Passa ai contenuti principali

'A livella di Antonio De Curtis


Ogn'anno il due Novembre, c'e l'usanza,
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vincenza.
St'anno m'è capitata 'n' avventura....
dopo di aver compiuto il triste omaggio,
(Madonna !), si ce penzo, che paura !
ma po' facette un'anema e coraggio.
'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d' 'a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un'occhio a qualche sepoltura.
"QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L'UNDICI MAGGIO DEL TRENTUNO".
'O stemma cu 'a corona 'ncoppa a tutto....
....sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
trè mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto;
cannelle, cannellote e sei lumine.
Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore,
nce steva n'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore,
pe' segno, sulamente 'na crocella.
E 'ncoppa 'a croce appena si leggeva:
"ESPOSITO GENNARO NETTURBINO".
Guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino !.
Questa è la vita ! 'Ncapo a me penzavo....,
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente !
Stu povero maronna, s'aspettava
ca pure all'atu munno era pezzente ?
Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i' rummennette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura....nnanze a cannelotte.
Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano ?
Ddoje ombre avvicinarse 'a parte mia....
Penzaje...stu fatto a mè mme pare strano...
Stongo scetato...dormo, o è fantasia ?
Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c''o tubbo, 'a caramella, e c''o pastrano;
chill'ato apriesso a isso in brutto arnese
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.
E chillo certamente è don Gennaro...
'o muorto puveriello....'o scupatore
'Int'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se retireno a chest'ore ?
Putevano stà 'a mè quasi 'nu palmo,
quando 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e, tomo tomo, calmo calmo,
dicette a don Gennaro: " Giovanotto !
Da voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire, e come aveto osato,
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a mè che sono un blasonato ?!
La casta è casta, e và sì, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
la vostra salma, andava sì inumata,
ma seppellita nella spazzatura !
Ancora oltre sopportar non posso,
la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso,
tra i vostri pari, trà la vostra gente "
" Signor Marchese, nun è colpa mia,
iì nun v'avesse fatto chistu tuorto,
mia moglie è stata, a 'ffà stà fessaria,
i' che putevo fà si ero muorto ?
Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj....'nd'a stu mumento
mme ne trasese dinto a n'ata fosse. "
" E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza ?
Se io non fossi stato un titolato,
avrei già dato piglio alla violenza !"
" Famme vedé....pigliala stà violenza....,
'A verità Marché' , me só scucciate,
'e tè sentì; e si perdo la pazienza,
me scordo ca so' muorto e so' mazzate.....!
Ma chi te cride d'essere...nu ddio ?
Ca dinto, o vvuò capì, ca simmo eguale ?
......Muorto si' tu, e muorto so' pur io;
ognuno comme a 'n'ato è tale e qquale ".
" Lurido porco !...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali ? "
" Tu quà Natale..., Pasca e Ppiffania ! ! !
T''u vvuò mettere 'ncapo...'int''a cervella
che staje malato ancora 'e fantasia ?
'A morte 'o ssaje ched'è ? è una livella.
'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
traseno stu canciello ha fatt''o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nun t'hè fatto ancora chistu cunto ?
Perciò stamme a ssentì...nun fà o restivo,
suppuortame vicino...che t'importa ?
Stì pagliacciate 'e fanno sulo 'i vive...
nuje simmo serie...appartenimmo â morte !"

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…