Passa ai contenuti principali

Il potere (sottovalutato) della rilettura


Se un libro non dà piacere a leggerlo infinite volte, tanto vale non leggerlo affatto.
Oscar Wilde

Nell'ultimo anno, mi è capitato più spesso di avere troppe cose da leggere che di non averne nessuna.


Non è questione di quantità, ma di voglia di leggere qualcosa di bello e, fortunatamente, grazie anche alle collaborazioni che porto avanti col blog, mi sono stati proposti libri interessantissimi.

Di tanto in tanto, però, quando la testa è stanca di stare al passo con le cose da fare e vuole solo lasciarsi andare, vago nella libreria di casa alla ricerca di qualcosa da rileggere.
Ci sono libri che rileggo periodicamente e non mi sono ancora stancata.

Quest'estate ho riletto Orgoglio e Pregiudizio, libro che mi porto dietro da più di dieci anni nei giri di rilettura che faccio ogni tanto. 
È da un po' che penso di rileggere anche "La figlia di Mistral", uno dei miei libri preferiti.
Un altro libro che mi piace sempre avere a portata di mano è "Piccadilly Jim" di P.G. Woodhouse.
Ricordo di averlo comprato quasi per caso e di averlo, poi, amato dalla prima lettura.
Ora è sul mio comodino e ne leggo una decina di pagine quando il sonno mi dà particolarmente filo da torcere e, ogni volta, mi riprometto di cercare anche gli altri libri dell'autore (e speriamo che un giorno lo farò davvero...). 

Ogni nuovo libro di cui si intraprende la lettura, è un salto nel vuoto: non sappiamo se l'universo dell'autore ci accoglierà bene, se ci troveremo bene coi personaggi, se ne condivideremo le emozioni. Ogni volta che apriamo un nuovo libro, scegliamo di rischiare.

Rileggere ci protegge dalle delusioni di un libro che potrebbe non piacerci.
Rileggere ci riporta nel porto franco di una terra conosciuta e amica.
Rileggere ci ridona le stesse sensazioni della prima lettura, ma infinite volte.

Nella corsa all'aggiornamento continuo, nell'ansia dei social network che ci bombardano con le nuove uscite editoriali ogni mese, ogni settimana, ogni giorno, non sottovalutiamo il rifugio sicuro della rilettura.

Il potere della rilettura è sottovalutato ed è un errore che non dobbiamo commettere, soprattutto quando non ne abbiamo mai abbastanza della magia di un buon libro.

Commenti

  1. Io rileggo tanto, all'inizio per necessità. Avendo poche letture a disposizione. Ma ci ho preso gusto. il mio libro preferito lo avrò letto almeno dodici volte. E quindi ti dico che hai perfettamente ragione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Io, pur avendo altro da leggere, amo rileggere.

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Cosa ho fatto per amore Susan Elizabeth Phillips Leggereditore dal 31 agosto in ebook e cartaceo
Due esistenze coincidono in una sola vita. Due passati ritornano in un solo presente.
Per Georgie York, un tempo la protagonista di una delle sitcom preferite dagli americani, è proprio un periodo no. La sua carriera cinematografica è in stallo e dover badare a suo padre la sta facendo letteralmente impazzire. Per di più, suo marito l’ha appena lasciata... Un bel danno d’immagine per una delle attrici più amate dal grande pubblico. In un momento del genere, andare a Las Vegas e imbattersi nel suo ex collega, il detestabile ma fascinoso Bramwell Shepard, sarebbe stata per chiunque la peggiore delle soluzioni. Ma Georgie non è una donna come le altre, la sua vita è uno straordinario e inestricabile groviglio di guai. Quando ai suoi però si aggiungono quelli di Bramwell Shepard, la situazione diventa a dir poco esplosiva, perché i destini dei due ex rivali sono più legati di quanto loro stessi …