Passa ai contenuti principali

Libri senza padrone


Vengono a letto con me.
Stiamo insieme sul divano.
E vengono anche in bagno con me, è inutile mentire.
Li accarezzo sovrappensiero.
Li porto con me ovunque vada, ci teniamo per mano nelle passeggiate, al sole.
Stanno con me più tempo di quanto non ci stia io, in effetti.

Eppure non mi appartengono.

Perché i libri presi alla biblioteca sono senza padrone.

A Napoli ho frequentato le biblioteche soprattutto per i libri che prendevo in prestito per studio e difficilmente mi accompagnavano in giro per casa [ho sempre avuto l'abitudine di studiare alla scrivania della mia stanza]. Erano compagni di studio, ma non amici.
Per tutti gli altri libri, ho sempre soddisfatto il desiderio di leggerli comprandoli: non aveva senso passare davanti ad una libreria e limitarmi a guardare qualcosa che potevo avere nell'immediato. Sarebbe stato come passare davanti ad una pasticceria e limitarmi a dare solo una leccatina al vetro della vetrina dei dolci. Non aveva senso prendere in prestito in biblioteca dei libri che potevano andare ad arricchire la mia libreria casalinga [che in breve ha avuto bisogno di una seconda aggiunta e poi... lasciamo perdere...]. Solo libri di proprietà, insomma!


Da quando mi sono trasferita a Losanna, reperire libri (cartacei) in italiano è diventato un po' più difficile. Quando ho scoperto che la biblioteca cantonale (che si trova in un bel palazzone storico in centro) ha anche le ultime uscite dei libri del mercato italiano, è iniziato il mio pellegrinaggio periodico per vedere cosa mi propongono di nuovo.

Ed è così che ho iniziato a portare in giro con me libri di cui mi dimentico la provenienza, facendo finta perfino che mi appartengano, mentre mi fanno compagnia nei lunghi pomeriggi domenicali.
Solo raramente mi rendo conto che, allo scadere del termine indicato sul cartellino di prestito, dovrò salutarli. Allora, mi viene un po' di nostalgia.

***la stessa che provo quando so che anche il tramonto coi colori più belli si spegnerà***

I libri senza padrone portano con sé la stessa conoscenza, lo stesso conforto e lo stesso calore di quelli che compriamo.
Solo che sono più generosi e moltiplicano il bene che portano per condividerlo con quante più persone possibile.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…