Passa ai contenuti principali

Benvenuto Maggio!

Sempre con la testa in mezzo ai libri [fonte foto: @ramonagran]
Maggio è arrivato senza che aprile lasciasse traccia del suo passaggio.
Non che sia stato un mese crudele [«April is the cruellest month» - T.S. Eliot], anzi.
Mi sono ritrovata stamattina a dover girare il foglio del calendario e mi sono dovuta fermare a chiedermi cosa ne fosse stato del prima.

[fonte foto: @ramonagran]
Aprile mi ha regalato trenta giorni di splendida consapevolezza, devo ammetterlo.
Ho marciato in queste 720 ore con gli occhi desiderosi di meraviglia e, più desiderio ho avuto, più bellezza ho scoperto.
Mi sono resa conto di non aver mai visto la primavera, di non aver mai osservato il dischiudersi dei fiori, di non aver mai assistito alla lenta agonia delle gemme che esplodono, di non aver mai respirato il venticello non ancora caldo che passa sulla faccia come le mani di un bimbo un po' monello.

[fonte foto: @ramonagran]
Aprile mi ha risvegliato una creatività nuova, lineare, luminosa.
Ho scoperto che le idee arrivano prendendo spunto da qualsiasi cosa, senza bisogno di cercarle.
Ho capito che più la mente va in affanno e più si chiude, come gli occhi, quando si ha paura.

[fonte foto: @ramonagran]
Nel lasciare andare l'aria dai polmoni, ho lasciato andare le cose che non posso cambiare, che sia il mio corpo o le piccole briciole del passato che continuo a trovarmi nelle tasche. Forse non sono del tutto andate, ma aprile mi ha donato anche la giusta distanza.
[fonte foto: @ramonagran]
Maggio è arrivato così, con discrezione, con quest'aria che vuole essere primaverile ma non ne ha ancora la forza. 

E forse è così anche la felicità, discreta, incredula, che ancora non ha la forza di manifestarsi con tutta la sua potenza.

La promessa, però, per il momento mi basta.

Benvenuto Maggio!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…