Passa ai contenuti principali

10 cose da sapere prima di regalare un libro


Non amo regalare libri, a meno che non sappia al 100% di fare cosa gradita.
Allo stesso modo, non amo particolarmente ricevere libri in regalo. 
Mi spiego meglio: adoro ricevere libri, ma da quelle persone che conoscono i miei gusti e sanno cosa potrei volere. Ma è difficile. Vi dico solo che anche mio marito tentenna di fronte alla scelta, più spesso preferisce accompagnarmi, farmi scegliere e poi avviarsi direttamente alla cassa per formalizzare il regalo.

Eppure, passando in libreria oggi, c'era un folla assurda. Se pensate che anche il numero dei lettori, secondo le statistiche, non aumenta dopo le festività, vi renderete conto facilmente che i libri regalati a Natale restano sullo scaffale di casa o, peggio ancora, vengono riciclati per diventare sgraditi regali anche per qualcun altro (gira e gira, chissà che non trovino il lettore giusto per loro...).


Perché regalare libri?
Per molti, un libro è il regalo da prendere a occhi chiusi, a volte senza nemmeno leggere la quarta di copertina o comprenderne il genere. Quando lavoravo in libreria, spesso mi domandavano consiglio e, a mie domande più approfondite su genere di lettura preferito da chi avrebbe dovuto ricevere il regalo, mi si accapponava la pelle a sentire "Non saprei, so solo che gli/le piace leggere", come se questa fosse già di per sé una giustificazione sufficiente a lasciarsi passare sotto al naso qualsiasi foglio di carta stampata.

Se anche voi siete tentati di regalare uno o più libri, date un'occhiata a questo decalogo per non incappare in spiacevoli errori.
  1. Non cercate di evangelizzare. I vostri amici e la vostra famiglia sanno bene che amate leggere e, se sono stati attenti, sanno benissimo anche quale autore/libro/serie adorate al di sopra di tutto. Non approfittate delle feste per avviare un'opera di evangelizzazione regalando a tutti quell'autore/libro/serie, fregandovene se sono interessati o no. Vi guarderanno con lo stesso sguardo di compassione e odio con cui guardano chi bussa alle 8 della domenica mattina profetizzando la fine del mondo.
  2. Spiateli (digitalmente). Spulciate un po' il profilo social di chi dovrebbe ricevere il libro e segnatevi i titoli che magari ha adocchiato, prestando attenzione anche a Instagram, dove i lettori più appassionati postano le foto delle loro letture in corso d'opera. Giusto per non trovarsi con dei doppioni.
  3. Spiateli (fisicamente). Cogliete qualsiasi occasione per dare un'occhiata - fintamente indifferente - alla libreria di casa dei vostri amici. Hanno tutta la serie di un autore, tranne un libro? Scelta facile e veloce!  
  4. Spiegatevi. Quando regalate un libro, soprattutto a un non-lettore, spiegategli perché avete scelto proprio quel titolo, magari in una nota sulla primissima pagina, o in un bigliettino da usare anche come segnalibro. 
  5. Fate la domanda perfetta. Chiedete alla persona a cui volete regalare un libro, quale è l'ultimo libro che ha amato e, dalla risposta, vi renderete conto del genere e lo stile che preferisce. Naturalmente, inserite la domanda in una conversazione su tutt'altro argomento, altrimenti la sorpresa è bella e saltata.
  6. Fate un'altra domanda (quasi) perfetta. Se la persona non è un lettore, chiedete quale è l'ultimo film che ha visto e che gli è piaciuto. Se è un film tratto da un fumetto Marvel, avrete solo l'imbarazzo della scelta. Se è un film d'avanguardia iraniano/coreano/filippino, il campo di scelta si restringerà ancora di più.
  7. Non limitatevi ai libri. L'universo libresco è immenso e ci sono centinaia di idee regalo - che non sono necessariamente libri - per i lettori appassionati. Segnalibri personalizzati, T-shirt con frasi dei libri, tazze, poster, borse di stoffa in cui mettere i libri. Le idee sono praticamente infinite.
  8. Evitate di regalare una serie. Evitatelo, evitatelo peggio della peste! Lo so che siete tentati di regalare al vostro migliore amico tutti i volumi della serie del Trono di Spade, così potete parlarne insieme, ma questo non è un vero regalo. È solo una montagna di ansia che state scaricando sulla persona che riceve il regalo. Non solo voi avete speso un sacco di soldi, ma loro ora dovranno ripagarvi passando le prossime settimane/mesi a dedicare del tempo a qualcosa che non amano, solo per non ferire i vostri sentimenti. Sì, buon Natale un paio di ciufoli!
  9. Chiedete consiglio a un libraio indipendente. Se siete abbastanza fortunati da averne uno vicino casa, andate a trovarlo e passate un po' di tempo con lui. I librai indipendenti impazziscono per le sfide libresche! 
  10. Partite per la tangente. Questo è particolarmente utile per i non lettori: scoprire di cosa sono appassionati e, che sia il calcio, o la pesca del gamberetto rosa, o il lavoro all'uncinetto, prendete un libro sull'argomento. Punto. Semplice e pratico.

E pregate che seguano queste 10 regole anche quando vorranno regalare un libro a voi!

Commenti

  1. Ciao Ramona!
    Questo post mi è piaciuto molto!
    Chiarisce le idee e da ottimi consigli per non commettere errori..
    mi è piaciuto molto il punto "spiateli fisicamente"..
    hehe...neanche a farlo apposta la prima cosa che noto quando vado a casa di qualcuno sono i libri. e se sono sparsi in giro proprio non riesco ad allungare la mano per guardare di cosa si tratta! è più forte di me!!!
    A parte questo, mi piace molto il tuo blog e ho deciso di aggiungermi ai tuoi lettori fissi.
    Se ti va passa a trovarmi sul mio :)
    http://stoffedinchiostro.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! ^_^
      In effetti, anche io sbircio nelle librerie degli altri, quando vado in visita. A volte, lo faccio anche senza pensarci...
      Però, se si vogliono regalare dei libri, è bene cogliere ogni indizio sparso in giro, non credi? :D
      Grazie per essere passata!
      Ho visitato il tuo blog ed è molto carino, tra le altre cose mi sono riconosciuta in molte tue creazioni.
      A presto, allora! :-)

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…