Passa ai contenuti principali

Nero Dostoevskij di Antonio Mesisca


La letteratura russa ha sempre posseduto, per me, un fascino irresistibile e, a dir la verità, inspiegabile. 
Irresistibile perché, di fronte a uno dei suoi grandi autori, io mi prostro sempre e finisco per comprare il libro, poi mi ci immergo anche e passo i pomeriggi a snocciolare sulla lingua i patronimici che mi fanno impazzire.
Inspiegabile perché, sinceramente, molte volte non riesco a immedesimarmi nei personaggi, se non per le passioni fortissime, il senso dell'onore radicato o quel misto tra gioia e profondissima malinconia. Non so. Sta di fatto che Dostoesvkij e io ci siamo sempre guardati con rispetto, ma non siamo mai andati oltre letture sporadiche e quasi clandestine.

"Nero Dostoevskij" di Antonio Mesisca (Scrittura & Scritture) ha poco in comune con la letteratura russa, se non forse i sentimenti profondi che suscita nel lettore. Primo fra tutti, il desiderio di dare una bella scrollata a Oscar Peretti, il protagonista della storia ma, soprattutto, l'antagonista di se stesso.
Dalle primissime righe del libro, Oscar vi farà prudere le mani e pian piano capirete che il casino - casino o casinò, visto il vizio del gioco - che è la sua vita ha un senso che quasi sicuramente vi sfuggirà.

Antonio Mesisca costruisce un personaggio negativo in maniera così perfetta che diventa godibile nonostante il fastidio che potrebbe causarvi. Sì, perché Oscar dà fastidio a parecchie persone, forse si dà fastidio anche da solo, ma non riesce a cambiare, se non passando dal peggio al nero più profondo. Nero Dostoevskij, appunto.

Oscar è un uomo che, grazie al matrimonio con una donna di cui ama solo il cospicuo patrimonio, fa la bella vita. Ma, come tutti i dannati dentro, non gli basta. Rincorre i brividi anche mettendo in pericolo la propria vita e se sperate in un pentimento, in un cambiamento di rotta, in qualcosa insomma, siete degli ingenui.

Non lasciatevi ingannare, però. L'autore vuole bene a questo personaggio. Lo testimonia la sua scrittura senza sbavature, netta come il taglio di un bisturi e altrettanto pericolosa. Sì, perché alla fine vi sentirete nei panni di Peretti e vi sembrerà che tutto è concesso per salvarlo/vi.
In fondo, "the dark side of the moon" non è poi così brutto come lo descrivono i moralisti.

E Dostoevskij? Lui è sempre presente, dall'inizio alla fine, in un incastro perfetto e geniale che Antonio Mesisca crea tra il suo romanzo e quelli dello scrittore russo. Un incastro un po' diabolico. E nero, sì, nero come l'inferno.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…

Anteprima: Lo Straordinario di Eva Clesis

Lo Straordinario Eva Clesis Las Vegas Edizioni dal 15 febbraio in libreria
Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica. Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia. Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sco…