Passa ai contenuti principali

Le sfrappole di Elena Taroni Dardi


Tra tutti i legami che si possono creare all'interno di una relazione - d'amore, d'affetto, d'amicizia o di lavoro, che sia -, la fiducia, secondo me, è il collante che tiene in piedi ogni cosa. Quando viene a mancare, difficilmente quel legame sopravvive.

Forse ancora più crudele è il dubbio del tradimento della fiducia: si insinua improvvisamente in quello che conoscevamo e lo stravolge, striscia lentamente nei gesti, negli sguardi, nei comportamenti che eravamo abituati a conoscere e li ammanta di nuove sfumature (no, non grigie e certamente più di cinquanta).

Quando il dubbio del tradimento di Lorenzo si fa strada nella mente innamorata di Valentina, la luce che sembrava avvolgere il loro rapporto si arricchisce di ombre che, pian piano, assumono la forma di Mirella, l'amica di sempre, quella che le ha sempre dato filo da torcere e che non ha mai creduto nella loro relazione. "Le sfrappole. La ricetta della fiducia" di Elena Taroni Dardi [Emma Books] è un racconto dell'antologia "Il ricettario del cuore" di EmmaforExpo, l'iniziativa della casa editrice digitale in occasione di Expo Milano 2015 e che, come gli altri, coniuga le ricette della tradizione culinaria italiana con i sentimenti.

Lorenzo è strano da qualche giorno e Valentina inizia a notare dei comportamenti a cui prima non aveva mai fatto caso: sta sempre a telefono e, quando lei arriva, chiude la telefonata che sta facendo, non ha tempo per una passeggiata né per il loro rituale dello shopping e, a complicare tutto, parte all'improvviso per lavoro lasciandole una data di ritorno alquanto fumosa. Alla ricerca di sicurezza e della tenerezza del cuore - quella che vi fa ricercare i giocattoli di quando eravate bambina, avete presente? -, Valentina inizia a impastare le sfrappole e poco importa se non è Carnevale, quell'odore la riporta nella cucina della mamma, quando tutto era più semplice, anche il rapporto con l'amore della sua vita.
«Ma è obbligatorio usare l'albume? Non posso usare due uova intere?».
«No, stella d'oro. L'albume è fondamentale».
«Come? Perché? La farina, è indispensabile. Lo zucchero deve farle dolcine. L'uovo impasta tutto e il burro deve renderle friabili, mentre la grappa stempera e conferisce leggerezza. Ma l'albume a cosa serve?».
«Ah, non lo so, ma se non lo metti sono più pesanti, più dure, e molto meno belle. È un po' come amare senza fidarsi».
"Le sfrappole" di Elena Taroni Dardi è un racconto di chimica, di perfetto dosaggio degli ingredienti che, con un pizzico di fiducia, si amalgamano alla perfezione dando vita a qualcosa di delizioso. E non stiamo lì a chiederci sempre come sarebbe l'impasto senza l'albume, se è necessario o no: ci deve essere, e questo deve bastarci!

Si può amare senza avere fiducia?
Sì, si può, ma fa male.

Commenti

  1. Grazie Ramona la tua recensione mi ha molto commosso, è il sogno di ogni autrice essere colta anche nella più labile sfumatura specie in un racconto così breve. Un grande abbraccio. <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…