Passa ai contenuti principali

Il mago di Oz, Willy Wonka e una schiappa (in latino) da riscrivere con TwLetteratura


I tempi della scuola sono finiti (e da un pezzo, aggiungerei), ma resta il senso di nuovo inizio dato da questo periodo. 
È proprio ora che vi viene voglia di leggere di più, di rileggere anche, magari di prendere in mano quei libri che ho sempre detto di voler leggere e che poi non ho mai fatto, o almeno, provarci.

Leggere non è mai un'azione fine a se stessa.
O meglio, io non l'ho mai fatto così e ne ho sempre tratto riflessioni e insegnamenti che mi sono rimasti addosso come piccoli tatuaggi.

Dopo aver passato l'estate a rileggere Orgoglio e Pregiudizio, non vedevo l'ora di immergermi di nuovo nella lettura comunitaria proposta da TwLetteratura. E l'occasione si è presentata!
O forse sarebbe meglio dire, le occasioni.

Dal 12 ottobre al 5 dicembre "Il favoloso mondo di Oz" di Lyman Frank Baum diventa un progetto didattico ideato da Paola Mattioli - già autrice di #TwAlice -, rivolto agli alunni delle scuole elementari, costituisce una sfida anche per tutti gli altri utenti di Twitter. I 24 capitoli saranno letti e commentati uno ogni due giorni (quindi siamo ancora in tempo per inserirci coi commenti sul primo capitolo!) con l'hashtag #TwOz seguito dal numero del capitolo.
Il viaggio di Dorothy, infatti, rappresenta un cammino di crescita con tutte le difficoltà e le prove che è necessario superare per diventare grandi.
Stesso procedimento anche per la riscrittura in 140 caratteri di "La fabbrica di cioccolato" di Roald Dahl. Il progetto, ideato da Maria Cristina Berti e Erika Pucci, dal 12 ottobre al 19 dicembre, addolcirà Twitter con #TwWonka, un capitolo ogni due giorni (il libro è composto da 30 capitoli).
Willy Wonka, il geniale e un po’ folle proprietario della fabbrica di cioccolato, dà voce a Dahl per farci capire che, pur essendo sempre dalla parte dei bambini, ce ne sono alcuni che… – diciamo così – sono più difficili da sopportare.
Il 26 ottobre, poi, inizierà la riscrittura in latino del "Diario di una schiappa" di Jeff Kinney: fino al 18 dicembre il #twpuer metterà a dura prova le conoscenze di latino che abbiamo acquisito a scuola e sarà un'ottima occasione per gli studenti di impiegare in un contesto vivissimo - un social network - una lingua considerata morta.

Non so ancora se riuscirò a partecipare ai progetti ma, come al solito, mi piace l'idea della lettura in solitaria e del commento con centinaia di persone.


***lo so, ci sono belle dipendenze a cui è difficile rinunciare. Ma sempre dipendenze sono...***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…