Passa ai contenuti principali

Non è niente


Non è quando ce li prescrivono, che abbiamo bisogno degli antidolorifici.

A volte il trauma è sordo e non vogliamo alleviare lo stordimento che ci provoca.
Torna a pulsare quando pensiamo che la cicatrice stia scomparendo, acuto, pungente, nonostante da fuori non si veda più niente.

È allora che una pillola fa la differenza, è allora che il dolore vuole essere sconfitto in qualche modo, fosse anche solo soffocato in una dose di zucchero da cariare i denti o in una corsa aria in faccia e polmoni che bruciano.

Una pillola contro il dolore, per me, ha soprattutto la forma di un libro.

Passano gli anni, eppure quel granello di polvere nell'occhio continua a farci lacrimare, come se il vento che lo avesse portato soffiasse ancora.
Passano gli anni e non riusciamo a cancellare quelle classifiche che ci volevano sempre al secondo posto, in amore, nelle amicizie, nei passaggi da prendere e dare per le serate in disco.
Sono passati anni, eppure quelle classifiche le abbiamo viste ricopiate diligentemente sulle agende, impresse sui tableau mariage e, in seguito, disegnate sui palloncini dei battesimi.


Di acqua sotto i ponti ne è passata a diluvi e c'è chi ancora affigge sulla sua porta chiusa quelle classifiche come Lutero le 95 tesi sul portone della chiesa del castello di Wittenberg. E le tengono lì, quelle classifiche, come se così allontanassero ogni preoccupazione.
Tra i diluvi e gli alluvioni, l'acqua sotto i ponti, fortunatamente, ha portato con sé anche la consapevolezza della pochezza dei classificatori.

Se ci sono primi e secondi posti, non è amore e non è amicizia. Non è niente.

Le prescrizioni dei medici, così come i consigli dei saggi, non servono subito.
La sottile delusione che striscia fredda lungo la schiena non si presenta subito.
E non subito richiede di essere silenziata.


Ora è il momento del silenzio.
È il momento che ogni dolore smetta di fare male.
O meglio, è il momento perfetto per smettere di pensare che faccia ancora male, perché non è così.
Non è niente.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…