Passa ai contenuti principali

Un'estate di...


Estate.

Di vacanze. Di libri da leggere sotto l'ombrellone. Di pomeriggi di calura nella penombra che non si riflette sul biancore delle lenzuola fresche di bucato sul letto. Di borse enormi in cui ci trovi il lucidalabbra trasparente che con l'abbronzatura non c'è bisogno di tanto trucco, mille fermagli per cambiare pettinatura al momento, la pashmina per la speranza di fresco della sera, i sandali con le pietre brillanti per una notte di stelle nel cielo e altrove.


Estate.

Di calore dentro, fuori e in ogni luogo. Di occhi pieni di meraviglia. Di scoperte e riscoperte che riempiono l'animo di sublime. Di risate che sembrano non finire più. Di sospironi che sciolgono qualsiasi tensione. Di baci salati e lente nuotate. Di dita leccate per non sprecare niente del dolce appena mangiato. Di gelati che fanno tornare bambini.


Estate.

Di libri riletti mille volte e che ancora ho voglia di rileggere. Di copertine che mi riportano all'estate della libreria saccheggiata quotidianamente. Di pagine ingiallite in cui ho ucciso la noia e qualsiasi tormento adolescenziale. Di quell'odore di libro non aperto da tempo e che conserva ogni pensiero fatto al tempo della prima lettura. Di libri di cui proprio non posso fare a meno e che porterò con me. Di voglia di leggere cose belle, più belle del solito. Di letture che magari non cambiano la vita, ma che sicuramente danno una bella impronta a questi mesi.


Estate.

Di me e te e di ricordi nitidi come momenti vissuti ieri. Di corse in macchina e birre, tante birre, e cocktail che sono secoli che non bevo. Di primi salti nel vuoto e di voli che ora siamo diventati esperti dell'assenza di gravità. Di sorrisi che si appendono alle lanterne nel cielo e, se si appendono alla luna enorme di questi giorni, durano ancora di più. Di mai più e sempre. Di eternità ed effimero. Di cose che fortunatamente non torneranno più e di cose che fortunatamente non passeranno mai. Di odori che aprono mondi e che sempre lo faranno. Di gioie così forti da sembrare dolore. Di cuori che non hanno più confini.

Estate.

Di voglia di scrivere. Di bisogno di scrivere. Di promesse di scrivere.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: Come belve feroci di Giuse Alemanno

Come belve feroci Giuse Alemanno Las Vegas edizioni In libreria dal 25 ottobre
Oppido Messapico, nella Puglia più profonda  Costantino Ròchira e i suoi scagnozzi hanno deciso di massacrare la famiglia Sarmenta. C’entrano questioni economiche, e c’entra la ’ndrangheta.  Ma il piano riesce solo a metà. Per una fortunata coincidenza riesce a salvarsi il figlio dei Sarmenta, Massimo detto Mattanza, un ragazzo problematico e ferocissimo, e così pure la fanno franca i suoi zii e suo cugino Santo.  Tutti insieme lasciano il paese a bordo di una Fiat Regata, ma non prima di aver ritirato tutti i soldi di famiglia e di aver inscenato la propria sparizione. Il lungo viaggio li porta in Val Camonica  dove vengono accolti da un vecchio amico e compaesano, Giovanni Argento, e dove Santo e Mattanza cominciano a progettare la loro vendetta
“Come belve feroci” è un romanzo crudo, dalle venature hard-core, che non risparmia niente e nessuno, che somiglia a un film di Tarantino raccontato però dalla penn…

Recensione: La sorella silenziosa di Diane Chamberlain

Il passato non è mai morto quando c'è di mezzo un segreto.
In "La sorella silenziosa" [Leggereditore], Diane Chamberlain costruisce un thriller mozzafiato che incolla il lettore alle pagine, per scoprire fino in fondo quali segreti può nascondere una famiglia dall'apparenza ordinaria.
Quando il padre muore improvvisamente, Riley MacPherson torna a New Bern, nella sua casa natale, per mettere a posto le cose. Suo fratello Danny si disinteressa completamente all'eredità e, in un primo momento, anche a lei: sembra avercela coi genitori, accusandoli di chissà quale cattiveria che Riley, nei suoi ricordi, non riesce a riscontrare. Fin dai primi giorni nella casa di famiglia, Riley sente che quello che ha sempre creduto essere la verità, in realtà è sempre stato qualcosa di diverso. Per esempio, il suicidio di sua sorella Lisa, avvenuto ventitré anni prima, sembra avvolto da più domande senza risposta di quello che dovrebbe essere un atto compiuto per disperazione.
«No…