Passa ai contenuti principali

Cambiare è facile. Come liberarsi dalle cattive abitudini e vivere felici


Ci sono abitudini dure a morire. E ci sono abitudini che è bene che non muoiano.
Ma cos'è un'abitudine?

Per definizione è: 
la tendenza alla continuazione o ripetizione di un determinato comportamento, collegabile a fattori naturali o acquisiti e riconducibile al concetto di consuetudine o di assuefazione. arc. Disposizione naturale.
Si parla di ripetizione, di acquisizione di comportamenti ma anche di disposizione naturale. Proprio Gretchen Rubin nel suo libro "Cambiare è facile. Come liberarsi dalle cattive abitudini e vivere felici" edito da Sonzogno e in tutte le librerie da oggi, parla di quattro disposizioni congenite che le permettono di identificare quattro tipologie di persone: i costanti, gli accondiscendenti, i dubbiosi e i ribelli.
Ci vengono forniti sorprendentemente pochi indizi per comprendere che tipo di persone siamo. 

John Updike
In base alle diverse disposizioni, è possibile cercare di capire in che modo un individuo reagisce alle abitudini. Perché, se è vero che per essere felici basta cambiare le proprie abitudini, bisogna capire quali abitudini bisogna cambiare e quale invece tenere e cosa questo scatenerà nella persona.
Molte volte siamo tentati di imitare le abitudini di personalità fortemente produttive e creative, sperando di ottenere gli stessi risultati, ma non è così che funziona. O meglio, non funziona così per tutti. La Rubin è categorica su questo punto: non esistono soluzioni valide per tutti, perché ognuno deve coltivare le abitudini che fanno bene a lui e a lui soltanto. 

Come la felicità, che non è unica e uguale per tutti. Che deve essere coltivata come meglio si crede, accarezzata quando se ne sente il bisogno e difesa con ogni mezzo che ci sembra adatto.
Le abitudini che ci condurranno alla felicità sono personali, magari per alcuni sembreranno strambe, ma per noi diventano le fondamenta di ogni nostro bene.

Ho cercato innanzitutto di capire a quale disposizione appartengo e quali sono le abitudini che più duramente fatico ad abbandonare. I miei risultati e le mie soluzioni sono oggetto di riflessione anche in questo momento.
Per liberarmi dalle cattive abitudini, prima devo riconoscerle come tali e forse è questa la sfida più grande per me. Sì, perché, pensateci, le abitudini sono come coperte calde in cui arrotolarci quando fa freddo, sono il sapore fresco e conosciuto dell'acqua quando abbiamo sete, sono il panorama che vediamo ogni giorno aprendo la finestra di casa. E se anche ci facessero del male, beh, siamo davvero così convinti di volerle cambiare?

"Cambiare è facile" aiuta a liberarsi da tutte quelle convinzioni in cui ci crogioliamo, ma, cosa fondamentale, ci aiuta ad accettare che ci sono cose di noi che dobbiamo tenerci così come sono, anche se sono strane abitudini, anche se ci portano lontano dagli esempi esterni di comportamento che vorremmo adottare ma che non ci si addicono. E se il cambiamento arriva dall'accettazione, è più facile, non credete?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …