Passa ai contenuti principali

Chifeletti di Monica Lombardi


I ricordi si manifestano come e quando vogliono.
Passano per gli occhi, per le orecchie, per il naso e, a volte, per il palato.
E i ricordi non sono solo attimi in cui abbandonarsi alla malinconia per le persone che non ci sono più o per i momenti che non rivivremo. I ricordi passano e spesso hanno il potere di lasciare dietro di sé la voglia di rinascere, di ripartire da quello che c'è stato per vivere più consapevolmente il futuro.

"Chifeletti. La ricetta per ricominciare" di Monica Lombardi [Emma Books] è un racconto che fa parte del Ricettario del cuore e, come nelle premesse di tutti gli altri racconti, accosta una ricetta ad una situazione emotiva.
Il testo di Monica, però, fa di più.
Oltre a raccontare un pezzo di storia familiare dell'autrice, racconta un pezzo della storia del nostro Paese: la cessione dell'Istria alla Jugoslavia.
«Femo i gnocchi?» mi chiedeva. La frase preferita della mia infanzia.
In casa di Monica, dalla nonna alla mamma, passando per lei e la sorella, le ricette di famiglia diventano attimi in cui il cuore di tre generazioni di incontra su sapori che hanno il significato che ognuno di loro vuole dargli.
Cosa sono i chifeletti? Sono i dolci di cui la famiglia è gelosa, tanto da non invitare nessuno a condividere quella delizia che, da bambini e poi, man mano, da adulti, avranno sempre e solo un significato: siamo una famiglia.
Gli gnocchi riempivamo la pancia, ma i chifeletti ci facevano felici.
"Chifeletti. La ricetta per ricominciare" racconta di nuovi inizi, dopo il trasferimento da Istria alla Toscana, dopo l'abbandono di un marito, dopo che la vita diventa un po' beffarda, dopo che l'autrice ha conosciuto più approfonditamente la storia della sua famiglia.

Tuttavia, ci sono e ci saranno sempre domande che non troveranno una risposta, ma chissà, può essere che, in fondo, in un sapore conosciuto, legato alla bellezza di un ricordo indelebile, si può trovare comunque quella serenità che è più appagante di qualsiasi quesito soddisfatto. 

Commenti

  1. ciao Ramona! Grazie per aver letto e recensito questo racconto, che è per me molto particolare, perché è la prima volta che racconto "di me" in ciò che scrivo. Ma quando da mia madre, lo scorso marzo, ho scoperto particolari del suo passato che non conoscevo, ho capito che era un pezzettino di storia che volevo assolutamente raccontare. Per me è stato un modo di rendere omaggio a tre donne grandi e generose, alle tre generazioni di donne che mi hanno preceduto.
    A presto!
    Monica

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…