Passa ai contenuti principali

Il potere (sottovalutato) della rilettura


Se un libro non dà piacere a leggerlo infinite volte, tanto vale non leggerlo affatto.
Oscar Wilde

Nell'ultimo anno, mi è capitato più spesso di avere troppe cose da leggere che di non averne nessuna.


Non è questione di quantità, ma di voglia di leggere qualcosa di bello e, fortunatamente, grazie anche alle collaborazioni che porto avanti col blog, mi sono stati proposti libri interessantissimi.

Di tanto in tanto, però, quando la testa è stanca di stare al passo con le cose da fare e vuole solo lasciarsi andare, vago nella libreria di casa alla ricerca di qualcosa da rileggere.
Ci sono libri che rileggo periodicamente e non mi sono ancora stancata.

Quest'estate ho riletto Orgoglio e Pregiudizio, libro che mi porto dietro da più di dieci anni nei giri di rilettura che faccio ogni tanto. 
È da un po' che penso di rileggere anche "La figlia di Mistral", uno dei miei libri preferiti.
Un altro libro che mi piace sempre avere a portata di mano è "Piccadilly Jim" di P.G. Woodhouse.
Ricordo di averlo comprato quasi per caso e di averlo, poi, amato dalla prima lettura.
Ora è sul mio comodino e ne leggo una decina di pagine quando il sonno mi dà particolarmente filo da torcere e, ogni volta, mi riprometto di cercare anche gli altri libri dell'autore (e speriamo che un giorno lo farò davvero...). 

Ogni nuovo libro di cui si intraprende la lettura, è un salto nel vuoto: non sappiamo se l'universo dell'autore ci accoglierà bene, se ci troveremo bene coi personaggi, se ne condivideremo le emozioni. Ogni volta che apriamo un nuovo libro, scegliamo di rischiare.

Rileggere ci protegge dalle delusioni di un libro che potrebbe non piacerci.
Rileggere ci riporta nel porto franco di una terra conosciuta e amica.
Rileggere ci ridona le stesse sensazioni della prima lettura, ma infinite volte.

Nella corsa all'aggiornamento continuo, nell'ansia dei social network che ci bombardano con le nuove uscite editoriali ogni mese, ogni settimana, ogni giorno, non sottovalutiamo il rifugio sicuro della rilettura.

Il potere della rilettura è sottovalutato ed è un errore che non dobbiamo commettere, soprattutto quando non ne abbiamo mai abbastanza della magia di un buon libro.

Commenti

  1. Io rileggo tanto, all'inizio per necessità. Avendo poche letture a disposizione. Ma ci ho preso gusto. il mio libro preferito lo avrò letto almeno dodici volte. E quindi ti dico che hai perfettamente ragione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Io, pur avendo altro da leggere, amo rileggere.

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…