Passa ai contenuti principali

Tutto quello che volevo da te di Deborah Fasola

Io sono una di quelle donne che si fregano con una sola scopata. Chiariamo il concetto. Ho passato l'adolescenza da un pezzo, è ovvio, visto che ho già trent'anni, però sono anche una che se s'infila nel letto di qualcuno, se compie quel passo... be', cari miei, è fottuta. La colpa è del romanticismo che mi è stato inculcato sin da bambina. Chiederò i danni alla Disney per questo.
Nina Wood ha trent'anni, lavora in una rivista e vuole un figlio.
In realtà, vorrebbe anche un uomo con cui farlo, dal momento che Liam, il suo non-fidanzato, l'ha relegata in un rapporto che non fa passi avanti e, ormai, non le serve nemmeno più come aerobica settimanale. Nina non è più intenzionata ad aspettare che Liam si decida o che arrivi l'uomo giusto, così si reca insieme alla sua migliore amica Annie in una banca del seme, ma quella che doveva essere un'operazione relativamente semplice, si trasforma in una caccia all'uomo.
Sì, perché Nina sceglie dal catalogo di donatori un uomo che si fa chiamare Banana Split e, spinta dalla curiosità, cerca di rintracciarlo nella realtà.


Leon Kennedy fa il pornodivo ed è molto bravo nel suo lavoro. Quando Nina arriva sul set di un suo film con l'idea di intervistarlo, lui la invita a cena. Non ne può fare a meno, forse perché lei non sembra affatto interessata a lui come corpo perfetto e istinto di seduzione innato. Potrebbe filare tutto più o meno liscio, se non ci si mettesse di mezzo il caso facendo comparire prima Liam al ristorante con la sua segretaria/scopa-amica, e poi degli aggressori in strada.


Nina e Leon si legano per una serie di circostanze e poi non riescono più a staccarsi.
"Tutto quello che volevo da te" di Deborah Fasola [Rizzoli YouFeel] è un romance in piena regola, con una buona dose di eros, mescolata al romanticismo che più mi piace, cioè quello reale, quello tipico dei giorni nostri, quello che trionfa non alla fine di una favola ma nella vita di tutti i giorni. Certo, non è cosa di tutti i giorni avere a che fare con un pornodivo bellissimo e, a quanto pare, molto interessato a noi, ma il romance nasce soprattutto dalla voglia di sognare.


Avevo già letto Deborah Fasola nella commedia ironica "Un adorabile bugiardo", che pure mi era piaciuto tanto, ma la storia tra Nina e Leon mi ha fatto apprezzare ancora una volta lo stile brillante di questa autrice italiana.
"Tutto quello che volevo da te" è da leggere se avete voglia di una storia leggera e appassionata, con un pizzico di piccante stemperato da tanta ironia.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…