Passa ai contenuti principali

Il tesoro del pirata di Fabiola D'Amico


Leggo romance storici quando voglio evadere totalmente dalla realtà.
Già la semplice lettura, mi fa l'effetto di catapultarmi altrove, ma leggere di Storia con dentro una storia d'amore, è un viaggio nel tempo di sicuro impatto sulla mia immaginazione.

Se poi il romance è ambientato, tra gli altri luoghi, anche in Italia, l'incanto è completo.
"Il tesoro del pirata" di Fabiola D'Amico ha tutte le caratteristiche per farvi appassionare a una storia che difficilmente vi lascerà indifferenti.

È il 1645 e Isabella Torrelles riceve una lettera dal padre Carlos che è trattenuto a Palermo da misteriosi nemici che attentano alla sua vita. Le chiede di recarsi a Barcellona per cercare il pirata Juan il Vendicatore: solo Juan, infatti, può recuperare un tesoro che egli ha nascosto prima di essere imprigionato.
Isabella è vedova da poco, ma non esita un secondo a mettersi in viaggio sulle tracce del temibile pirata perché suo padre per lei è tutto. Quando arriva a Barcellona, però, si rende conto che Juan il Vendicatore ora si fa chiamare don Juan Velasquez ed è un rispettato commerciante.
Isabella non ha intenzione di mentirgli, ma quando incontra i suoi occhi blu come il mare e quell'espressione tempestosa, non riesce a confessargli il motivo per cui lo cerca, né tantomeno la sua vera identità, visto che è la figlia dell'uomo che Juan odia con tutto se stesso.

Tra Barcellona e Palermo, il mare riserva molti pericoli, ma Isabella sente che Juan è infinitamente più pericoloso. Tuttavia, fin dal primo momento sa che non potrà resistergli a lungo: è misterioso e profondo, appassionato e spietato, protettivo e crudele, un uomo che sa toccare le corde più profonde della sua femminilità e della sua anima ribelle.

Fabiola D'Amico è maestra nel costruire trame lineari e ben strutturate storicamente, con personaggi verosimili e, allo stesso tempo, da sogno, perfetti interpreti della letteratura romantica. Già ne "Il cavaliere senza nome" e ne "Il guerriero e la dama di ghiaccio", Fabiola dà vita ad atmosfere fuori dalla nostra attualità ma perfettamente inserite nel tempo del racconto.

Isabella rientra nella caratterizzazione femminile di D'Amico, dove le donne - anche se vessate dal modo in cui sono viste nell'epoca storica in cui agiscono - riescono ad esprimere la forza della propria personalità. Juan è un personaggio che scatena grandi sospiri, con la bellezza del volto e la sfrontatezza dei modi (a me ha riportato alla mente Juan del Diablo, protagonista della telenovela cult "Cuore selvaggio") e credo che difficilmente ci sarà qualcuna che riuscirà a rimanere del tutto indifferente.

"Il tesoro del pirata" è un romance da leggere quando si ha voglia di evadere dalla grigia attualità, sognando grandi avventure e grandi amori appassionati.

Commenti

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Sara al tramonto di Maurizio de Giovanni

Quanti personaggi convivono all'interno della testa di uno scrittore? Pirandello ci ha insegnato che quando un personaggio si presenta, l'autore ha poco da rimandare, a meno che non riesca a sopportare il lamento continuo di qualcuno che chiede insistentemente di essere ascoltato.

Maurizio de Giovanni, per chi lo segue anche sui social, racconta che per lui è più o meno la stessa cosa: c'è il periodo in cui si presenta il commissario Ricciardi e lui deve dargli voce, poi arrivano gli schiamazzi dal commissariato di Pizzofalcone e allora Maurizio va a parlare coi Bastardi e così via per tutti i suoi racconti. Stavolta, per la prima volta - fatta eccezione per un racconto in una raccolta -  la voce che lo ha interpellato è femminile, Sara.

"Sara al tramonto" [Rizzoli] apre una nuova serie che ha per protagonista Sara Morozzi, ex poliziotta impiegata in una sezione distaccata dei Servizi Segreti, nota nell'ambiente per la straordinaria capacità di leggere le labb…

Recensione: Sotto lo stesso tetto di Christina Lauren

Un autore/autrice che ci è piaciuto/a in diversi libri, può ancora fare flop nelle nostre preferenze di lettori? Purtroppo sì, e succede sempre più spesso: se leggete le recensioni su Amazon, per esempio, a volte ci sono dei cali drastici di stelline per nomi che fino a quel momento erano al top delle classifiche. A me è già successo e, a dir la verità, mi dispiace sempre quando mi trovo tra le mani un testo che speravo essere tutt'altro.
"Sotto lo stesso tetto" di Christina Lauren [Leggereditore] finisce nella lista di 'mi aspettavo di meglio' pur avendo tutte le carte in regola per essere una lettura piacevole. Holland Bakker è ossessionata da un musicista che vede tutti i giorni in metropolitana. È lui, è la sua musica, è il suo aspetto, Holland non saprebbe dirlo ma quando suo zio, noto compositore di Broadway, si trova in difficoltà con il suo musical, non esita a trascinarlo in metro per fare un provino improvvisato al suo musicista preferito. Calvin McLough…