Passa ai contenuti principali

I peperoni di nonna Angelina di Cristina Zagaria


'A pacienza vale chiù d' 'a scienzia!

Quanta pazienza ci vuole per passare attraverso i grandi e piccoli drammi della vita?
La stessa che ci vuole per farsi pervadere dalla gioia e dalla voglia di vivere.
La pazienza è quel tempo che ci prendiamo - anche inconsapevolmente - per tornare nei luoghi del cuore, devastati, mutati, mai gli stessi che abbiamo lasciato, ma ancora lì.

Angela, la protagonista de "I peperoni di nonna Angelina. La ricetta della pazienza" di Cristina Zagaria [Emma Books], torna a Napoli per concedersi la pazienza di ricostruire la propria vita, dopo che tanti anni prima da lì era partita per andare a vivere a Bologna col marito. Ora, naufragato il matrimonio e tutti i suoi sogni di famiglia, Angela sente che è arrivato il momento di ritornare nel luogo delle sue origini.

I luoghi delle origini sono sanatori per l'anima, secondo me.
Sono luoghi/non luoghi che non hanno una reale connotazione geografica e spaziale. Sono angoli che portiamo dentro di noi e da cui attingiamo quando ne abbiamo bisogno, sia dopo una separazione o un lutto, sia per una giornata grigia in cui vorremmo cieli tersi e solleone.
E se i luoghi delle origini non hanno una forma precisa, in compenso hanno odori e sapori che riconoscereste tra mille.
«C'è un solo segreto per cucinare davvero bene i peperoni imbottiti: ci vuole pazienza. È come l'amore, il peperone si deve trattare con delicatezza e riempire di piccole cose quotidiane. E quando pensi che tutto sia pronto non ti devi distrarre. Il peperone, o se vuoi l'amore, ha bisogno di attenzioni, altrimenti rischia di seccarsi».
I peperoni imbottiti che le preparava nonna Mammà, per Angela, sono il ritorno a casa a lungo atteso.
Nel suo viaggio a ritroso - anche nel tempo - Angela crede di lasciare dietro gli affetti che ha costruito a Bologna e di ritrovarsi sola in una Napoli che, come se l'avesse lasciata il giorno prima, l'accoglie a braccia aperte. Ma è la sua impazienza a parlare. Perché l'affetto sincero non si perde mai di vista, nemmeno con tanti chilometri di mezzo. E la solitudine della nuova casa viene presto colmata da nuovi e inaspettati amici. Insieme a loro, Angela mette in tavola la ricetta della nonna e il risultato la riempie di gioia.
Per la prima volta nella sua vita Angela non corre, non ha grandi obiettivi da raggiungere o sfide da superare. Si occupa di se stessa come meglio può. Sta bene e basta. E la sua non è una rinuncia, è una conquista.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…