Passa ai contenuti principali

I ricordi su Facebook fanno più male...


Perché riguardiamo le vecchie foto?

Non amo riguardare le foto, non so perché.
Ricordo che, da piccoli, io, mio fratello e mia sorella, quando avevamo dei tempi morti, tiravamo fuori gli album di foto - decine e decine di album! - di quando eravamo in fasce. Mia mamma, pur avendo le vecchie macchine fotografiche a rullino, non lesinava di scattare ogni minimo accenno di sorriso o mossettina che potevamo mai fare.
Passavamo i pomeriggi a ridacchiare sfogliando quelle foto.

Non amo rivedermi nelle foto e non perché abbia particolari conflitti con la mia immagine.

Anche le foto in cui al tempo pensavo di stare male, ora le rivedo con occhio così diverso che, alla fine, penso che stavo comunque meglio che nelle foto più recenti.
Ricordo che, una volta, riguardando delle foto con delle amiche, ho avuto il coraggio di obiettare che, in uno scatto - in verità senza infamia e senza lode - avevo una luce negli occhi troppo bella, una luce luminosa, ecco. Luce che, ovviamente, in quel momento era sparita. E quindi stavo meglio prima.

Non so perché ho attivato la funzione ricordi di Facebook, forse pensavo di coccolarmi con cose belle, anche se passate. E invece no.
I ricordi su Facebook fanno più male.
Soprattutto se sono bei ricordi.

Perché, alla fine, ricordare le cose belle ma passate, andate, finite, non fa più male che perdere la memoria di quei fatti?

Me lo chiedo anche oggi, mentre la solita notifica mi dice che uno, due, tre, cinque anni fa, oggi accadde qualcosa di bello. 
È quel passato remoto che mi uccide, a ben guardare.

Quel tempo che indica un'azione finita e che, almeno per quanto riguarda la qualità dei miei ricordi, non ritornerà più.
Le cose cambiano, direte voi, a volte persino in meglio (pensa un po'!) ma quel passato remoto resta.

E sfido anche il più strafottente a non ripensare a una particolare serata, o a una giornata al mare, o a un cocktail particolarmente glamour sorseggiato tra musica e risate, e a non provare una piccola fitta dalla parte del cuore.

I ricordi, ora che sono su Facebook, fanno più male e ho anche capito perché.
Ma non lo scriverò, per non creare un ricordo che, rileggendolo tra qualche anno, si conficcherà in qualche ferita ancora aperta.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…