Passa ai contenuti principali

Viaggiando controsenso.


In autobus, spesso me ne sto col naso attaccato ai vetri, per guardare fuori. 
È un'abitudine che ho sempre avuto e non mi stanca mai guardare e riguardare lo stesso paesaggio.

Qualche giorno fa mi è capitato di sedermi in un posto contrario al senso di marcia e, ad un certo punto, ho avuto la nausea. Per sbrigare della corrispondenza arretrata, infatti, ero con gli occhi fissi sullo smartphone, per leggere e scrivere mail, e le lettere hanno iniziato a ballarmi davanti agli occhi.
Mi sono ricordata di quando, da piccola, mia mamma mi diceva di guardare sempre avanti sugli autobus, per non soffrire il mal d'auto, ma ci ho creduto poco. Da allora, ho preso autobus, treni, auto, barche, navi, aerei, viaggiando nelle condizioni più diverse e non mi sono mai sentita male.

Oggi mi è capitato ancora di sedermi controsenso, ma ho messo da parte il telefono e mi sono goduta il viaggio guardando fuori.
Nessuna nausea né malessere. Lo stesso paesaggio già visto centinaia di volte ha assunto sfumature diverse. Angoli mai visti nei soliti incroci. Finestre aperte su vite mai immaginate.
Viaggiando controsenso ho visto le cose che di solito mi sfuggono. Erano là da sempre, ma io non le vedevo e credevo che non esistessero.
Che la vita è un incrocio di prospettive, lo so da tempo.
Così come ho imparato che la felicità si trova in quegli angoli dove non avevi mai pensato di guardare.

Mentre l'autobus procedeva, ho pensato al paradosso di avanzare continuando a guardarmi indietro. Poi però mi sono resa conto che contava solo la strada che restava da fare, perché all'indietro guardavo per arricchirmi di nuovi dettagli pieni di meraviglia.
Viaggiando controsenso, gli occhi hanno più tempo per osservare le cose, si concedono una seconda possibilità per lasciarsi incantare e sorprendere.
Viaggiare controsenso, senza nausea, con tutti i sensi all'erta, è qualcosa che sto ancora imparando, ma ho già messo in tasca le distrazioni e mi godo la strada da fare con la meraviglia negli occhi.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…