Passa ai contenuti principali

Non è niente


Non è quando ce li prescrivono, che abbiamo bisogno degli antidolorifici.

A volte il trauma è sordo e non vogliamo alleviare lo stordimento che ci provoca.
Torna a pulsare quando pensiamo che la cicatrice stia scomparendo, acuto, pungente, nonostante da fuori non si veda più niente.

È allora che una pillola fa la differenza, è allora che il dolore vuole essere sconfitto in qualche modo, fosse anche solo soffocato in una dose di zucchero da cariare i denti o in una corsa aria in faccia e polmoni che bruciano.

Una pillola contro il dolore, per me, ha soprattutto la forma di un libro.

Passano gli anni, eppure quel granello di polvere nell'occhio continua a farci lacrimare, come se il vento che lo avesse portato soffiasse ancora.
Passano gli anni e non riusciamo a cancellare quelle classifiche che ci volevano sempre al secondo posto, in amore, nelle amicizie, nei passaggi da prendere e dare per le serate in disco.
Sono passati anni, eppure quelle classifiche le abbiamo viste ricopiate diligentemente sulle agende, impresse sui tableau mariage e, in seguito, disegnate sui palloncini dei battesimi.


Di acqua sotto i ponti ne è passata a diluvi e c'è chi ancora affigge sulla sua porta chiusa quelle classifiche come Lutero le 95 tesi sul portone della chiesa del castello di Wittenberg. E le tengono lì, quelle classifiche, come se così allontanassero ogni preoccupazione.
Tra i diluvi e gli alluvioni, l'acqua sotto i ponti, fortunatamente, ha portato con sé anche la consapevolezza della pochezza dei classificatori.

Se ci sono primi e secondi posti, non è amore e non è amicizia. Non è niente.

Le prescrizioni dei medici, così come i consigli dei saggi, non servono subito.
La sottile delusione che striscia fredda lungo la schiena non si presenta subito.
E non subito richiede di essere silenziata.


Ora è il momento del silenzio.
È il momento che ogni dolore smetta di fare male.
O meglio, è il momento perfetto per smettere di pensare che faccia ancora male, perché non è così.
Non è niente.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…