Passa ai contenuti principali

Se non la gracile sua nudità di Carla Marcone


Il silenzio attraversa il vicolo fetido di piscio che appesta perfino il buio, in agguato dietro ogni angolo. Ma Nina è abituata a quel tanfo, le è familiare, perché l’accompagna tutte le notti, fino alla porta della solitudine che chiama casa.
Fruga nella borsetta, infila la chiave nella toppa e il mondo fuori. 
Fuori dagli occhi che accendono voglia e desiderio. Fuori dalla bocca, tormento di carne e di sangue, che ancora ha il sapore dei gemiti dell’ultimo cliente. Fuori dalle mani che accarezzano senza amore, dalle braccia, dalle gambe … da quell'anima, maledetta anima che le abita dentro. Fuori dalla pelle, pelle da donna, bianca come può essere la pelle di una donna... Fuori dalla fiamma dei capelli che è solo una parrucca, che è solo un’altra maschera, un’altra bugia. 
Fuori! Fuori! 
Fuori da lei che per lui non è più lei. 
Smette l’abito intriso di profumo sciupato e si avvicina claudicante allo specchio. Ha il cuore ed un tacco spezzati. 
Non vuole guardare, Nina. 
Le manca il coraggio. 
Teme lo scempio dolente della faccia e del corpo, sebbene l’abbia già visto, sebbene siano tre giorni che se lo porta, incancellabile, addosso. 
Eppure lo amava. Eppure avrebbe fatto tutto per lui. 
Amava il suo passo sicuro, la sua pelle intrisa di pioggia e di cielo, e il sorriso accolto da quegli occhi che le erano sembrati sinceri. Aveva abbandonato la strada, i letti stranieri, e quella vita di vita che poi non era la sua vita, ma l’unica vita che sapesse vivere, per lui, solo per lui. 
Piange adesso, Nina.
Lacrime di sale.
Lunghe di rabbia.
Lente di delusione. 
Perché l’amore non ingiuria, non schernisce, né maledice. Perché l’amore non condanna e non punisce. Perché l’amore ama. Perché l'amore è un demone senza perché. 
Tutto gli aveva confessato … quasi. Tutto lui aveva accettato: la strada, i letti stranieri e quella vita di vita che poi non era la sua vita, ma l’unica che sapesse vivere. 
Per settimane non si erano saziati che di baci. 
Baci furenti di inappagato desiderio. 
Per settimane si erano tenuti per mano, come scolaretti inconsapevoli delle gioie dell’amore. Perché lui non le era saltato addosso, perché lui voleva trattarla da donna onesta, perché lui – Un giorno ti sposerò. 
Tante parole.
Sussurrate e gridate di felicità. 
Tante. Belle. Parole. 
Parole cancellate, picchiate, sputate, e lasciate esanimi su un marciapiede, ed era tre giorni fa, da quel quasi omesso, un po’ per pudore un po’ per illusione. 
Adesso solleva gli occhi, Nina. 
È lì, adesso.
Nina dentro allo specchio. 
È lì, proprio lì, davanti a quella bugia che le pende tra le cosce.
Davanti alla gracile sua nudità.


Questo racconto è già stato pubblicato dalla rivista letteraria "La fornace".

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Bambini e social: perché non ci sarà la foto di mia figlia online

Alla fine di maggio è nata mia figlia.
Già durante la gravidanza, io e mio marito abbiamo deciso che la foto di nostra figlia non sarebbe comparsa online.
Del resto, per mia scelta non abbiamo pubblicato nemmeno le foto del mio pancione e non perché ci fosse qualcosa di particolare o perché mi nascondessi da chissà chi. Dal vivo mi hanno visto tutti quelli che mi volevano vedere... e, con una rotondità del genere, non era facile non vedermi, vi posso assicurare!

Fin dal primo giorno, parenti, amici, colleghi o anche solo conoscenti, ci hanno chiesto di inviargli le foto della nostra bambina sui vari social, non avendo trovato niente sui nostri profili.
Vivendo all'estero, in effetti, chat e messaggi sono il mezzo di comunicazione più efficace e veloce, ma in questo momento social in cui Instagram e Facebook sono sovraccarichi di foto di bimbi condivise spesso senza alcuna restrizione, noi abbiamo deciso che il volto di nostra figlia non dovesse andare in giro senza che noi potess…

Segnalazione: La seduzione dell'ombra di Kresley Cole

La seduzione dell'ombra Kresley Cole Leggereditore ebook dal 13 luglio, cartaceo dal 27 luglio
Trama
Il principe Mirceo Daciano e il suo nuovo amico Caspion, cacciatore di taglie, battono le strade di Dacia, ubriachi e alla ricerca dei piaceri della carne. Ma quella che avrebbe dovuto essere una nottata come le altre cambierà per sempre le loro vite. Dopo aver trascinato a letto uno stuolo di ninfe, da queste provocati, il demone e il vampiro si baciano, e una volta interrotto il bacio si sentono scossi, spaventati dall’improvvisa chimica esplosa tra loro. Molteplici e variabili ostacoli, però, che vanno da una condanna a morte all’esilio in dimensione ormai devastata dalla guerra, minacciano di distruggerli e di annullare la vulnerabile e inattesa promessa contenuta in quel bacio. Anche se Mirceo riesce ad accettare Caspion come suo compagno predestinato, il sensuale vampiro deve ancora riuscire a convincere il demone che il loro legame sia per sempre. E ogni unione reale dei Daci de…