Passa ai contenuti principali

Sudio, gli auricolari svedesi per letture a tempo di musica


Le parole fluiscono seguendo la propria natura e c'è poco che possiamo fare se non assecondarle.
Alcune scelgono di specchiarsi in una pagina bianca, altre preferiscono seguire l'onda delle note musicali.
Non importa il mezzo. Le parole cercano una via per entrare dentro di noi, per raccontarci storie, per trasmetterci emozioni.
A ben pensarci, sono ancora più efficaci quando sono assenti. Come una musica che, senza nessun testo, ispira tutti i versi che il nostro animo è in grado di creare.

Quando leggo, spesso accetto come unica compagnia la musica.
Che siano canzoni o melodie senza parole, ogni volta si crea una bolla in cui la realtà è diversamente percepita, filtrata dal libro che sto leggendo e dalla musica che sto ascoltando.


In qualsiasi posto mi trovi, gli auricolari Sudio Vasa del marchio svedese Sudio Sweden sono diventati l'accessorio perfetto per i momenti in cui la musica è la colonna sonora delle mie letture preferite.
Fatti a mano con particolare attenzione alla comodità - con 4 diverse misure di coperture gommate morbide -, gli auricolari svedesi si fanno notare per la loro eleganza da mostrare in ogni occasione.

Io non ho resistito e li ho portati anche a spasso per Losanna, nei posti più suggestivi in cui mi piace passare i miei momenti di relax.
Del resto, l'eleganza senza tempo del design Sudio Sweden si integra perfettamente in una città come questa, che coniuga storia e innovazione ad un ritmo di vita che fa dimenticare lo scorrere del tempo.


Il nome Sudio Sweden nasce come omaggio alla canzone di Phil Collins "Sussudio" e il cantante è un po' l'ispiratore della determinazione con cui questo marchio porta avanti la sua filosofia. Uno dei fondatori di Sudio, infatti, una volta incrociò Phil Collins a New York e, vedendolo in difficoltà con le sue cuffie, sentì chiaramente tutta la frustrazione di non potergli offrire nessuna alternativa valida. Sarà stato questo aneddoto, sarà l'atmosfera vivace e creativa di Stoccolma - sede del brand -, ma Sudio Sweden oggi offre una validissima alternativa a qualsiasi auricolare finora sul mercato.

Io ho scelto il modello Sudio Vasa Rose Gold White e, oltre alle linee semplici ed eleganti e al colore che abbinerei a qualsiasi accessorio che posseggo, ho apprezzato particolarmente i cavetti piatti che, magia di tutte le magie!, non diventano un groviglio inestricabile ogni volta che li ripongo in borsa.
Tutti gli auricolari Sudio sono accompagnati da un bellissimo astuccio in cuoio che, oltre a proteggere le cuffie, mi fanno sentire cool ogni volta che lo tiro fuori anche solo casualmente.


Musica e libri, vecchi e nuovi mezzi per essere avvolti dalla magia delle parole.

Grazie alla collaborazione tra Leggimi nel pensiero e Sudio Sweden, i lettori di questo blog avranno diritto al 15% di sconto su tutti i prodotti del marchio svedese inserendo il codice promozionale leggimi sul sito di Sudio Sweden.

Commenti

  1. Ho cercato a lungo perchè anche io avevo bisogno di un paio di auricolari bluetooth , ma quelli che servivano a me dovevano essere così piccoli da essere invisibili e consentirmi di ricevere suggerimenti a distanza, ho trovato quelli Gospy che funzionano benissimo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…