Passa ai contenuti principali

I peperoni di nonna Angelina di Cristina Zagaria


'A pacienza vale chiù d' 'a scienzia!

Quanta pazienza ci vuole per passare attraverso i grandi e piccoli drammi della vita?
La stessa che ci vuole per farsi pervadere dalla gioia e dalla voglia di vivere.
La pazienza è quel tempo che ci prendiamo - anche inconsapevolmente - per tornare nei luoghi del cuore, devastati, mutati, mai gli stessi che abbiamo lasciato, ma ancora lì.

Angela, la protagonista de "I peperoni di nonna Angelina. La ricetta della pazienza" di Cristina Zagaria [Emma Books], torna a Napoli per concedersi la pazienza di ricostruire la propria vita, dopo che tanti anni prima da lì era partita per andare a vivere a Bologna col marito. Ora, naufragato il matrimonio e tutti i suoi sogni di famiglia, Angela sente che è arrivato il momento di ritornare nel luogo delle sue origini.

I luoghi delle origini sono sanatori per l'anima, secondo me.
Sono luoghi/non luoghi che non hanno una reale connotazione geografica e spaziale. Sono angoli che portiamo dentro di noi e da cui attingiamo quando ne abbiamo bisogno, sia dopo una separazione o un lutto, sia per una giornata grigia in cui vorremmo cieli tersi e solleone.
E se i luoghi delle origini non hanno una forma precisa, in compenso hanno odori e sapori che riconoscereste tra mille.
«C'è un solo segreto per cucinare davvero bene i peperoni imbottiti: ci vuole pazienza. È come l'amore, il peperone si deve trattare con delicatezza e riempire di piccole cose quotidiane. E quando pensi che tutto sia pronto non ti devi distrarre. Il peperone, o se vuoi l'amore, ha bisogno di attenzioni, altrimenti rischia di seccarsi».
I peperoni imbottiti che le preparava nonna Mammà, per Angela, sono il ritorno a casa a lungo atteso.
Nel suo viaggio a ritroso - anche nel tempo - Angela crede di lasciare dietro gli affetti che ha costruito a Bologna e di ritrovarsi sola in una Napoli che, come se l'avesse lasciata il giorno prima, l'accoglie a braccia aperte. Ma è la sua impazienza a parlare. Perché l'affetto sincero non si perde mai di vista, nemmeno con tanti chilometri di mezzo. E la solitudine della nuova casa viene presto colmata da nuovi e inaspettati amici. Insieme a loro, Angela mette in tavola la ricetta della nonna e il risultato la riempie di gioia.
Per la prima volta nella sua vita Angela non corre, non ha grandi obiettivi da raggiungere o sfide da superare. Si occupa di se stessa come meglio può. Sta bene e basta. E la sua non è una rinuncia, è una conquista.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…