Passa ai contenuti principali

Un'estate con Jane, Elizabeth e Darcy


A guardare indietro, ho passato l'estate da sola.
Con mio marito, certo, e qualche sporadico amico, ma fondamentalmente sola. Con un libro.

Da luglio a settembre, ho riletto "Orgoglio e Pregiudizio" di Jane Austen e, grazie a TwLetteratura, ho avuto l'opportunità di commentare i diversi capitoli in compagnia di tutti gli utenti di Twitter che hanno aderito all'iniziativa.

Era da un po' che non riprendevo in mano in libro e, fin dall'inizio, non mi è dispiaciuto prendere parte al progetto che, come per altri libri, mi ha permesso di riflettere e riscrivere le parti che più mi hanno colpita.
Di "Orgoglio e Pregiudizio", a pensarci ora, ogni volta mi colpisce l'immortalità.


Le parole di Jane Austen sono sopravvissute ai secoli senza perdere un briciolo della loro forza.
L'ironia e il wit della scrittrice, che ha narrato le vite e i meccanismi della borghesia inglese di provincia, riescono a suscitare negli appassionati - ma sfido chiunque a non lasciarsi conquistare - una partecipazione sentita e sincera alle vicende di Elizabeth, Darcy e di tutti quelli che ruotano attorno a loro.


Mi è capitato già con altri progetti di TwLetteratura, quel senso di comunità dove la solitudine della lettura si incontra con altre solitudini grazie alla condivisione social. E non importa che siate a Roma o a Timbuktu, basta che ci sia un collegamento internet e sarete lettori insieme ad altri lettori.

Senza saperlo, da sempre faccio parte del Club di Jane Austen e potermi confrontare, per una volta, con altre persone che hanno letto e che amano i suoi libri, era un'occasione troppo ghiotta per non coglierla.
Questa estate è stata così, con lo spirito arguto di Jane nelle parole e negli atteggiamenti di Elizabeth e Darcy, ed è stato bellissimo.
Per l'inverno ci saranno altri libri da condividere, e non vedo l'ora.



***la solitudine del lettore, se unita alla solitudine della vita, a volte diventa troppo pesante da sopportare. Ma anche per questo ho creato Leggimi nel Pensiero***

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Buoni propositi libreschi 2018: voglio la bellezza

Nella mia libreria ci sono libri che a volte non hanno un nesso tra loro. C'è Shakespeare accanto a Maurizio de Giovanni, c'è J.K. Rowling col dorso vicino a Neruda, c'è "L'amante di Lady Chatterley" che occhieggia Diego de Silva e gli confessa: "Non avevo capito niente",quando poi alla fine io sono convinta che aveva capito proprio tutto, soprattutto di certe faccende... C'è tanta narrativa italiana che convive con quella inglese e americana, ci sono i racconti sporchi della letteratura sudamericana vicino a quelli napoletani, che tanto puliti non sono. Non mi sono mai fatta frenare da un genere, sono sempre state solo le storie a parlarmi per farsi leggere.
Ho sempre scelto i libri che mi incuriosiscono, che mi piacciono in qualche modo e i modi in cui mi piacciono sono tutti diversi tra loro. Confesso che a volte ho cercato di leggere solo un genere o di seguire un filo conduttore unico, ma presto o tardi mi sono sempre annoiata, troppo attr…