Passa ai contenuti principali

Book & Tè, la terza edizione del circolo letterario di Scrittura & Scritture è già sold out!



Mi sento stretta nei gruppi, nelle associazioni, nelle alleanze, nei crocchi di gente che parla. Non è colpa mia, credo, ma è sempre stato così. L'unico assembramento umano in cui so che mi sentirei a mio agio è un circolo letterario. Forse perché è un circolo e nel cerchio troverei il mio spazio, non so.

Il Book & Tè, il circolo letterario di Scrittura & Scritture è l'ideale, per me. Innanzitutto, si svolge a Napoli. Poi è organizzato da una casa editrice che, da quando la conosco - e sono diversi anni, vi posso assicurare - non mi ha mai deluso per i testi che pubblica e per le iniziative che promuove. E, in ultimo ma importantissimo, coinvolge gli autori dei libri che si leggono ad ogni appuntamento.

Il primo appuntamento della terza edizione del Book & Tè è il 1 ottobre e le prenotazioni sono andate esaurite già dai primi giorni, segno dell'entusiasmo che le passate edizioni ha lasciato nei lettori appassionati e desiderosi di confrontarsi.

Il calendario è composto di cinque incontri con cadenza bisettimanale (dal 1 ottobre al 26 novembre), con cinque scrittori e i loro relativi libri. Ma non pensate che il programma si fermi qui: ci saranno giochi letterari, omaggi e un superpremio finale, tra le tante novità di questa edizione che saranno illustrate nei dettagli durante il primo appuntamento dalle editrici Chantal ed Eliana Corrado.

Vediamo il programma:

  • 1 ottobre: appuntamento con il thriller e con lo spionaggio insieme a Massimo Rossi e “La luce nera della paura”.
  • 15 ottobre: si va in Spagna con l’emozionante storia della regina Giovanna La Pazza e della sua schiava moresca Nura, in “Le rose di Cordova” di Adriana Assini, romanzo giunto alla quinta edizione e vincitore di diversi premi letterari.
  • 29 ottobre: si gioca d’azzardo con l’humor e l’ironia nera di Antonio Mesisca e il suo “Nero Dostoevskij”
  • 12 novembre: I misteri e gli intrighi alla corte dei Gonzaga insieme all’affascinante capitano di Giustizia Biagio Dell’Orso de “I leoni d’Europa” di Tiziana Silvestrin.
  • 26 novembre: tutti a bordo del piroscafo Paradiso per un viaggio nel romanzo d’atmosfera “La passeggera” di Daniela Frascati.

Tutti gli incontri si terranno presso la redazione della casa Scrittura & Scritture [c.so Vittorio Emanuele, 421 - Napoli] il giovedì pomeriggio dalle 17 alle 19.

Non ci sono più posti, è tutto sold out, finito, chiuso!
Ma qualora voleste delle informazioni sulle prossime edizioni o su altre iniziative della casa editrice, scrivete a info@scritturascritture.it.

Io non ci potrò essere fisicamente, ma col cuore - e con la voglia di leggere - sarò là, tra gli altri lettori appassionati e tra gli autori.
Ma, soprattutto, tra i libri. Tra i libri.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…