Passa ai contenuti principali

I ricordi su Facebook fanno più male...


Perché riguardiamo le vecchie foto?

Non amo riguardare le foto, non so perché.
Ricordo che, da piccoli, io, mio fratello e mia sorella, quando avevamo dei tempi morti, tiravamo fuori gli album di foto - decine e decine di album! - di quando eravamo in fasce. Mia mamma, pur avendo le vecchie macchine fotografiche a rullino, non lesinava di scattare ogni minimo accenno di sorriso o mossettina che potevamo mai fare.
Passavamo i pomeriggi a ridacchiare sfogliando quelle foto.

Non amo rivedermi nelle foto e non perché abbia particolari conflitti con la mia immagine.

Anche le foto in cui al tempo pensavo di stare male, ora le rivedo con occhio così diverso che, alla fine, penso che stavo comunque meglio che nelle foto più recenti.
Ricordo che, una volta, riguardando delle foto con delle amiche, ho avuto il coraggio di obiettare che, in uno scatto - in verità senza infamia e senza lode - avevo una luce negli occhi troppo bella, una luce luminosa, ecco. Luce che, ovviamente, in quel momento era sparita. E quindi stavo meglio prima.

Non so perché ho attivato la funzione ricordi di Facebook, forse pensavo di coccolarmi con cose belle, anche se passate. E invece no.
I ricordi su Facebook fanno più male.
Soprattutto se sono bei ricordi.

Perché, alla fine, ricordare le cose belle ma passate, andate, finite, non fa più male che perdere la memoria di quei fatti?

Me lo chiedo anche oggi, mentre la solita notifica mi dice che uno, due, tre, cinque anni fa, oggi accadde qualcosa di bello. 
È quel passato remoto che mi uccide, a ben guardare.

Quel tempo che indica un'azione finita e che, almeno per quanto riguarda la qualità dei miei ricordi, non ritornerà più.
Le cose cambiano, direte voi, a volte persino in meglio (pensa un po'!) ma quel passato remoto resta.

E sfido anche il più strafottente a non ripensare a una particolare serata, o a una giornata al mare, o a un cocktail particolarmente glamour sorseggiato tra musica e risate, e a non provare una piccola fitta dalla parte del cuore.

I ricordi, ora che sono su Facebook, fanno più male e ho anche capito perché.
Ma non lo scriverò, per non creare un ricordo che, rileggendolo tra qualche anno, si conficcherà in qualche ferita ancora aperta.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…