Passa ai contenuti principali

Viaggiando controsenso.


In autobus, spesso me ne sto col naso attaccato ai vetri, per guardare fuori. 
È un'abitudine che ho sempre avuto e non mi stanca mai guardare e riguardare lo stesso paesaggio.

Qualche giorno fa mi è capitato di sedermi in un posto contrario al senso di marcia e, ad un certo punto, ho avuto la nausea. Per sbrigare della corrispondenza arretrata, infatti, ero con gli occhi fissi sullo smartphone, per leggere e scrivere mail, e le lettere hanno iniziato a ballarmi davanti agli occhi.
Mi sono ricordata di quando, da piccola, mia mamma mi diceva di guardare sempre avanti sugli autobus, per non soffrire il mal d'auto, ma ci ho creduto poco. Da allora, ho preso autobus, treni, auto, barche, navi, aerei, viaggiando nelle condizioni più diverse e non mi sono mai sentita male.

Oggi mi è capitato ancora di sedermi controsenso, ma ho messo da parte il telefono e mi sono goduta il viaggio guardando fuori.
Nessuna nausea né malessere. Lo stesso paesaggio già visto centinaia di volte ha assunto sfumature diverse. Angoli mai visti nei soliti incroci. Finestre aperte su vite mai immaginate.
Viaggiando controsenso ho visto le cose che di solito mi sfuggono. Erano là da sempre, ma io non le vedevo e credevo che non esistessero.
Che la vita è un incrocio di prospettive, lo so da tempo.
Così come ho imparato che la felicità si trova in quegli angoli dove non avevi mai pensato di guardare.

Mentre l'autobus procedeva, ho pensato al paradosso di avanzare continuando a guardarmi indietro. Poi però mi sono resa conto che contava solo la strada che restava da fare, perché all'indietro guardavo per arricchirmi di nuovi dettagli pieni di meraviglia.
Viaggiando controsenso, gli occhi hanno più tempo per osservare le cose, si concedono una seconda possibilità per lasciarsi incantare e sorprendere.
Viaggiare controsenso, senza nausea, con tutti i sensi all'erta, è qualcosa che sto ancora imparando, ma ho già messo in tasca le distrazioni e mi godo la strada da fare con la meraviglia negli occhi.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Novembre dorato

L'autunno è arrivato tardi ma poi è esploso in tutti i colori che lo caratterizzano. Passeggiando con mia figlia nel bosco che abbiamo sotto casa, su sentieri di foglie dorate, mi sono ricordata che quando ero piccola il mio colore preferito era il giallo. Come erano i miei capelli, come un prendisole che mi aveva cucito mia zia con i bottoncini a forma di matitine gialle, come tutte le cose che sceglievo liberamente. Giallo. Chissà perché lo avevo dimenticato.
Ho cucinato, per quanto mi fosse possibile, piatti che richiamassero l'autunno: risotti ai funghi (mai buoni come quelli che fa mio marito, ma tant'è), zuppe di zucca, arrosti. Non so perché, ma ogni volta che mi sono trovata a fare la spesa, mi è sembrato di avere sotto il naso l'odore del bosco e l'ho seguito finché non ho saputo di essere nel posto giusto.
Ho letto e ho scritto ma non nella misura che mi è sembrato sufficiente, né dell'una né dell'altra cosa. Sia della lettura che della scrittura…

Novità: Il Club delle Pigiamiste di Giulia Binazzi e Chiara Leonardi

Il Club delle Pigiamiste Giulia Binazzi (testi) e Chiara Leonardi (illustrazioni) A40annivieneilbello Edizioni

Pigiamisti non si diventa, pigiamisti si è!
Quando ancora tutti dormono, apre il Club delle Pigiamiste. Le due protagoniste, nonché fondatrici del Club, Alice e Caterina, si trovano a dover gestire una richiesta sospetta di ingresso al Club da parte di un nuovo inquilino del palazzo. Solo il Grande Consiglio Mondiale delle Pigiamiste potrà aiutarle a sciogliere il dilemma: sarà un vero pigiamista?
Una storia divertente e leggera, che farà venire voglia ai più piccoli di ributtarsi sotto le coperte e iniziare una delle mille avventure nella propria camera da letto, in un luogo intimo e protetto in cui la fantasia può sbocciare, in cui uno scatolone diventa una macchina per raggiungere il sole, un tavolo può diventare magicamente un palcoscenico sul quale esibirsi e una coperta un mare gremito di stelle marine. Le bambine e i bambini si riconosceranno nell'atmosfera di casa …