Passa ai contenuti principali

Un'estate di...


Estate.

Di vacanze. Di libri da leggere sotto l'ombrellone. Di pomeriggi di calura nella penombra che non si riflette sul biancore delle lenzuola fresche di bucato sul letto. Di borse enormi in cui ci trovi il lucidalabbra trasparente che con l'abbronzatura non c'è bisogno di tanto trucco, mille fermagli per cambiare pettinatura al momento, la pashmina per la speranza di fresco della sera, i sandali con le pietre brillanti per una notte di stelle nel cielo e altrove.


Estate.

Di calore dentro, fuori e in ogni luogo. Di occhi pieni di meraviglia. Di scoperte e riscoperte che riempiono l'animo di sublime. Di risate che sembrano non finire più. Di sospironi che sciolgono qualsiasi tensione. Di baci salati e lente nuotate. Di dita leccate per non sprecare niente del dolce appena mangiato. Di gelati che fanno tornare bambini.


Estate.

Di libri riletti mille volte e che ancora ho voglia di rileggere. Di copertine che mi riportano all'estate della libreria saccheggiata quotidianamente. Di pagine ingiallite in cui ho ucciso la noia e qualsiasi tormento adolescenziale. Di quell'odore di libro non aperto da tempo e che conserva ogni pensiero fatto al tempo della prima lettura. Di libri di cui proprio non posso fare a meno e che porterò con me. Di voglia di leggere cose belle, più belle del solito. Di letture che magari non cambiano la vita, ma che sicuramente danno una bella impronta a questi mesi.


Estate.

Di me e te e di ricordi nitidi come momenti vissuti ieri. Di corse in macchina e birre, tante birre, e cocktail che sono secoli che non bevo. Di primi salti nel vuoto e di voli che ora siamo diventati esperti dell'assenza di gravità. Di sorrisi che si appendono alle lanterne nel cielo e, se si appendono alla luna enorme di questi giorni, durano ancora di più. Di mai più e sempre. Di eternità ed effimero. Di cose che fortunatamente non torneranno più e di cose che fortunatamente non passeranno mai. Di odori che aprono mondi e che sempre lo faranno. Di gioie così forti da sembrare dolore. Di cuori che non hanno più confini.

Estate.

Di voglia di scrivere. Di bisogno di scrivere. Di promesse di scrivere.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …