Passa ai contenuti principali

Tutto quello che volevo da te di Deborah Fasola

Io sono una di quelle donne che si fregano con una sola scopata. Chiariamo il concetto. Ho passato l'adolescenza da un pezzo, è ovvio, visto che ho già trent'anni, però sono anche una che se s'infila nel letto di qualcuno, se compie quel passo... be', cari miei, è fottuta. La colpa è del romanticismo che mi è stato inculcato sin da bambina. Chiederò i danni alla Disney per questo.
Nina Wood ha trent'anni, lavora in una rivista e vuole un figlio.
In realtà, vorrebbe anche un uomo con cui farlo, dal momento che Liam, il suo non-fidanzato, l'ha relegata in un rapporto che non fa passi avanti e, ormai, non le serve nemmeno più come aerobica settimanale. Nina non è più intenzionata ad aspettare che Liam si decida o che arrivi l'uomo giusto, così si reca insieme alla sua migliore amica Annie in una banca del seme, ma quella che doveva essere un'operazione relativamente semplice, si trasforma in una caccia all'uomo.
Sì, perché Nina sceglie dal catalogo di donatori un uomo che si fa chiamare Banana Split e, spinta dalla curiosità, cerca di rintracciarlo nella realtà.


Leon Kennedy fa il pornodivo ed è molto bravo nel suo lavoro. Quando Nina arriva sul set di un suo film con l'idea di intervistarlo, lui la invita a cena. Non ne può fare a meno, forse perché lei non sembra affatto interessata a lui come corpo perfetto e istinto di seduzione innato. Potrebbe filare tutto più o meno liscio, se non ci si mettesse di mezzo il caso facendo comparire prima Liam al ristorante con la sua segretaria/scopa-amica, e poi degli aggressori in strada.


Nina e Leon si legano per una serie di circostanze e poi non riescono più a staccarsi.
"Tutto quello che volevo da te" di Deborah Fasola [Rizzoli YouFeel] è un romance in piena regola, con una buona dose di eros, mescolata al romanticismo che più mi piace, cioè quello reale, quello tipico dei giorni nostri, quello che trionfa non alla fine di una favola ma nella vita di tutti i giorni. Certo, non è cosa di tutti i giorni avere a che fare con un pornodivo bellissimo e, a quanto pare, molto interessato a noi, ma il romance nasce soprattutto dalla voglia di sognare.


Avevo già letto Deborah Fasola nella commedia ironica "Un adorabile bugiardo", che pure mi era piaciuto tanto, ma la storia tra Nina e Leon mi ha fatto apprezzare ancora una volta lo stile brillante di questa autrice italiana.
"Tutto quello che volevo da te" è da leggere se avete voglia di una storia leggera e appassionata, con un pizzico di piccante stemperato da tanta ironia.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…