Passa ai contenuti principali

Libro cartaceo vs ebook: 5 pro e 5 contro tra la carta e il digitale


C'è chi ama Batman e chi preferisce Joker.
C'è chi non mangia altro che le polpette della nonna e chi mangia sushi come se non ci fosse un domani.
E poi ci sono quelli che non vogliono sentir parlare di ebook nemmeno se da questo dipendesse il futuro culturale dell'intero pianeta - e non è così! - e quelli che hanno relegato i libri di carta tra gli oggetti d'antiquariato.

Libro o ebook?
Ma poi... c'è davvero bisogno di scegliere?

Ho provato a fare una lista dei pro e contro di entrambi i supporti per la lettura.


Io adoro passare il dito sui libri e adoro leggere la sera, magari mentre mio marito guarda la tv e nella stanza non c'è troppa luce e l'ereader è la mia isola luminosa.
Quando leggo preferisco dimenticare il peso "fisico" del libro e con un ebook posso farlo senza pensarci.
Per tutto il giorno, nel tran tran delle cose da fare, sogno solo di disconnettermi dal mondo e affondare il naso tra le pagine - profumate! - di un libro, ma se ho bisogno di un approfondimento, non c'è niente di meglio di un ebook multitasking.

Non ci sono lati negativi, dunque, sia nel libro che nell'ebook.
Io non ci scommetterei.


Quando sto per partire, non chiedetemi di scegliere cosa avrò voglia di leggere durante il viaggio, così come non osate dirmi che devo lasciare qualche libro a casa perché in valigia non c'entra.
Se mai una volta nella vita mi ricorderò di mettere in carica l'Ipad su cui leggo, me lo farò tatuare in fronte, ve lo giuro!
Non chiedetemi di aspettare quando voglio un libro: magari è il libro perfetto per quel perfettissimo momento e... non devo dire altro! Poi magari prendo la versione ebook di quel libro e... lo dimentico nel database!
I libri saranno anche pesanti e limitanti, ma... avete mai resettato - per sbaglio! - il vostro ereader?! Ecco, non mi ci fate pensare che mi viene (di nuovo!) il panico.

E voi?
Siete strenui cavalieri della carta stampata o vi siete convertiti al digitale?

Io resto del parere che non è necessario scegliere, si possono leggere libri di carta o digitali lasciandosi guidare dal bisogno e dalle contingenze del momento.

Commenti

  1. Secondo me l'unico vero contro dei libri elettronici è che si possono piratare, il resto è solo un fattore abitudine. A me per esempio da molto fastidio leggere con il cartaceo perché quando sono a letto non so mai in che posizione mettermi in modo che sia comoda, mentre con il kindle paperwhite il problema si risolve perché posso stare sotto le coperte a non dover sclerare ogni volta che devo girare pagina o per la poca illuminazione. E' vero che bisogna caricare l'ebook, ma di solito la batteria di un reader (non tablet, ma proprio un ebook reader fatto apposta per la lettura dei libri, quindi l'unica cosa che puoi fare è leggere o comprare altri libri con la connessione internet, quindi non ci sono applicazioni che ti mangiano la batteria come non so cosa) dura moltissimo... anche se lo uso tutti i giorni, prima delle due settimane il kindle non mi si scarica... e dico due settimane se leggo tutti giorni per diverse ore al giorno. Di solito io per esempio carico l'ebook una volta al mese massimo! Quindi non c'è problema con la batteria perché comunque sono abituata con il telefono che devo caricarlo ogni giorno, perciò mentre carico il cell, penso anche all'ebook. :P
    Non mi piace nemmeno occupare i libri o fumetti in casa perché non so dove metterli, a me non piace leggerli più di una volta, quindi la maggior parte delle volte sono lì che penso: "Che due scatole, devo mettere a posto tutti questi libri / fumetti perché ho poco spazio ed è tutto in disordine"... questa cosa con un libro in formato elettronico non si verifica! Ed è bellissimo.
    Nostalgia della carta? Naaaah, non mi manca affatto la carta, quello che mi da davvero calore è la storia, non il libro in sé solo perché stampato.


    ...E poi i libri elettronici costano meno in generale, quindi il mio portafogli gioisce! Ahahah!

    Io preferisco nettamente il digitale, come credo si sia capito, ma comunque sia a prescindere dal formato sono sempre libri che aspettano solo di essere letti! Viva i libri!

    RispondiElimina
  2. "Quello che mi dà davvero calore è la storia, non il libro in sè solo perché stampato ". Applausi!
    Comprendo e condivido tutto il tuo punto di vista, non da ultimo anche per una questione economica (che è importante!). Diciamo che suddividere la lista in pro e contro è più che altro uno spunto di riflessione e di discussione. Grazie per avermi dato altre idee su cui magari scrivere dei post! :-***

    RispondiElimina
  3. Se vai sul mio blog c'è una sorpresa per te!!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …