Passa ai contenuti principali

Gli uomini preferiscono le dee di Celeste Giampietro Collins


Una volta gli uomini preferivano le bionde. O così ci hanno convinto Marilyn Monroe e tutte quelle dopo di lei.
Poi non è stato più sufficiente (e ve lo dice una che è stata bionda tutta la vita!) e, da un certo punto in poi, non abbiamo più capito cosa volessero, gli uomini. In alcuni casi, forse, solo un miracolo. O una dea.

Celeste Giampietro Collins ne è sicura e nel suo "Gli uomini preferiscono le dee" [Rizzoli] racconta cosa potrebbe succedere se Venere scendesse sulla terra.
In realtà non è la dea ad arrivare tra i mortali ma, grazie a una cintura che, come leggenda vuole, gli è appartenuta, ogni donna o uomo può essere una divinità in grado di ispirare - a volte anche inspiegabilmente - un'attrazione fortissima.

Carla Russo è un'archeologa (precaria) che lavora al museo di Matera, fidanzata (precaria) di Daniele che è partito per Londra e non si fa sentire da giorni. Carla sopporta da sempre i confronti che sua madre fa con la sua super truccata e super accessoriata sorellina, così come subisce le angherie del suo capo con la prospettiva che un giorno i suoi sforzi (e la sua pazienza) saranno giustamente ricompensati. Diciamo che Carla aspetta e spera che un giorno le sue qualità saranno riconosciute anche dal resto del mondo. Poi, mentre è immersa nella polvere dei reperti che sta portando alla luce, le capita tra le mani qualcosa che non si aspettava: una cintura preziosissima e misteriosa che non può essere nient'altro se non quella che i miti raccontano che la dea Venere abbia interrato proprio nei pressi di Matera.

Così, i miti e le leggende entrano nella vita quotidiana di Carla e lei è improvvisamente circondata da un'aura irresistibile che attrae gli uomini come una calamita. Anche un suo ex compagno di scuola, ora famoso attore di fiction, non riesce a starle lontano, tanto che Carla cerca così di far ingelosire Daniele, che intanto è tornato da Londra ma si è ben guardato dal chiamarla. La sicurezza che le dona questa sua nuova condizione, le permette di raggiungere anche un insperato traguardo sul lavoro.
Quando anche Daniele cade vittima dell'incantesimo della dea Venere, però, Carla si trova a chiedersi se è davvero questo che lei cerca, se può accontentarsi di un uomo che guarda lei ma in realtà preferisce una dea.

Celeste Giampietro Collins, al suo esordio narrativo, propone un testo dall'ironia brillante e leggera, con approfondimenti culturali che, si percepisce chiaramente, non sono frutto di improvvisazione. I personaggi sono ben costruiti e la storia si snoda senza alcuna falla, coerente dall'inizio alla fine, tanto che la lettura procede spedita alla ricerca dell'happy ending che, puntuale, non tarda ad arrivare.
"Gli uomini preferiscono le dee" si legge con spensieratezza, con quella certa leggerezza che la buona scrittura riesce sempre a trasmettere al lettore.

Commenti

  1. Grazie di cuore, Ramona, per la recensione precisa, accurata e arguta. Hai proprio ragione, dietro la leggerezza della storia c'è stato molto studio. E poi che mi dici mai? Gli uomini non preferiscono più le bionde!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Celeste! Per me - che ho sempre amato i miti e le leggende della cultura classica - leggere una storia che riesce ad attualizzare qualcosa che ci sembra così lontano, è stato un vero piacere. L'esperienza mi insegna che gli uomini preferiscono le bionde quando gli fa comodo, almeno alcune bionde. O almeno così mi dice mio marito... poi non saprei! :-D :-D :-D

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …