Passa ai contenuti principali

Pappa al pomodoro di Anja Massetani


Spesso si dice che non si torna indietro nemmeno per prendere la rincorsa.
Ma se indietro abbiamo lasciato un pezzo della nostra vita, forse è giusto fare un viaggio a ritroso nel tempo e nello spazio.
Così, quando a Cosimo Pacini si presenta l'occasione di tornare finalmente a Firenze per occuparsi del ristorante dello zio appena defunto, lui la coglie. E poco importa se è un pasticciere e là dovrebbe fare il cuoco improvvisato, per di più in un ristorante sull'orlo del fallimento. Lui a Firenze ha lasciato un pezzo di cuore e le origini della sua passione per la cucina sono nate proprio là.

"Pappa al pomodoro. La ricetta del ritorno" di Anja Massetani [Emma Books] è un libro delicato, eppure deciso, come il sapore della pappa al pomodoro.
L'Osteria La Tentazione è da tempo che non è più una tentazione per i suoi clienti, forse soprattutto a causa del caratteraccio di Renzo Pacini, lo zio di Cosimo, improvvisamente deceduto che ha lasciato al nipote lontano una bella gatta da pelare.
Finalmente, Cosimo aveva tra le mani l'occasione di tornare a vivere a Firenze e non poteva buttarla via.
Ma Cosimo ha la buona intuizione di rivolgersi a una azienda di prodotti biologici e lì si imbatte negli occhi incredibilmente verdi di Angelia Giovannelli. Purtroppo Renzo aveva fatto danni pure là e gli inizi della loro conoscenza non sono dei migliori.
La pappa al pomodoro e il desiderio di ridare un futuro all'osteria, però, sono più forti di tutto e tra Angelia e Cosimo sembra instaurarsi una tregua fatta di una sottile e innegabile attrazione.

L'amore, si sa, passa anche attraverso gli odori e i sapori e quelli che iniziano ad uscire dalla cucina della Tentazione, fanno venire l'acquolina in bocca a tutti.
Cosimo torna a casa quando assaggia di nuovo la pappa al pomodoro, stavolta preparata da lui stesso e gli occhi di Angelia gli promettono un nuovo futuro.

Anche questo capitolo del Ricettario del Cuore di Emma Books in occasione di Expo2015 lascia sul palato un sapore dolce, forse un po' malinconico, con nuove e inaspettate declinazioni di gusto che ogni reinterpretazione personale di una ricetta ha.
È il rimedio perfetto per chi ha di fronte un'opportunità inaspettata, sperata, ma anche difficile da gestire. È la ricetta del sogno che si avvera, del ritrovo delle proprie radici, della vita che si completa.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…