Passa ai contenuti principali

Mi sei capitata per caso di Diana Malaspina


L'amore. L'odio. Un lavoro. Vincere la lotteria. L'uomo della nostra vita. Lo stronzo che ci rovina la vita. La gioia. Il dolore. La genialità.
Un figlio.

Tutte queste cose - e milioni di altre - possono capitare per caso oppure, per lo stesso caso, possono sfuggirci per sempre.
A Pamela, la protagonista di "Mi sei capitata per caso" di Diana Malaspina, tocca una gravidanza e, con ironia e un fortissimo spirito di adattamento, tutto inizia a ruotare attorno alla sua pancia. O meglio, Pamela cerca di non far ruotare proprio niente attorno all'enorme cambiamento che sta avvenendo in lei, ma accade in ogni caso.

Pamela lavora in un laboratorio di biologia molecolare e ha alle spalle un passato da pattinatrice. È una ragazza concreta e dai solidi princîpi, ma quando si tratta di Mirko non ragiona più. Così, in virtù di tutti quegli anni passati a prendersi e mollarsi, decide di concedersi un'ultima follia passando la notte insieme prima che lui parta per gli Stati Uniti.
Melania viene concepita così, per caso, ma Pamela in breve si trasforma in una mamma organizzatissima. E quando, sempre per caso, le capita di innamorarsi, si trova a fronteggiare una nuova sfida.

"Mi sei capitata per caso" è scritto in prima persona e la verve frizzante dell'autrice pervade tutto il testo, senza rendere noiosi nemmeno i brani di vita quotidiana con i ritmi che un bambino impone. Diana Malaspina racconta una storia che potrebbe essere capitata a chiunque e per questo ho sentito una particolare vicinanza, sia con l'ironia sia con i dilemmi che pure attanagliano i protagonisti. Anche quando si delinea la storia con Flavio, la trama risulta credibile e mai forzata dai dettami delle ultime mode romance: lui bello, col fisico di chi potrebbe schioccare le dita e trovarsi frotte di donne ai piedi, con un sorriso che incanta, eppure lavoratore, semplice, con i suoi limiti e le sue paure.

*** e scusate se lo preferisco ai miliardari che non si capisce bene come se li siano guadagnati, questi  benedetti miliardi! E per giunta li spendono mangiando con posate di plutonio e viaggiando in auto che si accendono con la fusione fredda! Abbiate pietà della mia intelligenza!***

Se proprio dovessi definire questo romanzo con una parola sola, direi sicuramente credibile, dall'inizio alla fine. E anche nel finale, che potrebbe essere visto come il classico lieto fine da romance, posso assicurarvi che ci sono elementi che vi faranno sorridere, come se stesse capitando a qualcuno che davvero conoscete e che, finalmente, ha quello che merita, così, per caso.

Perché l'amore - anche e soprattutto quello - capita per caso, in ogni sua forma.

Commenti

  1. Grazie per la bellissima recensione. La credibilità, per me che non sono una fan dei supermiliardari che tu hai citato, è stata in questo caso un grandissimo complimento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io sono una fan dei supermiliardari, ti assicuro! ^_^ viva la credibilità e la concretezza! Complimenti ancora, Diana! E non farci aspettare troppo per leggerti ancora! ;-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …