Passa ai contenuti principali

Quando dimentico di essere una donna...


Donna perché ci si nasce e perché ci si sente.
Donna con la gonna o senza.
Donna se si sceglie di avere figli e se si sceglie di non averli. E se la natura non ha dato altra scelta.
Donna con un lavoro da uomo e con un lavoro da donna.

Io, a dirla tutta, non sono d'accordo né con quelle che vogliono festeggiare a tutti i costi, né con quelli che cercano in ogni modo, e in questa giornata di più, di far cadere lo stato di donna a un becero stato sociale da sostenere o affossare.

***e lo stato di uomo? quello non vogliamo sostenerlo o affossarlo?***
Ma voi ve lo siete mai chiesto cosa significa essere donna?
***io a volte mi chiedo anche cosa significa essere uomo, ma più per un fatto di par condicio delle domande. Ma è vero anche che a volte non mi pongo nessuna delle due domande, e non per par condicio ma perché non me ne importa molto***

Quelli che stanno là a discutere sulla questione, secondo me, sono i soliti teorici del nulla di fatto, quelli che si chiedono tutto il tempo cosa sarebbe giusto fare, ma alla fine non fanno mai niente.
E sono gli stessi che oggi pontificano su una festa che, a ben guardare, festa non è. E, sempre i teorici di cui sopra, si arrogano il diritto di poter etichettare chi dopotutto, stupidamente o meno, vuole festeggiare.

Ma voi, sì, voi che oggi avete portato le mimose o qualsiasi altro fiore alla vostra donna, voi ve lo siete mai chiesto cosa significa essere donna?


Io a volte mi dimentico di essere una donna.
Non che creda di essere un uomo, intendiamoci. 
So bene chi sono, ma spesso dimentico di percepirmi con lo stato di donna che la società mi appioppa.

Dimentico che se ingrasso, mi attribuiscono una gravidanza.

Dimentico che se mi impegno troppo nel lavoro, credono che non abbia una vita al di fuori dell'ufficio.

Dimentico che se spingo un passeggino, mi tocca di diritto avere la precedenza alle entrate, sull'autobus, mi tocca di diritto perfino quella gentilezza che tutto perdona.

Dimentico che se faccio un colloquio, mi chiederanno per forza se ho figli e se ho intenzione di averne.

Dimentico che se spingo sull'acceleratore della mia carriera, ad un certo punto, mi porranno un ALT davanti con un orologio biologico appeso sotto.

Dimentico che la gente se mi guarda cerca l'anello al dito, poi la pancia e poi inizia a darsi risposte sulla mia vita.

Dimentico che mi è concessa la libertà fin quando non si accorgeranno che ho dimenticato lo stato che mi hanno attribuito e che ho intenzione di essere, soltanto essere.


Quando dimentico di essere una donna mi sento libera di ingrassare; di lavorare fino a tardi e di chiedere un aumento per questo; mi sento libera di affermare la mia professionalità e di non darmi un tempo preciso per raggiungere qualsiasi obiettivo; mi sento libera di baciare mio marito e non perché porto un anello al dito ma semplicemente perché lo amo; mi sento libera di dimenticarmi di qualsiasi cosa e di non riconoscere lo sguardo di quelli che mi scrutano cercando risposte a domande che non gli sono state poste.

Quando dimentico di essere donna, tipo oggi, ma anche ieri o la settimana prima, mi sento veramente donna. Una in grado di fregarsene di quelli che la vorrebbero suffragetta o soubrette e di quelli pronti a deridere una data sul calendario perché proprio non se ne può fare a meno.

E se proprio mi vien voglia di festeggiare, ma non necessariamente oggi, allora festeggio la mia dimenticanza che mi rende libera di essere quello che veramente sono.

Commenti

  1. Mi sento assolutamente in sintonia con il tuo pensiero. Mi piace il tuo blog. Ti seguirò.

    Se vuoi fai un salto da me in Essere Emergenti. Ti lascio l'indirizzo: http://essereemergente.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta, allora! Grazie, sono contenta che ci scambiamo pareri! Vado a visitare il tuo blog. A presto! ^_^

      Elimina
  2. Ciao ti va di vincere dei cartacei? Sono una tua follower e blogger ti invito da me per tentare la fortuna!

    http://ilcuoreinunlibro.blogspot.it/2016/03/vecchio-amico-3-libri-senza-tempo_4.html

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…