Passa ai contenuti principali

Uccidete Pulcinella di Massimo Torre


Nessun supereroe potrebbe entrare in azione a Napoli.
Nessuno, tranne Pulcinella.

Sì, perché Pulcinella è esattamente questo per Napoli: il supereroe mascherato che ha in tasca le chiavi della città e ne conosce tutti i più piccoli anfratti, così come conosce tutti i mali che l'affliggono e lotta per salvarla. Perché salvare Napoli significa salvare se stesso.

Puccio D'Aniello fa il "tuttaio", una figura a metà tra MacGyver e Bob l'Aggiustatutto, capace di aggiustare qualsiasi cosa, dal rubinetto al computer, passando per le ingiustizie e i mali della società. In realtà, la vocazione di aggiustatutto di Puccio si estende a 360gradi per le strade della Sanità, nascosto sotto la maschera di Pulcinella.
Pulcinella doveva essere un souvenir per turisti e basta, al massimo una marionetta per gli spettacoli dei bambini. Con quella vocetta del cazzo e il bastone: «Uè!».
"Uccidete Pulcinella" di Massimo Torre [Edizioni E/O] è un libro che, con ironia e realismo, suggerisce l'idea che Napoli possa essere anche altro, per uscire dal pregiudizio comune di camorra e lassismo delle istituzioni.

"Chi ha paura di Pulcinella?" è stato il romanzo d'esordio di Torre e il primo capitolo di una serie di libri che, a mio parere, sono da non perdere. "Uccidete Pulcinella" è il secondo volume della serie e inizia dopo che Pulcinella ha vinto e il boss della Sanità, Clemente Sparaco, è morto. Un nuovo ordine pare regnare nel quartiere, ma non tutti ne sono contenti. Soprattutto Ciro Sparaco, il figlio del boss che, tutt'ad un tratto, si sente spodestato dalla successione al trono malvagio che il padre aveva preparato per lui. La frustrazione per la mancanza di potere, causa l'acuirsi della sua ossessione per pratiche sessuali dal "retro gusto", diciamo così, particolare e Rosa Bellella ne fa le spese. Fortuna che Pulcinella è sempre riuscito a salvarla e per questo Rosa gli riserva il suo cuore.
Pulcinella era sparito. La camorra era sparita. E questo per lui non era un buon segno.Quel pensiero opprimente lo costrinse a cercare aria sul balcone del suo studio. Guardò il golfo di Napoli e per un istante rimase a bocca aperta, quasi perdendo la cognizione di sé, tale era la bellezza che gli si parava davanti.
Il golfo di Napoli [foto: fonte]
I personaggi di questo secondo libro di Torre nascondono tutti un segreto, buono o cattivo, tutti conservano nel cuore un angolo meno illuminato dove nessuno può guardare e, quasi sempre, è lì che si trova la verità.

Dalla prima all'ultima pagina, non ho potuto fare a meno di godermi ogni parola, ogni immagine di Napoli veicolata da espressioni che hanno fatto breccia nella mia idea della vita a Napoli. Torre descrive in maniera così godibile anche gli aspetti meno ameni, tanto che, alla fine, mi è dispiaciuto che alcuni personaggi rimanessero così, un po' sospesi, ma questo non fa che spingermi verso il prossimo libro dell'autore.

Di norma non amo molto le serie, ma, chissà perché, quelle ambientate a Napoli diventano immancabilmente le mie preferite.

***sto scherzando. Lo sapete benissimo perché. Lo sanno anche le pietre, il perché***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …