Passa ai contenuti principali

Il mago di Oz, Willy Wonka e una schiappa (in latino) da riscrivere con TwLetteratura


I tempi della scuola sono finiti (e da un pezzo, aggiungerei), ma resta il senso di nuovo inizio dato da questo periodo. 
È proprio ora che vi viene voglia di leggere di più, di rileggere anche, magari di prendere in mano quei libri che ho sempre detto di voler leggere e che poi non ho mai fatto, o almeno, provarci.

Leggere non è mai un'azione fine a se stessa.
O meglio, io non l'ho mai fatto così e ne ho sempre tratto riflessioni e insegnamenti che mi sono rimasti addosso come piccoli tatuaggi.

Dopo aver passato l'estate a rileggere Orgoglio e Pregiudizio, non vedevo l'ora di immergermi di nuovo nella lettura comunitaria proposta da TwLetteratura. E l'occasione si è presentata!
O forse sarebbe meglio dire, le occasioni.

Dal 12 ottobre al 5 dicembre "Il favoloso mondo di Oz" di Lyman Frank Baum diventa un progetto didattico ideato da Paola Mattioli - già autrice di #TwAlice -, rivolto agli alunni delle scuole elementari, costituisce una sfida anche per tutti gli altri utenti di Twitter. I 24 capitoli saranno letti e commentati uno ogni due giorni (quindi siamo ancora in tempo per inserirci coi commenti sul primo capitolo!) con l'hashtag #TwOz seguito dal numero del capitolo.
Il viaggio di Dorothy, infatti, rappresenta un cammino di crescita con tutte le difficoltà e le prove che è necessario superare per diventare grandi.
Stesso procedimento anche per la riscrittura in 140 caratteri di "La fabbrica di cioccolato" di Roald Dahl. Il progetto, ideato da Maria Cristina Berti e Erika Pucci, dal 12 ottobre al 19 dicembre, addolcirà Twitter con #TwWonka, un capitolo ogni due giorni (il libro è composto da 30 capitoli).
Willy Wonka, il geniale e un po’ folle proprietario della fabbrica di cioccolato, dà voce a Dahl per farci capire che, pur essendo sempre dalla parte dei bambini, ce ne sono alcuni che… – diciamo così – sono più difficili da sopportare.
Il 26 ottobre, poi, inizierà la riscrittura in latino del "Diario di una schiappa" di Jeff Kinney: fino al 18 dicembre il #twpuer metterà a dura prova le conoscenze di latino che abbiamo acquisito a scuola e sarà un'ottima occasione per gli studenti di impiegare in un contesto vivissimo - un social network - una lingua considerata morta.

Non so ancora se riuscirò a partecipare ai progetti ma, come al solito, mi piace l'idea della lettura in solitaria e del commento con centinaia di persone.


***lo so, ci sono belle dipendenze a cui è difficile rinunciare. Ma sempre dipendenze sono...***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…