Passa ai contenuti principali

La mia musica sei tu di Alessandra Angelini


A volte succede di non capirsi. Con le persone, come con i libri.

Si resta là qualche tempo a cercare di capire perché le cose sono andate in un certo modo, ma poi ci si rende conto che non poteva essere altrimenti e, pur dispiacendosene, si va oltre.

Ultimamente mi è capitato con un libro, "La mia musica sei tu" di Alessandra Angelini
L'ho letto, ci ho riflettuto su per un po', ma non ci siamo capiti, diciamo così.

Isabella è la figlia privilegiata di una famiglia benestante di Roma: il padre, avvocato e senatore, esercita un controllo costante e asfissiante su ogni aspetto della sua vita, mentre la madre è succube e silente. Dopo aver scoperto che il suo fidanzato storico la tradisce, Isabella chiede al padre di andare a studiare per un po' a Milano, ospite dello zio. Durante una serata di musica in giro per locali con la cugina Cristina, Isabella conosce Denis, il batterista di un gruppo punk rock e i due iniziano una tormentatissima storia d'amore.

Sarà che Isabella è troppo una brava ragazza e che Denis è troppo "bad boy", ma non ho particolarmente gradito tutte le esagerazioni - forse tipiche dei romanzi young adult - presenti nella storia.
Esagerazioni che si esplicano in pianti a dirotto non appena lui le fa un discorso un po' più sentimentale; in litigi che sembrano furiosi e invece si risolvono come una tempesta in un bicchier d'acqua; in fragilità che potrebbero mandare in mille pezzi persone ben più strutturate di come viene descritta la protagonista e invece la sbriciolano per poi rimetterla insieme (anche se in maniera molto precaria, a mio avviso). La band è una famiglia unita "tutti per uno, uno per tutti" e, quando il cantante ha problemi con alcol e droga (non sarà troppo un cliché?), tutti si adoperano per salvarlo, prima fra tutti Isabella (che per quanto è fragile, non dovrebbe proprio essere lei a sostenerlo). La band, ovviamente, raggiunge il successo e viene intervistata da una famosa rivista di musica: non lasciatevi mordere dalla curiosità, c'è tutta l'intervista ben trascritta con domande e risposte!

Non sono riuscita a reperire ulteriori informazioni sull'autrice, ma credo che sia un'esordiente.
Alcune parti del libro - quelle con le frasi da sottolineare, per intenderci - fanno pensare che, con i prossimi esercizi di stile, arriverà anche la giusta maturità di scrittura, perché i semi sembrano esserci tutti.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…