Passa ai contenuti principali

'A livella di Antonio De Curtis


Ogn'anno il due Novembre, c'e l'usanza,
per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll'adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn'anno, puntualmente, in questo giorno,
di questa triste e mesta ricorrenza,
anch'io ci vado, e con dei fiori adorno
il loculo marmoreo 'e zi' Vincenza.
St'anno m'è capitata 'n' avventura....
dopo di aver compiuto il triste omaggio,
(Madonna !), si ce penzo, che paura !
ma po' facette un'anema e coraggio.
'O fatto è chisto, statemi a sentire:
s'avvicinava ll'ora d' 'a chiusura:
io, tomo tomo, stavo per uscire
buttando un'occhio a qualche sepoltura.
"QUI DORME IN PACE IL NOBILE MARCHESE
SIGNORE DI ROVIGO E DI BELLUNO
ARDIMENTOSO EROE DI MILLE IMPRESE
MORTO L'UNDICI MAGGIO DEL TRENTUNO".
'O stemma cu 'a corona 'ncoppa a tutto....
....sotto 'na croce fatta 'e lampadine;
trè mazze 'e rose cu 'na lista 'e lutto;
cannelle, cannellote e sei lumine.
Proprio azzeccata 'a tomba 'e stu signore,
nce steva n'ata tomba piccerella,
abbandunata, senza manco un fiore,
pe' segno, sulamente 'na crocella.
E 'ncoppa 'a croce appena si leggeva:
"ESPOSITO GENNARO NETTURBINO".
Guardannola, che ppena me faceva
stu muorto senza manco nu lumino !.
Questa è la vita ! 'Ncapo a me penzavo....,
chi ha avuto tanto e chi nun ave niente !
Stu povero maronna, s'aspettava
ca pure all'atu munno era pezzente ?
Mentre fantasticavo stu penziero,
s'era ggià fatta quase mezanotte,
e i' rummennette 'nchiuso priggiuniero,
muorto 'e paura....nnanze a cannelotte.
Tutto a 'nu tratto, che veco 'a luntano ?
Ddoje ombre avvicinarse 'a parte mia....
Penzaje...stu fatto a mè mme pare strano...
Stongo scetato...dormo, o è fantasia ?
Ate che fantasia; era 'o Marchese:
c''o tubbo, 'a caramella, e c''o pastrano;
chill'ato apriesso a isso in brutto arnese
tutto fetente e cu 'na scopa mmano.
E chillo certamente è don Gennaro...
'o muorto puveriello....'o scupatore
'Int'a stu fatto i' nun ce veco chiaro:
so' muorte e se retireno a chest'ore ?
Putevano stà 'a mè quasi 'nu palmo,
quando 'o Marchese se fermaje 'e botto,
s'avota e, tomo tomo, calmo calmo,
dicette a don Gennaro: " Giovanotto !
Da voi vorrei saper, vile carogna,
con quale ardire, e come aveto osato,
di farvi seppellir, per mia vergogna,
accanto a mè che sono un blasonato ?!
La casta è casta, e và sì, rispettata,
ma voi perdeste il senso e la misura;
la vostra salma, andava sì inumata,
ma seppellita nella spazzatura !
Ancora oltre sopportar non posso,
la vostra vicinanza puzzolente.
Fa d'uopo, quindi, che cerchiate un fosso,
tra i vostri pari, trà la vostra gente "
" Signor Marchese, nun è colpa mia,
iì nun v'avesse fatto chistu tuorto,
mia moglie è stata, a 'ffà stà fessaria,
i' che putevo fà si ero muorto ?
Si fosse vivo ve farrie cuntento,
pigliasse a casciulella cu 'e qquatt'osse
e proprio mo, obbj....'nd'a stu mumento
mme ne trasese dinto a n'ata fosse. "
" E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
che l'ira mia raggiunga l'eccedenza ?
Se io non fossi stato un titolato,
avrei già dato piglio alla violenza !"
" Famme vedé....pigliala stà violenza....,
'A verità Marché' , me só scucciate,
'e tè sentì; e si perdo la pazienza,
me scordo ca so' muorto e so' mazzate.....!
Ma chi te cride d'essere...nu ddio ?
Ca dinto, o vvuò capì, ca simmo eguale ?
......Muorto si' tu, e muorto so' pur io;
ognuno comme a 'n'ato è tale e qquale ".
" Lurido porco !...Come ti permetti
paragonarti a me ch'ebbi natali
illustri, nobilissimi e perfetti,
da fare invidia a Principi Reali ? "
" Tu quà Natale..., Pasca e Ppiffania ! ! !
T''u vvuò mettere 'ncapo...'int''a cervella
che staje malato ancora 'e fantasia ?
'A morte 'o ssaje ched'è ? è una livella.
'Nu rre, 'nu maggistrato, 'nu grand'ommo,
traseno stu canciello ha fatt''o punto
c'ha perzo tutto, 'a vita e pure 'o nomme:
tu nun t'hè fatto ancora chistu cunto ?
Perciò stamme a ssentì...nun fà o restivo,
suppuortame vicino...che t'importa ?
Stì pagliacciate 'e fanno sulo 'i vive...
nuje simmo serie...appartenimmo â morte !"

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …