Passa ai contenuti principali

Se non la gracile sua nudità di Carla Marcone


Il silenzio attraversa il vicolo fetido di piscio che appesta perfino il buio, in agguato dietro ogni angolo. Ma Nina è abituata a quel tanfo, le è familiare, perché l’accompagna tutte le notti, fino alla porta della solitudine che chiama casa.
Fruga nella borsetta, infila la chiave nella toppa e il mondo fuori. 
Fuori dagli occhi che accendono voglia e desiderio. Fuori dalla bocca, tormento di carne e di sangue, che ancora ha il sapore dei gemiti dell’ultimo cliente. Fuori dalle mani che accarezzano senza amore, dalle braccia, dalle gambe … da quell'anima, maledetta anima che le abita dentro. Fuori dalla pelle, pelle da donna, bianca come può essere la pelle di una donna... Fuori dalla fiamma dei capelli che è solo una parrucca, che è solo un’altra maschera, un’altra bugia. 
Fuori! Fuori! 
Fuori da lei che per lui non è più lei. 
Smette l’abito intriso di profumo sciupato e si avvicina claudicante allo specchio. Ha il cuore ed un tacco spezzati. 
Non vuole guardare, Nina. 
Le manca il coraggio. 
Teme lo scempio dolente della faccia e del corpo, sebbene l’abbia già visto, sebbene siano tre giorni che se lo porta, incancellabile, addosso. 
Eppure lo amava. Eppure avrebbe fatto tutto per lui. 
Amava il suo passo sicuro, la sua pelle intrisa di pioggia e di cielo, e il sorriso accolto da quegli occhi che le erano sembrati sinceri. Aveva abbandonato la strada, i letti stranieri, e quella vita di vita che poi non era la sua vita, ma l’unica vita che sapesse vivere, per lui, solo per lui. 
Piange adesso, Nina.
Lacrime di sale.
Lunghe di rabbia.
Lente di delusione. 
Perché l’amore non ingiuria, non schernisce, né maledice. Perché l’amore non condanna e non punisce. Perché l’amore ama. Perché l'amore è un demone senza perché. 
Tutto gli aveva confessato … quasi. Tutto lui aveva accettato: la strada, i letti stranieri e quella vita di vita che poi non era la sua vita, ma l’unica che sapesse vivere. 
Per settimane non si erano saziati che di baci. 
Baci furenti di inappagato desiderio. 
Per settimane si erano tenuti per mano, come scolaretti inconsapevoli delle gioie dell’amore. Perché lui non le era saltato addosso, perché lui voleva trattarla da donna onesta, perché lui – Un giorno ti sposerò. 
Tante parole.
Sussurrate e gridate di felicità. 
Tante. Belle. Parole. 
Parole cancellate, picchiate, sputate, e lasciate esanimi su un marciapiede, ed era tre giorni fa, da quel quasi omesso, un po’ per pudore un po’ per illusione. 
Adesso solleva gli occhi, Nina. 
È lì, adesso.
Nina dentro allo specchio. 
È lì, proprio lì, davanti a quella bugia che le pende tra le cosce.
Davanti alla gracile sua nudità.


Questo racconto è già stato pubblicato dalla rivista letteraria "La fornace".

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…