Passa ai contenuti principali

Il potere (sottovalutato) della rilettura


Se un libro non dà piacere a leggerlo infinite volte, tanto vale non leggerlo affatto.
Oscar Wilde

Nell'ultimo anno, mi è capitato più spesso di avere troppe cose da leggere che di non averne nessuna.


Non è questione di quantità, ma di voglia di leggere qualcosa di bello e, fortunatamente, grazie anche alle collaborazioni che porto avanti col blog, mi sono stati proposti libri interessantissimi.

Di tanto in tanto, però, quando la testa è stanca di stare al passo con le cose da fare e vuole solo lasciarsi andare, vago nella libreria di casa alla ricerca di qualcosa da rileggere.
Ci sono libri che rileggo periodicamente e non mi sono ancora stancata.

Quest'estate ho riletto Orgoglio e Pregiudizio, libro che mi porto dietro da più di dieci anni nei giri di rilettura che faccio ogni tanto. 
È da un po' che penso di rileggere anche "La figlia di Mistral", uno dei miei libri preferiti.
Un altro libro che mi piace sempre avere a portata di mano è "Piccadilly Jim" di P.G. Woodhouse.
Ricordo di averlo comprato quasi per caso e di averlo, poi, amato dalla prima lettura.
Ora è sul mio comodino e ne leggo una decina di pagine quando il sonno mi dà particolarmente filo da torcere e, ogni volta, mi riprometto di cercare anche gli altri libri dell'autore (e speriamo che un giorno lo farò davvero...). 

Ogni nuovo libro di cui si intraprende la lettura, è un salto nel vuoto: non sappiamo se l'universo dell'autore ci accoglierà bene, se ci troveremo bene coi personaggi, se ne condivideremo le emozioni. Ogni volta che apriamo un nuovo libro, scegliamo di rischiare.

Rileggere ci protegge dalle delusioni di un libro che potrebbe non piacerci.
Rileggere ci riporta nel porto franco di una terra conosciuta e amica.
Rileggere ci ridona le stesse sensazioni della prima lettura, ma infinite volte.

Nella corsa all'aggiornamento continuo, nell'ansia dei social network che ci bombardano con le nuove uscite editoriali ogni mese, ogni settimana, ogni giorno, non sottovalutiamo il rifugio sicuro della rilettura.

Il potere della rilettura è sottovalutato ed è un errore che non dobbiamo commettere, soprattutto quando non ne abbiamo mai abbastanza della magia di un buon libro.

Commenti

  1. Io rileggo tanto, all'inizio per necessità. Avendo poche letture a disposizione. Ma ci ho preso gusto. il mio libro preferito lo avrò letto almeno dodici volte. E quindi ti dico che hai perfettamente ragione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Io, pur avendo altro da leggere, amo rileggere.

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…