Passa ai contenuti principali

La passeggera di Daniela Frascati


Cosa c'è in Paradiso?

Il Paradiso, almeno nell'immaginario comune, dovrebbe essere il luogo dove non esiste alcun male, dove le anime raggiungono la pace e la luce.
"Il Paradiso" è anche il nome del piroscafo su cui è ambientato il romanzo "La passeggera" di Daniela Frascati [Scrittura & Scritture].

Per il capitano Ippolito Zocalo, la nave è un universo perfetto dove lui domina sul resto dell'umanità suddivisa in prima, seconda e terza classe. Unico dio sul quel paradiso galleggiante, Zocalo applica delle ferree leggi di discriminazione, quasi a volersi proteggere dal contatto con il popolo, nel timore di essere contagiato dall'umano sentimento della pietà. Nel suo universo perfetto, ci sono il secondo ufficiale Isidoro Chieli al suo primo viaggio, e il medico di bordo, il dottore Nerio Ferrer.

Nell'ordine perfetto che il capitano crede di aver imposto, però, accade qualcosa. O meglio, qualcuno. Una bambina magra, scura, coi capelli indomabili e occhi di pece, immensi come il buio della notte e altrettanto impenetrabili. Si chiama Aquilina e avrà forse sei anni, ma nessuno può esserne sicuro. Viaggia da sola, con una targhetta attaccata al polso con su scritto un indirizzo a cui consegnarla una volta arrivati in America. Aquilina non parla e gli altri bambini della terza classe se la portano appresso nelle loro scorribande perché la temono, hanno paura dei suoni gutturali, animali, che emette al posto delle parole, ma non stabiliscono un vero contatto con lei.

E Marie Verdier chi è?
Come per Aquilina, nessuno può esserne sicuro e, pian piano, la sua immagine superficiale si sfalda a favore di una verità più profonda e infinitamente più pericolosa. Ma, a quel punto, cosa è rimasto del Paradiso?


Il libro di Daniela Frascati racconta di un viaggio ma è esso stesso un viaggio, dal vecchio al nuovo mondo, dall'esterno all'interno, dalla superficie agli abissi dell'animo umano. Dal Paradiso all'Inferno.
Fin dalle prime pagine, nella descrizione dell'ordine e della perfezione, l'autrice trasmette al lettore un tranquillo stato d'ansia, niente di troppo angoscioso, sia chiaro, ma innegabilmente serpeggia un sentimento di inquietudine che non sapete bene da dove viene.

"La passeggera" non è un libro facile, è bene che ve lo dica, ma porta con sé quella complicata natura di cui è fatto l'animo umano, sempre in lotta tra il bene e il male, tra il pregiudizio e la verità, per quanto questa possa essere crudele.
Ad un certo punto, mentre leggevo questa storia, mi sono resa conto che, anche la vita all'apparenza più perfetta e paradisiaca - come lo è il piroscafo del capitano Zocalo - nasconde in sé una miriade pressoché infinita di gironi infernali in cui tutti possiamo cadere.

La scrittura di Frascati è semplice e potente, allo stesso tempo: io ho adorato tutti i nomi dei personaggi, nomi forti, non comuni, che portano in sé il destino di chi li porta.

La bellissima copertina, ora che la guardo meglio a fine lettura, nasconde un indizio sul finale.
Che in fondo, per quanta inquietudine e oscurità possa esserci, c'è sempre una luce che ci raggiunge. Sta a noi fare un passo avanti e immergerci nell'assoluta e rassicurante mancanza di ombre.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …