Passa ai contenuti principali

Libri senza padrone


Vengono a letto con me.
Stiamo insieme sul divano.
E vengono anche in bagno con me, è inutile mentire.
Li accarezzo sovrappensiero.
Li porto con me ovunque vada, ci teniamo per mano nelle passeggiate, al sole.
Stanno con me più tempo di quanto non ci stia io, in effetti.

Eppure non mi appartengono.

Perché i libri presi alla biblioteca sono senza padrone.

A Napoli ho frequentato le biblioteche soprattutto per i libri che prendevo in prestito per studio e difficilmente mi accompagnavano in giro per casa [ho sempre avuto l'abitudine di studiare alla scrivania della mia stanza]. Erano compagni di studio, ma non amici.
Per tutti gli altri libri, ho sempre soddisfatto il desiderio di leggerli comprandoli: non aveva senso passare davanti ad una libreria e limitarmi a guardare qualcosa che potevo avere nell'immediato. Sarebbe stato come passare davanti ad una pasticceria e limitarmi a dare solo una leccatina al vetro della vetrina dei dolci. Non aveva senso prendere in prestito in biblioteca dei libri che potevano andare ad arricchire la mia libreria casalinga [che in breve ha avuto bisogno di una seconda aggiunta e poi... lasciamo perdere...]. Solo libri di proprietà, insomma!


Da quando mi sono trasferita a Losanna, reperire libri (cartacei) in italiano è diventato un po' più difficile. Quando ho scoperto che la biblioteca cantonale (che si trova in un bel palazzone storico in centro) ha anche le ultime uscite dei libri del mercato italiano, è iniziato il mio pellegrinaggio periodico per vedere cosa mi propongono di nuovo.

Ed è così che ho iniziato a portare in giro con me libri di cui mi dimentico la provenienza, facendo finta perfino che mi appartengano, mentre mi fanno compagnia nei lunghi pomeriggi domenicali.
Solo raramente mi rendo conto che, allo scadere del termine indicato sul cartellino di prestito, dovrò salutarli. Allora, mi viene un po' di nostalgia.

***la stessa che provo quando so che anche il tramonto coi colori più belli si spegnerà***

I libri senza padrone portano con sé la stessa conoscenza, lo stesso conforto e lo stesso calore di quelli che compriamo.
Solo che sono più generosi e moltiplicano il bene che portano per condividerlo con quante più persone possibile.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …