Passa ai contenuti principali

Le sfrappole di Elena Taroni Dardi


Tra tutti i legami che si possono creare all'interno di una relazione - d'amore, d'affetto, d'amicizia o di lavoro, che sia -, la fiducia, secondo me, è il collante che tiene in piedi ogni cosa. Quando viene a mancare, difficilmente quel legame sopravvive.

Forse ancora più crudele è il dubbio del tradimento della fiducia: si insinua improvvisamente in quello che conoscevamo e lo stravolge, striscia lentamente nei gesti, negli sguardi, nei comportamenti che eravamo abituati a conoscere e li ammanta di nuove sfumature (no, non grigie e certamente più di cinquanta).

Quando il dubbio del tradimento di Lorenzo si fa strada nella mente innamorata di Valentina, la luce che sembrava avvolgere il loro rapporto si arricchisce di ombre che, pian piano, assumono la forma di Mirella, l'amica di sempre, quella che le ha sempre dato filo da torcere e che non ha mai creduto nella loro relazione. "Le sfrappole. La ricetta della fiducia" di Elena Taroni Dardi [Emma Books] è un racconto dell'antologia "Il ricettario del cuore" di EmmaforExpo, l'iniziativa della casa editrice digitale in occasione di Expo Milano 2015 e che, come gli altri, coniuga le ricette della tradizione culinaria italiana con i sentimenti.

Lorenzo è strano da qualche giorno e Valentina inizia a notare dei comportamenti a cui prima non aveva mai fatto caso: sta sempre a telefono e, quando lei arriva, chiude la telefonata che sta facendo, non ha tempo per una passeggiata né per il loro rituale dello shopping e, a complicare tutto, parte all'improvviso per lavoro lasciandole una data di ritorno alquanto fumosa. Alla ricerca di sicurezza e della tenerezza del cuore - quella che vi fa ricercare i giocattoli di quando eravate bambina, avete presente? -, Valentina inizia a impastare le sfrappole e poco importa se non è Carnevale, quell'odore la riporta nella cucina della mamma, quando tutto era più semplice, anche il rapporto con l'amore della sua vita.
«Ma è obbligatorio usare l'albume? Non posso usare due uova intere?».
«No, stella d'oro. L'albume è fondamentale».
«Come? Perché? La farina, è indispensabile. Lo zucchero deve farle dolcine. L'uovo impasta tutto e il burro deve renderle friabili, mentre la grappa stempera e conferisce leggerezza. Ma l'albume a cosa serve?».
«Ah, non lo so, ma se non lo metti sono più pesanti, più dure, e molto meno belle. È un po' come amare senza fidarsi».
"Le sfrappole" di Elena Taroni Dardi è un racconto di chimica, di perfetto dosaggio degli ingredienti che, con un pizzico di fiducia, si amalgamano alla perfezione dando vita a qualcosa di delizioso. E non stiamo lì a chiederci sempre come sarebbe l'impasto senza l'albume, se è necessario o no: ci deve essere, e questo deve bastarci!

Si può amare senza avere fiducia?
Sì, si può, ma fa male.

Commenti

  1. Grazie Ramona la tua recensione mi ha molto commosso, è il sogno di ogni autrice essere colta anche nella più labile sfumatura specie in un racconto così breve. Un grande abbraccio. <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…