Passa ai contenuti principali

Il mago di Oz, Willy Wonka e una schiappa (in latino) da riscrivere con TwLetteratura


I tempi della scuola sono finiti (e da un pezzo, aggiungerei), ma resta il senso di nuovo inizio dato da questo periodo. 
È proprio ora che vi viene voglia di leggere di più, di rileggere anche, magari di prendere in mano quei libri che ho sempre detto di voler leggere e che poi non ho mai fatto, o almeno, provarci.

Leggere non è mai un'azione fine a se stessa.
O meglio, io non l'ho mai fatto così e ne ho sempre tratto riflessioni e insegnamenti che mi sono rimasti addosso come piccoli tatuaggi.

Dopo aver passato l'estate a rileggere Orgoglio e Pregiudizio, non vedevo l'ora di immergermi di nuovo nella lettura comunitaria proposta da TwLetteratura. E l'occasione si è presentata!
O forse sarebbe meglio dire, le occasioni.

Dal 12 ottobre al 5 dicembre "Il favoloso mondo di Oz" di Lyman Frank Baum diventa un progetto didattico ideato da Paola Mattioli - già autrice di #TwAlice -, rivolto agli alunni delle scuole elementari, costituisce una sfida anche per tutti gli altri utenti di Twitter. I 24 capitoli saranno letti e commentati uno ogni due giorni (quindi siamo ancora in tempo per inserirci coi commenti sul primo capitolo!) con l'hashtag #TwOz seguito dal numero del capitolo.
Il viaggio di Dorothy, infatti, rappresenta un cammino di crescita con tutte le difficoltà e le prove che è necessario superare per diventare grandi.
Stesso procedimento anche per la riscrittura in 140 caratteri di "La fabbrica di cioccolato" di Roald Dahl. Il progetto, ideato da Maria Cristina Berti e Erika Pucci, dal 12 ottobre al 19 dicembre, addolcirà Twitter con #TwWonka, un capitolo ogni due giorni (il libro è composto da 30 capitoli).
Willy Wonka, il geniale e un po’ folle proprietario della fabbrica di cioccolato, dà voce a Dahl per farci capire che, pur essendo sempre dalla parte dei bambini, ce ne sono alcuni che… – diciamo così – sono più difficili da sopportare.
Il 26 ottobre, poi, inizierà la riscrittura in latino del "Diario di una schiappa" di Jeff Kinney: fino al 18 dicembre il #twpuer metterà a dura prova le conoscenze di latino che abbiamo acquisito a scuola e sarà un'ottima occasione per gli studenti di impiegare in un contesto vivissimo - un social network - una lingua considerata morta.

Non so ancora se riuscirò a partecipare ai progetti ma, come al solito, mi piace l'idea della lettura in solitaria e del commento con centinaia di persone.


***lo so, ci sono belle dipendenze a cui è difficile rinunciare. Ma sempre dipendenze sono...***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…