Passa ai contenuti principali

'A livella di Antonio De Curtis


Ogn'anno il due Novembre, c'e l'usanza,
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vincenza.
St'anno m'è capitata 'n' avventura....
dopo di aver compiuto il triste omaggio,
(Madonna !), si ce penzo, che paura !
ma po' facette un'anema e coraggio.
'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d' 'a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un'occhio a qualche sepoltura.
"QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L'UNDICI MAGGIO DEL TRENTUNO".
'O stemma cu 'a corona 'ncoppa a tutto....
....sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
trè mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto;
cannelle, cannellote e sei lumine.
Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore,
nce steva n'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore,
pe' segno, sulamente 'na crocella.
E 'ncoppa 'a croce appena si leggeva:
"ESPOSITO GENNARO NETTURBINO".
Guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino !.
Questa è la vita ! 'Ncapo a me penzavo....,
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente !
Stu povero maronna, s'aspettava
ca pure all'atu munno era pezzente ?
Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i' rummennette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura....nnanze a cannelotte.
Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano ?
Ddoje ombre avvicinarse 'a parte mia....
Penzaje...stu fatto a mè mme pare strano...
Stongo scetato...dormo, o è fantasia ?
Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c''o tubbo, 'a caramella, e c''o pastrano;
chill'ato apriesso a isso in brutto arnese
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.
E chillo certamente è don Gennaro...
'o muorto puveriello....'o scupatore
'Int'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se retireno a chest'ore ?
Putevano stà 'a mè quasi 'nu palmo,
quando 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e, tomo tomo, calmo calmo,
dicette a don Gennaro: " Giovanotto !
Da voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire, e come aveto osato,
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a mè che sono un blasonato ?!
La casta è casta, e và sì, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
la vostra salma, andava sì inumata,
ma seppellita nella spazzatura !
Ancora oltre sopportar non posso,
la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso,
tra i vostri pari, trà la vostra gente "
" Signor Marchese, nun è colpa mia,
iì nun v'avesse fatto chistu tuorto,
mia moglie è stata, a 'ffà stà fessaria,
i' che putevo fà si ero muorto ?
Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj....'nd'a stu mumento
mme ne trasese dinto a n'ata fosse. "
" E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza ?
Se io non fossi stato un titolato,
avrei già dato piglio alla violenza !"
" Famme vedé....pigliala stà violenza....,
'A verità Marché' , me só scucciate,
'e tè sentì; e si perdo la pazienza,
me scordo ca so' muorto e so' mazzate.....!
Ma chi te cride d'essere...nu ddio ?
Ca dinto, o vvuò capì, ca simmo eguale ?
......Muorto si' tu, e muorto so' pur io;
ognuno comme a 'n'ato è tale e qquale ".
" Lurido porco !...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali ? "
" Tu quà Natale..., Pasca e Ppiffania ! ! !
T''u vvuò mettere 'ncapo...'int''a cervella
che staje malato ancora 'e fantasia ?
'A morte 'o ssaje ched'è ? è una livella.
'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
traseno stu canciello ha fatt''o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nun t'hè fatto ancora chistu cunto ?
Perciò stamme a ssentì...nun fà o restivo,
suppuortame vicino...che t'importa ?
Stì pagliacciate 'e fanno sulo 'i vive...
nuje simmo serie...appartenimmo â morte !"

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…