Passa ai contenuti principali

Il potere (sottovalutato) della rilettura


Se un libro non dà piacere a leggerlo infinite volte, tanto vale non leggerlo affatto.
Oscar Wilde

Nell'ultimo anno, mi è capitato più spesso di avere troppe cose da leggere che di non averne nessuna.


Non è questione di quantità, ma di voglia di leggere qualcosa di bello e, fortunatamente, grazie anche alle collaborazioni che porto avanti col blog, mi sono stati proposti libri interessantissimi.

Di tanto in tanto, però, quando la testa è stanca di stare al passo con le cose da fare e vuole solo lasciarsi andare, vago nella libreria di casa alla ricerca di qualcosa da rileggere.
Ci sono libri che rileggo periodicamente e non mi sono ancora stancata.

Quest'estate ho riletto Orgoglio e Pregiudizio, libro che mi porto dietro da più di dieci anni nei giri di rilettura che faccio ogni tanto. 
È da un po' che penso di rileggere anche "La figlia di Mistral", uno dei miei libri preferiti.
Un altro libro che mi piace sempre avere a portata di mano è "Piccadilly Jim" di P.G. Woodhouse.
Ricordo di averlo comprato quasi per caso e di averlo, poi, amato dalla prima lettura.
Ora è sul mio comodino e ne leggo una decina di pagine quando il sonno mi dà particolarmente filo da torcere e, ogni volta, mi riprometto di cercare anche gli altri libri dell'autore (e speriamo che un giorno lo farò davvero...). 

Ogni nuovo libro di cui si intraprende la lettura, è un salto nel vuoto: non sappiamo se l'universo dell'autore ci accoglierà bene, se ci troveremo bene coi personaggi, se ne condivideremo le emozioni. Ogni volta che apriamo un nuovo libro, scegliamo di rischiare.

Rileggere ci protegge dalle delusioni di un libro che potrebbe non piacerci.
Rileggere ci riporta nel porto franco di una terra conosciuta e amica.
Rileggere ci ridona le stesse sensazioni della prima lettura, ma infinite volte.

Nella corsa all'aggiornamento continuo, nell'ansia dei social network che ci bombardano con le nuove uscite editoriali ogni mese, ogni settimana, ogni giorno, non sottovalutiamo il rifugio sicuro della rilettura.

Il potere della rilettura è sottovalutato ed è un errore che non dobbiamo commettere, soprattutto quando non ne abbiamo mai abbastanza della magia di un buon libro.

Commenti

  1. Io rileggo tanto, all'inizio per necessità. Avendo poche letture a disposizione. Ma ci ho preso gusto. il mio libro preferito lo avrò letto almeno dodici volte. E quindi ti dico che hai perfettamente ragione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Io, pur avendo altro da leggere, amo rileggere.

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: L'impazienza di Penolope di Giovanna Di Verniere

L'impazienza di Penelope Giovanna Di Verniere Bookabook

«Ci sono persone che ti camminano accanto per anni e a malapena conosci la loro storia. Ci accontentiamo di ombre, non di persone, pur di non restare soli. Poi, un giorno, uno sconosciuto ti stringe la mano e improvvisamente ti sembra di essere stata risucchiata dai suoi occhi. Come se lui ti avesse percepito davvero, come se una semplice stretta di mano avesse potuto sfiorare la tua anima».
Intollerante all’amore: così si è sempre definita Virginia, trent’anni, stilista in carriera con un importante progetto a New York all’orizzonte. Da quando ha lasciato il suo paese d’origine e il suo primo amore per trasferirsi a Milano non si è più innamorata, non è più stata capace di lasciarsi andare, di affidarsi completamente a qualcun altro... Finché una sera a teatro rivede Riccardo Russo, attore di successo incontrato anni prima a Parigi e mai dimenticato. Nonostante lui sia felicemente sposato i due cominciano a vedersi, e presto l…

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…