Passa ai contenuti principali

Viaggiando controsenso.


In autobus, spesso me ne sto col naso attaccato ai vetri, per guardare fuori. 
È un'abitudine che ho sempre avuto e non mi stanca mai guardare e riguardare lo stesso paesaggio.

Qualche giorno fa mi è capitato di sedermi in un posto contrario al senso di marcia e, ad un certo punto, ho avuto la nausea. Per sbrigare della corrispondenza arretrata, infatti, ero con gli occhi fissi sullo smartphone, per leggere e scrivere mail, e le lettere hanno iniziato a ballarmi davanti agli occhi.
Mi sono ricordata di quando, da piccola, mia mamma mi diceva di guardare sempre avanti sugli autobus, per non soffrire il mal d'auto, ma ci ho creduto poco. Da allora, ho preso autobus, treni, auto, barche, navi, aerei, viaggiando nelle condizioni più diverse e non mi sono mai sentita male.

Oggi mi è capitato ancora di sedermi controsenso, ma ho messo da parte il telefono e mi sono goduta il viaggio guardando fuori.
Nessuna nausea né malessere. Lo stesso paesaggio già visto centinaia di volte ha assunto sfumature diverse. Angoli mai visti nei soliti incroci. Finestre aperte su vite mai immaginate.
Viaggiando controsenso ho visto le cose che di solito mi sfuggono. Erano là da sempre, ma io non le vedevo e credevo che non esistessero.
Che la vita è un incrocio di prospettive, lo so da tempo.
Così come ho imparato che la felicità si trova in quegli angoli dove non avevi mai pensato di guardare.

Mentre l'autobus procedeva, ho pensato al paradosso di avanzare continuando a guardarmi indietro. Poi però mi sono resa conto che contava solo la strada che restava da fare, perché all'indietro guardavo per arricchirmi di nuovi dettagli pieni di meraviglia.
Viaggiando controsenso, gli occhi hanno più tempo per osservare le cose, si concedono una seconda possibilità per lasciarsi incantare e sorprendere.
Viaggiare controsenso, senza nausea, con tutti i sensi all'erta, è qualcosa che sto ancora imparando, ma ho già messo in tasca le distrazioni e mi godo la strada da fare con la meraviglia negli occhi.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …