Passa ai contenuti principali

Un perfetto angolo di cielo (per incontrare Mr Big) di Giulia Dal Mas


Se non avete mai visto Sex and the City, allora probabilmente non potete capire cosa significa sospirare ogni volta che compare Mr Big sullo schermo. O nella vita.

Sì, perché quando Carrie Bradshaw incontra Mr Big, in realtà, non succede niente di diverso da quello che succede a ognuna di noi quando incontra LUI, l'unico uomo in grado di farci ridere e piangere - a volte nello stesso momento -, di farci innamorare e odiare l'amore, di farci pensare che niente sarà più come prima e di riportarci alla realtà con una stretta al cuore.

Per Lidia Mancini, la protagonista di "Un perfetto angolo di cielo (per incontrare Mr Big)" di Giulia Dal Mas [YouFeel Rizzoli], Mr Big è l'uomo che l'ha ingannata, tradita e gettata senza guardarsi indietro. O meglio, così crede fin quando, per una misteriosa eredità, Lidia è costretta ad andare in Inghilterra.
La sua era la generazione di Sex and the City. [...] Era nata a cavallo tra due epoche, ma ciò che davvero l'aveva segnata era stato condividere la vita con Carrie Bradshaw.
Sarà che il karma vuole avere ragione ogni volta, ma a Lidia ne capitano di tutti i colori e, come ciliegina sulla torta, la sgangheratissima macchina che ha preso in affitto si blocca nel diluvio nel bel mezzo della campagna inglese, che può essere romantica e misteriosa, certo, ma se ti trovi a combattere col fango per non rovinare un paio di magnifiche Louboutin, la situazione assume delle sfumature alquanto drammatiche. Se in questo scenario degno di Mary Shelley, compare un uomo affascinante su un cavallo nero, il quadro può dirsi assolutamente perfetto.
Quell'uomo, quell'essere apparso dal nulla in sella al suo potente destriero era stato maleducato e scostante, oltre che gentilmente offensivo.
Harry, fin dal primo momento, invia a Lidia messaggi contrastanti, proprio come Mr Big fa con Carrie, se ci pensate. È bello e irradia potere, a volte è gentile mentre altre è scostante, altezzoso, capriccioso... incomprensibile, insomma!

Ho apprezzato il libro di Giulia Dal Mas, oltre che per la storia frizzante e delicata allo stesso tempo, per le descrizioni dei paesaggi: la campagna inglese, grazie alle parole dell'autrice, vi apparirà davanti agli occhi anche se non l'avete mai vista dal vivo. Inoltre, Giulia costruisce attorno ai due personaggi principali, un gruppo di altre figure ugualmente ben delineate e non abbozzate come spesso avviene per i personaggi secondari.

Leggete "Un perfetto angolo di cielo (per incontrare Mr Big)" se avete voglia di una storia che vi regalerà un lieto fine non scontato e molto realistico.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…