Passa ai contenuti principali

Gli uomini preferiscono le dee di Celeste Giampietro Collins


Una volta gli uomini preferivano le bionde. O così ci hanno convinto Marilyn Monroe e tutte quelle dopo di lei.
Poi non è stato più sufficiente (e ve lo dice una che è stata bionda tutta la vita!) e, da un certo punto in poi, non abbiamo più capito cosa volessero, gli uomini. In alcuni casi, forse, solo un miracolo. O una dea.

Celeste Giampietro Collins ne è sicura e nel suo "Gli uomini preferiscono le dee" [Rizzoli] racconta cosa potrebbe succedere se Venere scendesse sulla terra.
In realtà non è la dea ad arrivare tra i mortali ma, grazie a una cintura che, come leggenda vuole, gli è appartenuta, ogni donna o uomo può essere una divinità in grado di ispirare - a volte anche inspiegabilmente - un'attrazione fortissima.

Carla Russo è un'archeologa (precaria) che lavora al museo di Matera, fidanzata (precaria) di Daniele che è partito per Londra e non si fa sentire da giorni. Carla sopporta da sempre i confronti che sua madre fa con la sua super truccata e super accessoriata sorellina, così come subisce le angherie del suo capo con la prospettiva che un giorno i suoi sforzi (e la sua pazienza) saranno giustamente ricompensati. Diciamo che Carla aspetta e spera che un giorno le sue qualità saranno riconosciute anche dal resto del mondo. Poi, mentre è immersa nella polvere dei reperti che sta portando alla luce, le capita tra le mani qualcosa che non si aspettava: una cintura preziosissima e misteriosa che non può essere nient'altro se non quella che i miti raccontano che la dea Venere abbia interrato proprio nei pressi di Matera.

Così, i miti e le leggende entrano nella vita quotidiana di Carla e lei è improvvisamente circondata da un'aura irresistibile che attrae gli uomini come una calamita. Anche un suo ex compagno di scuola, ora famoso attore di fiction, non riesce a starle lontano, tanto che Carla cerca così di far ingelosire Daniele, che intanto è tornato da Londra ma si è ben guardato dal chiamarla. La sicurezza che le dona questa sua nuova condizione, le permette di raggiungere anche un insperato traguardo sul lavoro.
Quando anche Daniele cade vittima dell'incantesimo della dea Venere, però, Carla si trova a chiedersi se è davvero questo che lei cerca, se può accontentarsi di un uomo che guarda lei ma in realtà preferisce una dea.

Celeste Giampietro Collins, al suo esordio narrativo, propone un testo dall'ironia brillante e leggera, con approfondimenti culturali che, si percepisce chiaramente, non sono frutto di improvvisazione. I personaggi sono ben costruiti e la storia si snoda senza alcuna falla, coerente dall'inizio alla fine, tanto che la lettura procede spedita alla ricerca dell'happy ending che, puntuale, non tarda ad arrivare.
"Gli uomini preferiscono le dee" si legge con spensieratezza, con quella certa leggerezza che la buona scrittura riesce sempre a trasmettere al lettore.

Commenti

  1. Grazie di cuore, Ramona, per la recensione precisa, accurata e arguta. Hai proprio ragione, dietro la leggerezza della storia c'è stato molto studio. E poi che mi dici mai? Gli uomini non preferiscono più le bionde!?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Celeste! Per me - che ho sempre amato i miti e le leggende della cultura classica - leggere una storia che riesce ad attualizzare qualcosa che ci sembra così lontano, è stato un vero piacere. L'esperienza mi insegna che gli uomini preferiscono le bionde quando gli fa comodo, almeno alcune bionde. O almeno così mi dice mio marito... poi non saprei! :-D :-D :-D

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…