Passa ai contenuti principali

Il mago di Oz, Willy Wonka e una schiappa (in latino) da riscrivere con TwLetteratura


I tempi della scuola sono finiti (e da un pezzo, aggiungerei), ma resta il senso di nuovo inizio dato da questo periodo. 
È proprio ora che vi viene voglia di leggere di più, di rileggere anche, magari di prendere in mano quei libri che ho sempre detto di voler leggere e che poi non ho mai fatto, o almeno, provarci.

Leggere non è mai un'azione fine a se stessa.
O meglio, io non l'ho mai fatto così e ne ho sempre tratto riflessioni e insegnamenti che mi sono rimasti addosso come piccoli tatuaggi.

Dopo aver passato l'estate a rileggere Orgoglio e Pregiudizio, non vedevo l'ora di immergermi di nuovo nella lettura comunitaria proposta da TwLetteratura. E l'occasione si è presentata!
O forse sarebbe meglio dire, le occasioni.

Dal 12 ottobre al 5 dicembre "Il favoloso mondo di Oz" di Lyman Frank Baum diventa un progetto didattico ideato da Paola Mattioli - già autrice di #TwAlice -, rivolto agli alunni delle scuole elementari, costituisce una sfida anche per tutti gli altri utenti di Twitter. I 24 capitoli saranno letti e commentati uno ogni due giorni (quindi siamo ancora in tempo per inserirci coi commenti sul primo capitolo!) con l'hashtag #TwOz seguito dal numero del capitolo.
Il viaggio di Dorothy, infatti, rappresenta un cammino di crescita con tutte le difficoltà e le prove che è necessario superare per diventare grandi.
Stesso procedimento anche per la riscrittura in 140 caratteri di "La fabbrica di cioccolato" di Roald Dahl. Il progetto, ideato da Maria Cristina Berti e Erika Pucci, dal 12 ottobre al 19 dicembre, addolcirà Twitter con #TwWonka, un capitolo ogni due giorni (il libro è composto da 30 capitoli).
Willy Wonka, il geniale e un po’ folle proprietario della fabbrica di cioccolato, dà voce a Dahl per farci capire che, pur essendo sempre dalla parte dei bambini, ce ne sono alcuni che… – diciamo così – sono più difficili da sopportare.
Il 26 ottobre, poi, inizierà la riscrittura in latino del "Diario di una schiappa" di Jeff Kinney: fino al 18 dicembre il #twpuer metterà a dura prova le conoscenze di latino che abbiamo acquisito a scuola e sarà un'ottima occasione per gli studenti di impiegare in un contesto vivissimo - un social network - una lingua considerata morta.

Non so ancora se riuscirò a partecipare ai progetti ma, come al solito, mi piace l'idea della lettura in solitaria e del commento con centinaia di persone.


***lo so, ci sono belle dipendenze a cui è difficile rinunciare. Ma sempre dipendenze sono...***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…