Passa ai contenuti principali

Chifeletti di Monica Lombardi


I ricordi si manifestano come e quando vogliono.
Passano per gli occhi, per le orecchie, per il naso e, a volte, per il palato.
E i ricordi non sono solo attimi in cui abbandonarsi alla malinconia per le persone che non ci sono più o per i momenti che non rivivremo. I ricordi passano e spesso hanno il potere di lasciare dietro di sé la voglia di rinascere, di ripartire da quello che c'è stato per vivere più consapevolmente il futuro.

"Chifeletti. La ricetta per ricominciare" di Monica Lombardi [Emma Books] è un racconto che fa parte del Ricettario del cuore e, come nelle premesse di tutti gli altri racconti, accosta una ricetta ad una situazione emotiva.
Il testo di Monica, però, fa di più.
Oltre a raccontare un pezzo di storia familiare dell'autrice, racconta un pezzo della storia del nostro Paese: la cessione dell'Istria alla Jugoslavia.
«Femo i gnocchi?» mi chiedeva. La frase preferita della mia infanzia.
In casa di Monica, dalla nonna alla mamma, passando per lei e la sorella, le ricette di famiglia diventano attimi in cui il cuore di tre generazioni di incontra su sapori che hanno il significato che ognuno di loro vuole dargli.
Cosa sono i chifeletti? Sono i dolci di cui la famiglia è gelosa, tanto da non invitare nessuno a condividere quella delizia che, da bambini e poi, man mano, da adulti, avranno sempre e solo un significato: siamo una famiglia.
Gli gnocchi riempivamo la pancia, ma i chifeletti ci facevano felici.
"Chifeletti. La ricetta per ricominciare" racconta di nuovi inizi, dopo il trasferimento da Istria alla Toscana, dopo l'abbandono di un marito, dopo che la vita diventa un po' beffarda, dopo che l'autrice ha conosciuto più approfonditamente la storia della sua famiglia.

Tuttavia, ci sono e ci saranno sempre domande che non troveranno una risposta, ma chissà, può essere che, in fondo, in un sapore conosciuto, legato alla bellezza di un ricordo indelebile, si può trovare comunque quella serenità che è più appagante di qualsiasi quesito soddisfatto. 

Commenti

  1. ciao Ramona! Grazie per aver letto e recensito questo racconto, che è per me molto particolare, perché è la prima volta che racconto "di me" in ciò che scrivo. Ma quando da mia madre, lo scorso marzo, ho scoperto particolari del suo passato che non conoscevo, ho capito che era un pezzettino di storia che volevo assolutamente raccontare. Per me è stato un modo di rendere omaggio a tre donne grandi e generose, alle tre generazioni di donne che mi hanno preceduto.
    A presto!
    Monica

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…