Passa ai contenuti principali

Straluna di Giuseppe Pompameo


Ci sono storie che non hanno radici eppure restano ancorate da qualche parte, tra l'animo e la testa, e difficilmente riuscirete a liberarvi dalla sensazione che avete provato mentre le leggevate.
A me è successo esattamente questo con il nuovo libro di Giuseppe Pompameo, "Straluna" [Scrittura & Scritture].

Octavio Serna è il postino di Nuvàl, un bizzarro paesino sospeso tra il silenzio e la lentezza del tempo che lì scorre in maniera diversa. Ma il lavoro di Octavio si trascina in maniera sgangherata, come la bicicletta con cui se ne va in giro e il motivo è perché a Nuvàl non arrivano e non partono lettere. Da anni, ormai, sono i ricordi - e i rimpianti - l'unico mezzo di comunicazione degli abitanti di Nuvàl, a partire da Octavio che racconta a tutti la nostalgia per suo fratello Olindo, partito per New Orleans e mai più ritornato.
Pian piano, attraverso la voce dell'autore che ci presenta i personaggi, ci rendiamo conto che a Nuvàl si vive di ricordi e di immaginazione, di passati imperfetti nella loro incompiutezza e di se ipotetici.
Nuvàl. Una località vagamente somigliante a tante altre, con file di balconi infiorati infolati dal vento a giorni alterni, la piccola piazza su cui si affacciava, come dentro una cartolina dai colori pastello, il palazzo del Municipio, e, intorno, un reticolo asimmetrico di stradine e viuzze, piene zeppe di botteghe artigiane. 
Quando si arriva a Nuvàl, si perde il cognome e la data di nascita, così che anche l'età diventa ipotetica, non è più quella data dai numeri ma dal modo di essere. Anche la banca di Nuvàl è solo un'ipotesi di banca e quando sparisce l'identità anagrafica e le regole economiche, significa che tutto è possibile, anche l'impossibile. In effetti, sia gli abitanti di Nuvàl che i rarissimi viaggiatori di passaggio sanno che la realtà in quel posto è una scommessa continua.

Gli abitanti di Nuvàl sono arrivati in città quando la realtà che fino ad un certo momento conoscevano è sfumata in una marea di dolorosi rimpianti. Per questo si sono rifugiati nei ricordi, immutabili e fissati in un passato che non possono cambiare. E quella città ipotetica è lo scenario ideale per farsi sfilare davanti agli occhi immagini che non sono reali.

Le storie che compongono la trama di "Straluna" non hanno radici perché le anime non ne hanno, fluttuano e vivono senza avere niente di terreno. Così come fluttua il genere letterario in cui potrebbe collocarsi questo libro, tra la magia dei personaggi della letteratura sudamericana e "Le città invisibili" di Italo Calvino.

Leggere "Straluna" mi ha regalato sensazioni diverse, piacevoli per quanto può essere piacevole il gusto amaro dei rimpianti con lo zucchero a velo impalpabile dei ricordi.
E se Nuvàl è un nido di case appollaiato in un'ansa di silenzio, i suoi abitanti possono essere spiriti, entità che vivono di puro sentire.

La scrittura di Giuseppe Pompameo in "Straluna" spalma di balsamo le ferite che aveva provocato con "E per dolce mangia un cuore", in una chiusa circolare che apre la via a nuove prospettive di letture future.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…