Passa ai contenuti principali

I ricordi su Facebook fanno più male...


Perché riguardiamo le vecchie foto?

Non amo riguardare le foto, non so perché.
Ricordo che, da piccoli, io, mio fratello e mia sorella, quando avevamo dei tempi morti, tiravamo fuori gli album di foto - decine e decine di album! - di quando eravamo in fasce. Mia mamma, pur avendo le vecchie macchine fotografiche a rullino, non lesinava di scattare ogni minimo accenno di sorriso o mossettina che potevamo mai fare.
Passavamo i pomeriggi a ridacchiare sfogliando quelle foto.

Non amo rivedermi nelle foto e non perché abbia particolari conflitti con la mia immagine.

Anche le foto in cui al tempo pensavo di stare male, ora le rivedo con occhio così diverso che, alla fine, penso che stavo comunque meglio che nelle foto più recenti.
Ricordo che, una volta, riguardando delle foto con delle amiche, ho avuto il coraggio di obiettare che, in uno scatto - in verità senza infamia e senza lode - avevo una luce negli occhi troppo bella, una luce luminosa, ecco. Luce che, ovviamente, in quel momento era sparita. E quindi stavo meglio prima.

Non so perché ho attivato la funzione ricordi di Facebook, forse pensavo di coccolarmi con cose belle, anche se passate. E invece no.
I ricordi su Facebook fanno più male.
Soprattutto se sono bei ricordi.

Perché, alla fine, ricordare le cose belle ma passate, andate, finite, non fa più male che perdere la memoria di quei fatti?

Me lo chiedo anche oggi, mentre la solita notifica mi dice che uno, due, tre, cinque anni fa, oggi accadde qualcosa di bello. 
È quel passato remoto che mi uccide, a ben guardare.

Quel tempo che indica un'azione finita e che, almeno per quanto riguarda la qualità dei miei ricordi, non ritornerà più.
Le cose cambiano, direte voi, a volte persino in meglio (pensa un po'!) ma quel passato remoto resta.

E sfido anche il più strafottente a non ripensare a una particolare serata, o a una giornata al mare, o a un cocktail particolarmente glamour sorseggiato tra musica e risate, e a non provare una piccola fitta dalla parte del cuore.

I ricordi, ora che sono su Facebook, fanno più male e ho anche capito perché.
Ma non lo scriverò, per non creare un ricordo che, rileggendolo tra qualche anno, si conficcherà in qualche ferita ancora aperta.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…