Passa ai contenuti principali

Mi sei capitata per caso di Diana Malaspina


L'amore. L'odio. Un lavoro. Vincere la lotteria. L'uomo della nostra vita. Lo stronzo che ci rovina la vita. La gioia. Il dolore. La genialità.
Un figlio.

Tutte queste cose - e milioni di altre - possono capitare per caso oppure, per lo stesso caso, possono sfuggirci per sempre.
A Pamela, la protagonista di "Mi sei capitata per caso" di Diana Malaspina, tocca una gravidanza e, con ironia e un fortissimo spirito di adattamento, tutto inizia a ruotare attorno alla sua pancia. O meglio, Pamela cerca di non far ruotare proprio niente attorno all'enorme cambiamento che sta avvenendo in lei, ma accade in ogni caso.

Pamela lavora in un laboratorio di biologia molecolare e ha alle spalle un passato da pattinatrice. È una ragazza concreta e dai solidi princîpi, ma quando si tratta di Mirko non ragiona più. Così, in virtù di tutti quegli anni passati a prendersi e mollarsi, decide di concedersi un'ultima follia passando la notte insieme prima che lui parta per gli Stati Uniti.
Melania viene concepita così, per caso, ma Pamela in breve si trasforma in una mamma organizzatissima. E quando, sempre per caso, le capita di innamorarsi, si trova a fronteggiare una nuova sfida.

"Mi sei capitata per caso" è scritto in prima persona e la verve frizzante dell'autrice pervade tutto il testo, senza rendere noiosi nemmeno i brani di vita quotidiana con i ritmi che un bambino impone. Diana Malaspina racconta una storia che potrebbe essere capitata a chiunque e per questo ho sentito una particolare vicinanza, sia con l'ironia sia con i dilemmi che pure attanagliano i protagonisti. Anche quando si delinea la storia con Flavio, la trama risulta credibile e mai forzata dai dettami delle ultime mode romance: lui bello, col fisico di chi potrebbe schioccare le dita e trovarsi frotte di donne ai piedi, con un sorriso che incanta, eppure lavoratore, semplice, con i suoi limiti e le sue paure.

*** e scusate se lo preferisco ai miliardari che non si capisce bene come se li siano guadagnati, questi  benedetti miliardi! E per giunta li spendono mangiando con posate di plutonio e viaggiando in auto che si accendono con la fusione fredda! Abbiate pietà della mia intelligenza!***

Se proprio dovessi definire questo romanzo con una parola sola, direi sicuramente credibile, dall'inizio alla fine. E anche nel finale, che potrebbe essere visto come il classico lieto fine da romance, posso assicurarvi che ci sono elementi che vi faranno sorridere, come se stesse capitando a qualcuno che davvero conoscete e che, finalmente, ha quello che merita, così, per caso.

Perché l'amore - anche e soprattutto quello - capita per caso, in ogni sua forma.

Commenti

  1. Grazie per la bellissima recensione. La credibilità, per me che non sono una fan dei supermiliardari che tu hai citato, è stata in questo caso un grandissimo complimento!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io sono una fan dei supermiliardari, ti assicuro! ^_^ viva la credibilità e la concretezza! Complimenti ancora, Diana! E non farci aspettare troppo per leggerti ancora! ;-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…