Passa ai contenuti principali

Libri senza padrone


Vengono a letto con me.
Stiamo insieme sul divano.
E vengono anche in bagno con me, è inutile mentire.
Li accarezzo sovrappensiero.
Li porto con me ovunque vada, ci teniamo per mano nelle passeggiate, al sole.
Stanno con me più tempo di quanto non ci stia io, in effetti.

Eppure non mi appartengono.

Perché i libri presi alla biblioteca sono senza padrone.

A Napoli ho frequentato le biblioteche soprattutto per i libri che prendevo in prestito per studio e difficilmente mi accompagnavano in giro per casa [ho sempre avuto l'abitudine di studiare alla scrivania della mia stanza]. Erano compagni di studio, ma non amici.
Per tutti gli altri libri, ho sempre soddisfatto il desiderio di leggerli comprandoli: non aveva senso passare davanti ad una libreria e limitarmi a guardare qualcosa che potevo avere nell'immediato. Sarebbe stato come passare davanti ad una pasticceria e limitarmi a dare solo una leccatina al vetro della vetrina dei dolci. Non aveva senso prendere in prestito in biblioteca dei libri che potevano andare ad arricchire la mia libreria casalinga [che in breve ha avuto bisogno di una seconda aggiunta e poi... lasciamo perdere...]. Solo libri di proprietà, insomma!


Da quando mi sono trasferita a Losanna, reperire libri (cartacei) in italiano è diventato un po' più difficile. Quando ho scoperto che la biblioteca cantonale (che si trova in un bel palazzone storico in centro) ha anche le ultime uscite dei libri del mercato italiano, è iniziato il mio pellegrinaggio periodico per vedere cosa mi propongono di nuovo.

Ed è così che ho iniziato a portare in giro con me libri di cui mi dimentico la provenienza, facendo finta perfino che mi appartengano, mentre mi fanno compagnia nei lunghi pomeriggi domenicali.
Solo raramente mi rendo conto che, allo scadere del termine indicato sul cartellino di prestito, dovrò salutarli. Allora, mi viene un po' di nostalgia.

***la stessa che provo quando so che anche il tramonto coi colori più belli si spegnerà***

I libri senza padrone portano con sé la stessa conoscenza, lo stesso conforto e lo stesso calore di quelli che compriamo.
Solo che sono più generosi e moltiplicano il bene che portano per condividerlo con quante più persone possibile.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…