Passa ai contenuti principali

Perché piango sempre alla fine di Matrimonio all'italiana...

Marcello Mastroianni e Sophia Loren, il loro è un matrimonio all'italiana. Almeno sullo schermo [fonte foto].

Le emozioni che ci dona un film possono esaurirsi? E se sì, dopo quante visioni accade?

Me lo sono chiesta mentre mi asciugavo gli occhi dopo aver visto per la millesima volta "Matrimonio all'italiana".
Non ricordo esattamente quando l'ho visto per la prima volta, ma so per certo che anche allora ho pianto, sempre nello stesso momento, con la stessa scena.

Per chi non lo sapesse, "Matrimonio all'italiana" è il film che Vittorio De Sica, nel 1964, trasse dall'opera teatrale di Eduardo De Filippo "Filumena Marturano" e i ruoli che furono di Eduardo e di sua sorella Titina diventarono di Sophia Loren e di Marcello Mastroianni. Quando ho visto il film  la prima volta, non conoscevo la magnificenza dell'opera originale né la maestria degli attori che ne rivestivano i ruoli, ma ne ho sempre percepito la straordinaria forza, che mi ispirava una sorta di stupore riverente.

Vittorio De Sica (a sinistra) con Sophia Loren e Marcello Mastroianni [fonte foto].
La storia, come dice la stessa Filumena, è quella più vecchia del mondo: una prostituta si innamora di un uomo ricco che non la sposa ma non la lascia andare. Passano gli anni e lei, ad un certo punto, spinta dall'ennesimo tradimento di lui, gli confessa di avere tre figli e che solo uno di quelli è suo figlio. Sarebbe una storia semplicemente complicata se i personaggi creati da Eduardo non possedessero la profondità e la grandezza dell'abisso in cui l'animo umano può sprofondare e risorgere.

Gli occhi innamorati con cui Filumena/Sophia guarda Domenico/Marcello. E quell'amore lo sentiamo anche noi!
Mimi, lo sai quando si piange? Quando si conosce il bene e non si può avere.
E io bene non ne conosco: la soddisfazione di piangere non l'ho mai potuta ave'.
Ogni volta che rivedo "Matrimonio all'italiana" ci colgo nuove sfumature, nuovi significati a ogni sguardo, a ogni sottinteso. Perché oltre alla storia d'amore di Filumena Marturano e Domenico Soriano - sì, non si tratta di nient'altro che amore -, c'è la storia di Napoli, di quella povertà così nera e soffocante che portava a trovare qualsiasi soluzione per sfuggirle; c'è la storia di quei figli abbandonati che sognavano una famiglia e che qui trovano rivendicazione. C'è la storia di una cultura così radicata che difficilmente riuscirei a dipanare il bandolo della matassa per spiegarvi da dove viene e in quale punto esatto di questo film si manifesta.



La drammaticità della storia, però, non impedisce al suo creatore di sognare un lieto fine che sciolga l'amaro in un dolce così aspro che, puntualmente, mi fa versare lacrime a fiumi.
Buongiorno, papà.
Bastano queste due parole per dirmi che non c'è niente che, alla fine, nonostante la sofferenza, non possa aggiustarsi. Era il sogno di Eduardo che diventa il sogno di De Sica, che vi pone l'accento in maniera tale che per un attimo, per un attimo solo, tutta Napoli si zittisca in attesa.



Non so spiegare perché mi piaccia tanto questo film e forse non mi importa molto. Come per tutte le cose belle che ci fanno stare bene anche solo per un attimo, non c'è bisogno di trovare tante spiegazioni.
E anche io, come Filumena, alla fine mi sento libera di piangere e di trovare in quelle lacrime una felicità inaspettata.

Sto chiagnenno, Dummi'... E quanto è bello chiagnere!

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …