Passa ai contenuti principali

Tortelli di zucca di Bianca Garavelli


Non ho mai voluto farmi leggere le carte. I Tarocchi antichi hanno sempre costituito per me delle belle opere d'arte, ma nulla più.
Forse per paura, forse perché non amo che mi si svelino i finali, ma ho sempre preferito che le stelle mi stessero solo a guardare, senza dirmi niente.

Maria si sente troppo legata al passato per riuscire a vedere il suo futuro, ma quando a un evento incrocia la famosa cartomante Madame Viviana, non resiste e si siede davanti a lei in cerca di un responso. 
In "Tortelli di zucca. La ricetta del tempo ritrovato" di Bianca Garavelli [Emma Books], si viaggia insieme alla protagonista tra passato e futuro, soffermandosi su un presente che non sempre è come vogliamo.
Per lei Milano era una città presuntuosa e avara, soprattutto nel concedersi a chi considerava un intruso. Era considerata una capitale morale, ma non le sembrava degna di una simile definizione. Troppo incentrata su particolari insignificanti, sulla futilità di eventi effimeri, di cui non restava nemmeno il ricordo.
Maria trova in un vecchio armadio la lettera di suo zio Giacomo, il fratello di suo nonno, e capisce che il talento per la scrittura, che l'ha portata a diventare una giornalista e un'autrice affermata, lo ha preso da quel ramo della famiglia. Capisce anche che ci sono legami che resistono al tempo, alle avversità e perfino alla morte.
Inaspettatamente, il futuro inizia ad affacciarsi nella sua vita quando incontra Gianluca, un fotografo che non sembra per niente disposto a resistere all'attrazione che, fin dal primo momento, si instaura tra di loro.

Quando Maria consulta Madame Viviana, non sa bene cosa chiederle, perché vorrebbe che il suo rapporto appena nato con Gianluca avesse il brivido della sorpresa. Madame Viviana, però, legge nelle sue carte il carattere e il suo rapporto con il passato e le predice l'arrivo di una ricompensa per una perdita che ha subito: la carta dell'Angelo indica la protezione di forze benefiche che agiranno attorno a lei, ma indica anche un cambiamento. Maria è confusa e vorrebbe saperne di più, ormai che c'è, ma non si può scavare più a fondo nei Tarocchi. Subito dopo, però, si renderà conto che ogni carta trova riscontro nella sua realtà.

Bianca Garavelli tratteggia una storia che, pian piano, da delicata diventa sempre più decisa, fino ad assumere le tinte forti, fortissime, di sentimenti che si nutrono di peccato e perdono, di amicizia e rivalità, di fiducia e risentimento, ma alla fine vivono solo di amore, in tutte le sue declinazioni.

"Tortelli di zucca. La ricetta del tempo ritrovato" è un racconto intriso di speranza e nostalgia, perché in fondo, per ritrovare il tempo, prima bisogna perderlo e vivere con un occhio al passato, forse, è la maniera più agrodolce per lasciarsi sfuggire il presente tra le dita. 
Il tempo che si perde, però, si può ritrovare e la speranza è tutta lì.

Commenti

  1. Grazie per questa lettura così sensibile, che mi fa scoprire sfumature nuove del mio stesso racconto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Novembre dorato

L'autunno è arrivato tardi ma poi è esploso in tutti i colori che lo caratterizzano. Passeggiando con mia figlia nel bosco che abbiamo sotto casa, su sentieri di foglie dorate, mi sono ricordata che quando ero piccola il mio colore preferito era il giallo. Come erano i miei capelli, come un prendisole che mi aveva cucito mia zia con i bottoncini a forma di matitine gialle, come tutte le cose che sceglievo liberamente. Giallo. Chissà perché lo avevo dimenticato.
Ho cucinato, per quanto mi fosse possibile, piatti che richiamassero l'autunno: risotti ai funghi (mai buoni come quelli che fa mio marito, ma tant'è), zuppe di zucca, arrosti. Non so perché, ma ogni volta che mi sono trovata a fare la spesa, mi è sembrato di avere sotto il naso l'odore del bosco e l'ho seguito finché non ho saputo di essere nel posto giusto.
Ho letto e ho scritto ma non nella misura che mi è sembrato sufficiente, né dell'una né dell'altra cosa. Sia della lettura che della scrittura…

Novità: Il Club delle Pigiamiste di Giulia Binazzi e Chiara Leonardi

Il Club delle Pigiamiste Giulia Binazzi (testi) e Chiara Leonardi (illustrazioni) A40annivieneilbello Edizioni

Pigiamisti non si diventa, pigiamisti si è!
Quando ancora tutti dormono, apre il Club delle Pigiamiste. Le due protagoniste, nonché fondatrici del Club, Alice e Caterina, si trovano a dover gestire una richiesta sospetta di ingresso al Club da parte di un nuovo inquilino del palazzo. Solo il Grande Consiglio Mondiale delle Pigiamiste potrà aiutarle a sciogliere il dilemma: sarà un vero pigiamista?
Una storia divertente e leggera, che farà venire voglia ai più piccoli di ributtarsi sotto le coperte e iniziare una delle mille avventure nella propria camera da letto, in un luogo intimo e protetto in cui la fantasia può sbocciare, in cui uno scatolone diventa una macchina per raggiungere il sole, un tavolo può diventare magicamente un palcoscenico sul quale esibirsi e una coperta un mare gremito di stelle marine. Le bambine e i bambini si riconosceranno nell'atmosfera di casa …