Passa ai contenuti principali

Chifeletti di Monica Lombardi


I ricordi si manifestano come e quando vogliono.
Passano per gli occhi, per le orecchie, per il naso e, a volte, per il palato.
E i ricordi non sono solo attimi in cui abbandonarsi alla malinconia per le persone che non ci sono più o per i momenti che non rivivremo. I ricordi passano e spesso hanno il potere di lasciare dietro di sé la voglia di rinascere, di ripartire da quello che c'è stato per vivere più consapevolmente il futuro.

"Chifeletti. La ricetta per ricominciare" di Monica Lombardi [Emma Books] è un racconto che fa parte del Ricettario del cuore e, come nelle premesse di tutti gli altri racconti, accosta una ricetta ad una situazione emotiva.
Il testo di Monica, però, fa di più.
Oltre a raccontare un pezzo di storia familiare dell'autrice, racconta un pezzo della storia del nostro Paese: la cessione dell'Istria alla Jugoslavia.
«Femo i gnocchi?» mi chiedeva. La frase preferita della mia infanzia.
In casa di Monica, dalla nonna alla mamma, passando per lei e la sorella, le ricette di famiglia diventano attimi in cui il cuore di tre generazioni di incontra su sapori che hanno il significato che ognuno di loro vuole dargli.
Cosa sono i chifeletti? Sono i dolci di cui la famiglia è gelosa, tanto da non invitare nessuno a condividere quella delizia che, da bambini e poi, man mano, da adulti, avranno sempre e solo un significato: siamo una famiglia.
Gli gnocchi riempivamo la pancia, ma i chifeletti ci facevano felici.
"Chifeletti. La ricetta per ricominciare" racconta di nuovi inizi, dopo il trasferimento da Istria alla Toscana, dopo l'abbandono di un marito, dopo che la vita diventa un po' beffarda, dopo che l'autrice ha conosciuto più approfonditamente la storia della sua famiglia.

Tuttavia, ci sono e ci saranno sempre domande che non troveranno una risposta, ma chissà, può essere che, in fondo, in un sapore conosciuto, legato alla bellezza di un ricordo indelebile, si può trovare comunque quella serenità che è più appagante di qualsiasi quesito soddisfatto. 

Commenti

  1. ciao Ramona! Grazie per aver letto e recensito questo racconto, che è per me molto particolare, perché è la prima volta che racconto "di me" in ciò che scrivo. Ma quando da mia madre, lo scorso marzo, ho scoperto particolari del suo passato che non conoscevo, ho capito che era un pezzettino di storia che volevo assolutamente raccontare. Per me è stato un modo di rendere omaggio a tre donne grandi e generose, alle tre generazioni di donne che mi hanno preceduto.
    A presto!
    Monica

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…