Passa ai contenuti principali

Tutto quello che volevo da te di Deborah Fasola

Io sono una di quelle donne che si fregano con una sola scopata. Chiariamo il concetto. Ho passato l'adolescenza da un pezzo, è ovvio, visto che ho già trent'anni, però sono anche una che se s'infila nel letto di qualcuno, se compie quel passo... be', cari miei, è fottuta. La colpa è del romanticismo che mi è stato inculcato sin da bambina. Chiederò i danni alla Disney per questo.
Nina Wood ha trent'anni, lavora in una rivista e vuole un figlio.
In realtà, vorrebbe anche un uomo con cui farlo, dal momento che Liam, il suo non-fidanzato, l'ha relegata in un rapporto che non fa passi avanti e, ormai, non le serve nemmeno più come aerobica settimanale. Nina non è più intenzionata ad aspettare che Liam si decida o che arrivi l'uomo giusto, così si reca insieme alla sua migliore amica Annie in una banca del seme, ma quella che doveva essere un'operazione relativamente semplice, si trasforma in una caccia all'uomo.
Sì, perché Nina sceglie dal catalogo di donatori un uomo che si fa chiamare Banana Split e, spinta dalla curiosità, cerca di rintracciarlo nella realtà.


Leon Kennedy fa il pornodivo ed è molto bravo nel suo lavoro. Quando Nina arriva sul set di un suo film con l'idea di intervistarlo, lui la invita a cena. Non ne può fare a meno, forse perché lei non sembra affatto interessata a lui come corpo perfetto e istinto di seduzione innato. Potrebbe filare tutto più o meno liscio, se non ci si mettesse di mezzo il caso facendo comparire prima Liam al ristorante con la sua segretaria/scopa-amica, e poi degli aggressori in strada.


Nina e Leon si legano per una serie di circostanze e poi non riescono più a staccarsi.
"Tutto quello che volevo da te" di Deborah Fasola [Rizzoli YouFeel] è un romance in piena regola, con una buona dose di eros, mescolata al romanticismo che più mi piace, cioè quello reale, quello tipico dei giorni nostri, quello che trionfa non alla fine di una favola ma nella vita di tutti i giorni. Certo, non è cosa di tutti i giorni avere a che fare con un pornodivo bellissimo e, a quanto pare, molto interessato a noi, ma il romance nasce soprattutto dalla voglia di sognare.


Avevo già letto Deborah Fasola nella commedia ironica "Un adorabile bugiardo", che pure mi era piaciuto tanto, ma la storia tra Nina e Leon mi ha fatto apprezzare ancora una volta lo stile brillante di questa autrice italiana.
"Tutto quello che volevo da te" è da leggere se avete voglia di una storia leggera e appassionata, con un pizzico di piccante stemperato da tanta ironia.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…