Passa ai contenuti principali

Se non la gracile sua nudità di Carla Marcone


Il silenzio attraversa il vicolo fetido di piscio che appesta perfino il buio, in agguato dietro ogni angolo. Ma Nina è abituata a quel tanfo, le è familiare, perché l’accompagna tutte le notti, fino alla porta della solitudine che chiama casa.
Fruga nella borsetta, infila la chiave nella toppa e il mondo fuori. 
Fuori dagli occhi che accendono voglia e desiderio. Fuori dalla bocca, tormento di carne e di sangue, che ancora ha il sapore dei gemiti dell’ultimo cliente. Fuori dalle mani che accarezzano senza amore, dalle braccia, dalle gambe … da quell'anima, maledetta anima che le abita dentro. Fuori dalla pelle, pelle da donna, bianca come può essere la pelle di una donna... Fuori dalla fiamma dei capelli che è solo una parrucca, che è solo un’altra maschera, un’altra bugia. 
Fuori! Fuori! 
Fuori da lei che per lui non è più lei. 
Smette l’abito intriso di profumo sciupato e si avvicina claudicante allo specchio. Ha il cuore ed un tacco spezzati. 
Non vuole guardare, Nina. 
Le manca il coraggio. 
Teme lo scempio dolente della faccia e del corpo, sebbene l’abbia già visto, sebbene siano tre giorni che se lo porta, incancellabile, addosso. 
Eppure lo amava. Eppure avrebbe fatto tutto per lui. 
Amava il suo passo sicuro, la sua pelle intrisa di pioggia e di cielo, e il sorriso accolto da quegli occhi che le erano sembrati sinceri. Aveva abbandonato la strada, i letti stranieri, e quella vita di vita che poi non era la sua vita, ma l’unica vita che sapesse vivere, per lui, solo per lui. 
Piange adesso, Nina.
Lacrime di sale.
Lunghe di rabbia.
Lente di delusione. 
Perché l’amore non ingiuria, non schernisce, né maledice. Perché l’amore non condanna e non punisce. Perché l’amore ama. Perché l'amore è un demone senza perché. 
Tutto gli aveva confessato … quasi. Tutto lui aveva accettato: la strada, i letti stranieri e quella vita di vita che poi non era la sua vita, ma l’unica che sapesse vivere. 
Per settimane non si erano saziati che di baci. 
Baci furenti di inappagato desiderio. 
Per settimane si erano tenuti per mano, come scolaretti inconsapevoli delle gioie dell’amore. Perché lui non le era saltato addosso, perché lui voleva trattarla da donna onesta, perché lui – Un giorno ti sposerò. 
Tante parole.
Sussurrate e gridate di felicità. 
Tante. Belle. Parole. 
Parole cancellate, picchiate, sputate, e lasciate esanimi su un marciapiede, ed era tre giorni fa, da quel quasi omesso, un po’ per pudore un po’ per illusione. 
Adesso solleva gli occhi, Nina. 
È lì, adesso.
Nina dentro allo specchio. 
È lì, proprio lì, davanti a quella bugia che le pende tra le cosce.
Davanti alla gracile sua nudità.


Questo racconto è già stato pubblicato dalla rivista letteraria "La fornace".

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …