Passa ai contenuti principali

Benvenuto Maggio!

Sempre con la testa in mezzo ai libri [fonte foto: @ramonagran]
Maggio è arrivato senza che aprile lasciasse traccia del suo passaggio.
Non che sia stato un mese crudele [«April is the cruellest month» - T.S. Eliot], anzi.
Mi sono ritrovata stamattina a dover girare il foglio del calendario e mi sono dovuta fermare a chiedermi cosa ne fosse stato del prima.

[fonte foto: @ramonagran]
Aprile mi ha regalato trenta giorni di splendida consapevolezza, devo ammetterlo.
Ho marciato in queste 720 ore con gli occhi desiderosi di meraviglia e, più desiderio ho avuto, più bellezza ho scoperto.
Mi sono resa conto di non aver mai visto la primavera, di non aver mai osservato il dischiudersi dei fiori, di non aver mai assistito alla lenta agonia delle gemme che esplodono, di non aver mai respirato il venticello non ancora caldo che passa sulla faccia come le mani di un bimbo un po' monello.

[fonte foto: @ramonagran]
Aprile mi ha risvegliato una creatività nuova, lineare, luminosa.
Ho scoperto che le idee arrivano prendendo spunto da qualsiasi cosa, senza bisogno di cercarle.
Ho capito che più la mente va in affanno e più si chiude, come gli occhi, quando si ha paura.

[fonte foto: @ramonagran]
Nel lasciare andare l'aria dai polmoni, ho lasciato andare le cose che non posso cambiare, che sia il mio corpo o le piccole briciole del passato che continuo a trovarmi nelle tasche. Forse non sono del tutto andate, ma aprile mi ha donato anche la giusta distanza.
[fonte foto: @ramonagran]
Maggio è arrivato così, con discrezione, con quest'aria che vuole essere primaverile ma non ne ha ancora la forza. 

E forse è così anche la felicità, discreta, incredula, che ancora non ha la forza di manifestarsi con tutta la sua potenza.

La promessa, però, per il momento mi basta.

Benvenuto Maggio!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …