Passa ai contenuti principali

Libri senza padrone


Vengono a letto con me.
Stiamo insieme sul divano.
E vengono anche in bagno con me, è inutile mentire.
Li accarezzo sovrappensiero.
Li porto con me ovunque vada, ci teniamo per mano nelle passeggiate, al sole.
Stanno con me più tempo di quanto non ci stia io, in effetti.

Eppure non mi appartengono.

Perché i libri presi alla biblioteca sono senza padrone.

A Napoli ho frequentato le biblioteche soprattutto per i libri che prendevo in prestito per studio e difficilmente mi accompagnavano in giro per casa [ho sempre avuto l'abitudine di studiare alla scrivania della mia stanza]. Erano compagni di studio, ma non amici.
Per tutti gli altri libri, ho sempre soddisfatto il desiderio di leggerli comprandoli: non aveva senso passare davanti ad una libreria e limitarmi a guardare qualcosa che potevo avere nell'immediato. Sarebbe stato come passare davanti ad una pasticceria e limitarmi a dare solo una leccatina al vetro della vetrina dei dolci. Non aveva senso prendere in prestito in biblioteca dei libri che potevano andare ad arricchire la mia libreria casalinga [che in breve ha avuto bisogno di una seconda aggiunta e poi... lasciamo perdere...]. Solo libri di proprietà, insomma!


Da quando mi sono trasferita a Losanna, reperire libri (cartacei) in italiano è diventato un po' più difficile. Quando ho scoperto che la biblioteca cantonale (che si trova in un bel palazzone storico in centro) ha anche le ultime uscite dei libri del mercato italiano, è iniziato il mio pellegrinaggio periodico per vedere cosa mi propongono di nuovo.

Ed è così che ho iniziato a portare in giro con me libri di cui mi dimentico la provenienza, facendo finta perfino che mi appartengano, mentre mi fanno compagnia nei lunghi pomeriggi domenicali.
Solo raramente mi rendo conto che, allo scadere del termine indicato sul cartellino di prestito, dovrò salutarli. Allora, mi viene un po' di nostalgia.

***la stessa che provo quando so che anche il tramonto coi colori più belli si spegnerà***

I libri senza padrone portano con sé la stessa conoscenza, lo stesso conforto e lo stesso calore di quelli che compriamo.
Solo che sono più generosi e moltiplicano il bene che portano per condividerlo con quante più persone possibile.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…