Passa ai contenuti principali

Il mistero dell'orso marsicano ucciso come un boss ai Quartieri Spagnoli di Antonio Menna


C'è una cosa buona nell'insonnia ai Quartieri Spagnoli: puoi camminare nei vichi quando il tumulto sfuma e qui sembra la Svizzera con i colori di Napoli.

Inizia così "Il mistero dell'orso marsicano ucciso come un boss ai Quartieri Spagnoli" [Guanda] e io, già da queste poche righe, ho sentito una sorta di gratitudine nei confronti di Antonio Menna per almeno 3 motivi:
  1. ha trovato una cosa buona nell'insonnia;
  2. ha trovato qualcosa in comune tra Napoli e la Svizzera e io, che da più di un anno vivo in terra elvetica, non ci ero ancora riuscita;
  3. mi ha messo il dubbio che, magari, negli angoli più affollati, nell'ora di punta di una giornata molto assolata e con un po' di mandolini nelle orecchie, anche la Svizzera può sembrare Napoli (o almeno mi illudo così)
Andando avanti con la lettura, ho trovato molti altri motivi per essere grata al libro che stavo leggendo, ma, essendo napoletana seppure trasferita in Svizzera, non ho avuto la puntigliosità di mettermi ad appuntarli tutti.
Vi basti sapere che mi è sembrato di essere in giro per Napoli, a volte seduta al tavolino di un bar a prendere un caffè con un amico, altre volte a rincorrere un po' in affanno le giornate pseudo-lavorative, persa in mille piccoli mestieri che compongono a stento il quadro di un lavoro intero così come dovrebbe essere da definizione.

Scritto in prima persona, nel libro la voce di Antonio Menna diventa la voce di Tony Perduto, giornalista e testimone involontario del mistero che agita i Quartieri Spagnoli. In una tranquilla e normalissima mattinata iniziata troppo presto, Tony scende in strada dal suo appartamentino abbarbicato in un palazzone dei quartieri e si trova davanti il cadavere di un orso. Enorme, scuro, misterioso nella sua immobilità fuori natura, l'orso è stato ucciso a colpi di pistola. Tutti sono alla ricerca del colpevole, e forse solo Tony è interessato anche al motivo di una tale esecuzione. Chi aveva un orso in casa o in giardino? Chi lo ha liberato attraverso il dedalo di viuzze del centro storico? E poi, perché è stato necessario ucciderlo?
Ho passato più tempo a parlare alle mie angosce che alle persone. Le ho pure catalogate. Cinque angosce, tutte sul futuro. Una per ogni giorno feriale. Puntuali. Angosce svizzere. Le ho chiamate «migliori amiche».
Ma non è del tutto vero, perché Tony parla un po' con tutti o meglio, tutti gli abitanti dei quartieri hanno sempre qualcosa da chiedergli, da dirgli, da raccontargli, soprattutto la signora Amalia coi suoi bicchierini di caffè bollente, e Don Nicola che spunta sempre per guardare verso il balconcino della signora Amalia dall'altro lato del vico. E poi parla tanto anche con Marinella, la sua migliore amica, che ha un sorriso incredibile ma Tony non ha mai avuto il coraggio di dirglielo.


Tony lavora per il giornale più importante della città e, inutile mentire, ho particolarmente apprezzato il realismo con cui viene descritta la situazione dei giornalisti cosiddetti "minori" in aziende editoriali medio/grandi. Oltre al giornalista, infatti, Perduto sbarca il lunario facendo ripetizioni a Carletto detto "Capa 'e puorco" e aggiorna il sito dell'associazione dei floricoltori. Molto spesso, come accade anche nel caso di Tony, quelli che sono considerati poco più che bassa manovalanza delle rotative, sono quelli che hanno più passione e abilità scrittoria. Perduto è un giornalista che piazza notizie di tutto rispetto, eppure il lettore meno esperto del mondo del giornalismo non riuscirà a spiegarsi il sottile disturbo che prova il caporedattore quando lo sente per telefono, non capirà perché il suddetto caporedattore inaspettatamente gli sottragga la notizia di punta per assegnarla all'ultimo galoppino e, ancor meno troverà motivi per l'insabbiamento di quello che sarebbe potuto diventare il fiore all'occhiello delle indagini giornalistiche degli ultimi anni.

Io no, mi sono spiegata tutto, ho trovato motivazioni, spiegazioni, il perché e il per come per ogni schiaffo (morale e non) che Tony Perduto è costretto a sopportare. Perché anche io mi sono trovata in situazioni simili. Perché anche io sono una giornalista. Qualcuno dice che sappia anche scrivere, di mio posso assicurare di mettere una grande passione nell'incastrare parole, una dietro l'altra.

Mi ero ripromessa di leggere "Il mistero dell'orso marsicano ucciso come un boss ai Quartieri Spagnoli" fin dall'uscita, attratta dal titolo e dalla verve dell'autore che già conoscevo per "Se Steve Jobs fosse nato a Napoli" e per la sua pagina su Facebook, ma non ci ero ancora riuscita. Fin quando, entrando per caso in una delle biblioteche più grandi di Losanna, ho visto la copertina del libro da lontano, e come succede quando si vede un vecchio amico che promettiamo sempre di chiamare e poi non lo facciamo mai, mi sono avvicinata e ho deciso di portarlo a casa con me (proprio come avrei fatto con un amico) e mi ha tenuto buona compagnia.

Il libro di Antonio Menna racconta una storia che mi ha coinvolto fin dalle primissime pagine e che, alla fine, se fossi stata a Napoli, mi avrebbe spinto a scendere in strada per vedere le cose con gli occhi di Tony Perduto. Quando è arrivata la data di fine prestito, ho salutato questo libro con un sorriso, lo stesso che avrei riservato ad un amico che sono sicura di rivedere presto.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…