Passa ai contenuti principali

Chioma di Capri di Pablo Neruda

Capri nella sua luce meravigliosa [foto: fonte]

Capri, regina di rocce,
nel tuo vestito color giglio e amaranto son vissuto per svolgere dolore e gioia,
la vigna di grappoli abbaglianti conquistati nel mondo,
il trepido tesoro d'aroma e di capelli, lampada zenitale,
rosa espansa, arnia del mio pianeta.
Vi sbarcai in inverno.
La veste di zaffiro custodiva ai suoi piedi,
e nuda sorgeva in vapori di cattedrale marina.
Una bellezza di pietra.
In ogni scheggia della sua pelle rinverdiva la primavera pura che celava un tesoro tra le crepe.
Un lampo rosso e giallo sotto la luce tersa giaceva sonnolento aspettando di scatenare la sua forza.
Sulla riva di uccelli immobili,
in mezzo al cielo, un grido rauco, il vento e la schiuma indicibile.
D'argento e pietra è la tua veste,
appena erompe il fiore azzurro a ricamare il manto irsuto col suo sangue celeste.
Solitaria Capri,
vino di chicchi d'argento,
calice d'inverno,
pieno di fermento invisibile,
alzai la tua fermezza,
la tua luce soave,
le tue forme,
e il tuo alcol di stella bevvi come se adagio nascesse in me la vita.
Isola,
dai tuoi muri ho colto il piccolo fiore notturno e lo serbo sul petto.
E dal mare,
girando intorno a te,
ho fatto un anello d'acqua che è rimasto sulle onde a cingere le torri orgogliose di pietra fiorita,
le cime spaccate che ressero il mio amore e serberanno con mani implacabili l'impronta dei miei baci.

Pablo Neruda

Commenti

  1. Ciao! Ti invito  a partecipare al mio Giveaway! In palio un bel libro fantasy!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: L'estate che sciolse ogni cosa di Tiffany McDaniel

Quante volte ci siamo trovati di fronte al male e ci siamo lasciati spiazzare dal volto inaspettato che aveva? È facile pensare che nell'ombra ci sia quello che non possiamo che immaginare come brutto e malvagio. Ma se il diavolo arrivasse portando con sé la luce del sole più calda e brillante mai vista?
"L'estate che sciolse ogni cosa" di Tiffany McDaniel [Edizioni Atlantide] è un libro che ha il potere della scrittura che tocca, penetra, conquista e si assedia senza rimedio alcuno nel nostro animo. O almeno, a me è successo così.
A Breathed, Ohio, Autopsy Bliss è il pubblico ministero nel tribunale locale. Fin da piccolo, Autopsy è venuto a contatto con una fede molto semplice e gretta, che traccia nettamente i confini di bene e male, senza sfumature. Nel suo lavoro, però, Autopsy ha guardato in faccia al male e non sempre l'ha riconosciuto. Così, nell'estate del 1984 decide di scrivere e pubblicare sul giornale locale una lettera di invito al Diavolo, affi…

Aprile in boccio

Una primavera che tarda ad arrivare, quando poi finalmente arriva, lascia senza fiato. La natura ci dà l'esempio che nella vita bisogna sempre lasciare spazio alla speranza di sbocciare, presto o tardi, per giungere alla fioritura che meritiamo.
Da qualche anno, aprile mi si mostra in tutto il suo calore, fatto di luce e di nuovi profumi nell'aria. L'anno scorso ero anch'io sul punto di sbocciare, col pancione che in questo periodo aveva raggiunto una rotondità impressionante. Adesso vedo mia figlia che, in concomitanza con la primavera, fa fiorire le sue prime parole, i suoi primi passi sicuri.
Per Pasqua sono tornata a casa dei miei genitori, nella città che mi ha visto nascere e crescere e che adesso mi intravede spingere un passeggino durante le feste comandate.
Ritornare a casa partendo da casa è un viaggio andata e ritorno che probabilmente non avrà mai un suo verso ben definito.
Ogni volta cerco di capire da dove parto per arrivare dove ma non ho ancora trovato…