Passa ai contenuti principali

Benvenuto Maggio!

Sempre con la testa in mezzo ai libri [fonte foto: @ramonagran]
Maggio è arrivato senza che aprile lasciasse traccia del suo passaggio.
Non che sia stato un mese crudele [«April is the cruellest month» - T.S. Eliot], anzi.
Mi sono ritrovata stamattina a dover girare il foglio del calendario e mi sono dovuta fermare a chiedermi cosa ne fosse stato del prima.

[fonte foto: @ramonagran]
Aprile mi ha regalato trenta giorni di splendida consapevolezza, devo ammetterlo.
Ho marciato in queste 720 ore con gli occhi desiderosi di meraviglia e, più desiderio ho avuto, più bellezza ho scoperto.
Mi sono resa conto di non aver mai visto la primavera, di non aver mai osservato il dischiudersi dei fiori, di non aver mai assistito alla lenta agonia delle gemme che esplodono, di non aver mai respirato il venticello non ancora caldo che passa sulla faccia come le mani di un bimbo un po' monello.

[fonte foto: @ramonagran]
Aprile mi ha risvegliato una creatività nuova, lineare, luminosa.
Ho scoperto che le idee arrivano prendendo spunto da qualsiasi cosa, senza bisogno di cercarle.
Ho capito che più la mente va in affanno e più si chiude, come gli occhi, quando si ha paura.

[fonte foto: @ramonagran]
Nel lasciare andare l'aria dai polmoni, ho lasciato andare le cose che non posso cambiare, che sia il mio corpo o le piccole briciole del passato che continuo a trovarmi nelle tasche. Forse non sono del tutto andate, ma aprile mi ha donato anche la giusta distanza.
[fonte foto: @ramonagran]
Maggio è arrivato così, con discrezione, con quest'aria che vuole essere primaverile ma non ne ha ancora la forza. 

E forse è così anche la felicità, discreta, incredula, che ancora non ha la forza di manifestarsi con tutta la sua potenza.

La promessa, però, per il momento mi basta.

Benvenuto Maggio!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …