Passa ai contenuti principali

Sudio, gli auricolari svedesi per letture a tempo di musica


Le parole fluiscono seguendo la propria natura e c'è poco che possiamo fare se non assecondarle.
Alcune scelgono di specchiarsi in una pagina bianca, altre preferiscono seguire l'onda delle note musicali.
Non importa il mezzo. Le parole cercano una via per entrare dentro di noi, per raccontarci storie, per trasmetterci emozioni.
A ben pensarci, sono ancora più efficaci quando sono assenti. Come una musica che, senza nessun testo, ispira tutti i versi che il nostro animo è in grado di creare.

Quando leggo, spesso accetto come unica compagnia la musica.
Che siano canzoni o melodie senza parole, ogni volta si crea una bolla in cui la realtà è diversamente percepita, filtrata dal libro che sto leggendo e dalla musica che sto ascoltando.


In qualsiasi posto mi trovi, gli auricolari Sudio Vasa del marchio svedese Sudio Sweden sono diventati l'accessorio perfetto per i momenti in cui la musica è la colonna sonora delle mie letture preferite.
Fatti a mano con particolare attenzione alla comodità - con 4 diverse misure di coperture gommate morbide -, gli auricolari svedesi si fanno notare per la loro eleganza da mostrare in ogni occasione.

Io non ho resistito e li ho portati anche a spasso per Losanna, nei posti più suggestivi in cui mi piace passare i miei momenti di relax.
Del resto, l'eleganza senza tempo del design Sudio Sweden si integra perfettamente in una città come questa, che coniuga storia e innovazione ad un ritmo di vita che fa dimenticare lo scorrere del tempo.


Il nome Sudio Sweden nasce come omaggio alla canzone di Phil Collins "Sussudio" e il cantante è un po' l'ispiratore della determinazione con cui questo marchio porta avanti la sua filosofia. Uno dei fondatori di Sudio, infatti, una volta incrociò Phil Collins a New York e, vedendolo in difficoltà con le sue cuffie, sentì chiaramente tutta la frustrazione di non potergli offrire nessuna alternativa valida. Sarà stato questo aneddoto, sarà l'atmosfera vivace e creativa di Stoccolma - sede del brand -, ma Sudio Sweden oggi offre una validissima alternativa a qualsiasi auricolare finora sul mercato.

Io ho scelto il modello Sudio Vasa Rose Gold White e, oltre alle linee semplici ed eleganti e al colore che abbinerei a qualsiasi accessorio che posseggo, ho apprezzato particolarmente i cavetti piatti che, magia di tutte le magie!, non diventano un groviglio inestricabile ogni volta che li ripongo in borsa.
Tutti gli auricolari Sudio sono accompagnati da un bellissimo astuccio in cuoio che, oltre a proteggere le cuffie, mi fanno sentire cool ogni volta che lo tiro fuori anche solo casualmente.


Musica e libri, vecchi e nuovi mezzi per essere avvolti dalla magia delle parole.

Grazie alla collaborazione tra Leggimi nel pensiero e Sudio Sweden, i lettori di questo blog avranno diritto al 15% di sconto su tutti i prodotti del marchio svedese inserendo il codice promozionale leggimi sul sito di Sudio Sweden.

Commenti

  1. Ho cercato a lungo perchè anche io avevo bisogno di un paio di auricolari bluetooth , ma quelli che servivano a me dovevano essere così piccoli da essere invisibili e consentirmi di ricevere suggerimenti a distanza, ho trovato quelli Gospy che funzionano benissimo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…