Passa ai contenuti principali

Tristan e Doralice di Francesca Cani


L'amore non ha regole e questo non è un cliché, semmai una maledizione che ognuno di noi si porta addosso senza saperlo.
Un amore, che nasce dove non dovrebbe, è quello che ficca nel cuore i suoi artigli più taglienti e non si estirpa più.

Quando Tristan e Doralice si incontrano, i loro cuori sono già persi.
"Tristan e Doralice. Un amore ribelle" di Francesca Cani [Leggereditore] è un romanzo storico ambientato nell'Italia di Matilda di Canossa e di Enrico IV, tra il 1076 e il 1092. 
Doralice è la signora di Lacus e, cosa più importante, è la protetta della Magna Comitissa: suo padre Filippo è stato ucciso durante un duello in una giostra organizzata dal sadico Enrico e sua madre è morta in un'imboscata. Doralice sta imparando a mandare avanti il feudo seguendo gli insegnamenti di una donna forte e indipendente come Matilda.
Tristan è un cavaliere sottomesso dal volere del tirannico Rex Romanorum, ma è anche un duca a cui è stata tolta ogni cosa, ogni affetto e, soprattutto, la speranza del futuro. Lo chiamano "Occhi del Diavolo" perché, proprio come suo padre, ha un'iride azzurra e una dorata, e Tristan sente di avere l'inferno dentro.
Fino al giorno in cui incontra Doralice.

Doralice gli apparteneva e lui sentiva di essere vincolato a lei.
Sotto le mentite spoglie di un pellegrino penitente, Tristan si unisce ai manovali che stanno costruendo la pieve di San Lorenzo sotto la supervisione della ragazza. Ha una missione segreta, ma quando gli occhi verdi e puri di Doralice lo guardano, tutto il rancore, la vendetta e il dolore, trovano una tregua. I tradimenti, i complotti e i segreti di cui la Storia è piena ma che non sono riportati nei libri di scuola, sono lì per dividere i due amanti.

Doralice era vita, speranza e lui aveva bisogno di credere, di amare.
Confesso che è la prima volta che leggo un romance storico ambientato in Italia in questa precisa epoca e mi ha permesso di cercare ulteriori informazioni sulla figura di Matilde (o Matilda) di Canossa e della politica che ha perpetrato durante i suoi 40 anni di regno. Francesca Cani, attraverso la storia d'amore di Tristan e Doralice, racconta la figura di Matilde come quella di una donna che, oltre alle ragioni di Stato, serbava nel cuore anche sentimenti profondi e indistruttibili, quasi quanto la sua ferrea volontà. È difficile resistere al fascino di questa figura femminile, quasi quanto è impossibile non lasciarsi appassionare dalla sensualità dei due amanti.

L'autrice costruisce perfettamente il contesto storico e culturale in cui i protagonisti si muovono e le descrizioni dei luoghi e dei particolari delle abitazioni risultano una parte fondamentale del racconto per potersi immergere pienamente nella vicenda.

Mi è piaciuto particolarmente l'intreccio tra intrighi e segreti, tra colpi di scena inaspettati e improvvisi colpi di fortuna: la trama si incastra perfettamente in questi espedienti narrativi mai banali e finemente intessuti affinché il lettore non possa mai annoiarsi.
La scrittura di Francesca diviene chirurgica nella descrizione delle parti più crude, senza mai cadere nel patetico e, anzi, alzando la tensione partecipativa fino a provocare nel lettore dei brividi (o almeno, a me è successo di averli).

Il finale è da romance, ma, credetemi, non sarebbe stato possibile altrimenti. Dopo aver sofferto, palpitato e sospirato con Tristan e Doralice, anche il lettore più navigato va alla ricerca del balsamo del lieto fine. Balsamo che arriva, puntualmente sancito e benedetto dalla Storia.

Leggete "Tristan e Doralice. Un amore ribelle" se avete voglia di una storia dolce e intensa, pura e forte, limpida e dolorosamente intricata, come possono esserlo solo le storie dal sapore d'altri tempi.

Commenti

  1. Grazie per aver letto il mio libro! Grazie per avermi ospitata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Complimenti, Francesca! Alla prossima lettura!

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…