimi.


Di acqua sotto i ponti ne è passata a diluvi e c'è chi ancora affigge sulla sua porta chiusa quelle classifiche come Lutero le 95 tesi sul portone della chiesa del castello di Wittenberg. E le tengono lì, quelle classifiche, come se così allontanassero ogni preoccupazione.
Tra i diluvi e gli alluvioni, l'acqua sotto i ponti, fortunatamente, ha portato con sé anche la consapevolezza della pochezza dei classificatori.

Se ci sono primi e secondi posti, non è amore e non è amicizia. Non è niente.

Le prescrizioni dei medici, così come i consigli dei saggi, non servono subito.
La sottile delusione che striscia fredda lungo la schiena non si presenta subito.
E non subito richiede di essere silenziata.


Ora è il momento del silenzio.
È il momento che ogni dolore smetta di fare male.
O meglio, è il momento perfetto per smettere di pensare che faccia ancora male, perché non è così.
Non è niente.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …