Passa ai contenuti principali

Oggi non ho memoria...


La prima volta che andai alla sinagoga di Napoli, mi sorpresi profondamente nell'ascoltare le parole del rabbino che parlava del popolo ebraico senza alcuna sequenza temporale.
Tra il popolo ebraico fuggito alla schiavitù d'Egitto e il popolo ebraico che animava le celebrazioni nella sinagoga di Napoli, non c'era alcuna differenza.
Tra il dolore di vite spezzate mille o una sessantina di anni fa e oggi, non c'è nessuna differenza, perché non c'è nessuna distanza.
Perché non c'è distanza cronologica se non c'è distanza emotiva.
Oggi non ho memoria perché la memoria non funziona così. Almeno non la mia.
Non si piazza nella testa, in un compartimento stagno da aprire solo un giorno e poi richiuderlo.
La mia memoria si trova da qualche parte a metà tra la testa e il cuore, fluttua senza alcuna continuità né programmazione, a ondate mi rimanda immagini di quando avevo quattro anni e di quell'unica estate di follia e amicizia in giro per i locali della costiera napoletana, mi fa risentire discorsi fatti ieri con mio marito e conversazioni avute una ventina di anni fa con gente che non frequento più. E per tutto ciò provo gioia, nostalgia, divertimento, dolore, indipendentemente dal tempo che è trascorso fino ad oggi.

Celebrare la Giornata della Memoria oggi e poi richiudere quel cassetto fino al prossimo anno, non ha alcun senso. La vergogna per la crudeltà umana ce la portiamo addosso ogni giorno, così come il dolore.
Il tempo del cuore non è un numero sul calendario che arriva una volta l'anno.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…