Passa ai contenuti principali

Un'estate di...


Estate.

Di vacanze. Di libri da leggere sotto l'ombrellone. Di pomeriggi di calura nella penombra che non si riflette sul biancore delle lenzuola fresche di bucato sul letto. Di borse enormi in cui ci trovi il lucidalabbra trasparente che con l'abbronzatura non c'è bisogno di tanto trucco, mille fermagli per cambiare pettinatura al momento, la pashmina per la speranza di fresco della sera, i sandali con le pietre brillanti per una notte di stelle nel cielo e altrove.


Estate.

Di calore dentro, fuori e in ogni luogo. Di occhi pieni di meraviglia. Di scoperte e riscoperte che riempiono l'animo di sublime. Di risate che sembrano non finire più. Di sospironi che sciolgono qualsiasi tensione. Di baci salati e lente nuotate. Di dita leccate per non sprecare niente del dolce appena mangiato. Di gelati che fanno tornare bambini.


Estate.

Di libri riletti mille volte e che ancora ho voglia di rileggere. Di copertine che mi riportano all'estate della libreria saccheggiata quotidianamente. Di pagine ingiallite in cui ho ucciso la noia e qualsiasi tormento adolescenziale. Di quell'odore di libro non aperto da tempo e che conserva ogni pensiero fatto al tempo della prima lettura. Di libri di cui proprio non posso fare a meno e che porterò con me. Di voglia di leggere cose belle, più belle del solito. Di letture che magari non cambiano la vita, ma che sicuramente danno una bella impronta a questi mesi.


Estate.

Di me e te e di ricordi nitidi come momenti vissuti ieri. Di corse in macchina e birre, tante birre, e cocktail che sono secoli che non bevo. Di primi salti nel vuoto e di voli che ora siamo diventati esperti dell'assenza di gravità. Di sorrisi che si appendono alle lanterne nel cielo e, se si appendono alla luna enorme di questi giorni, durano ancora di più. Di mai più e sempre. Di eternità ed effimero. Di cose che fortunatamente non torneranno più e di cose che fortunatamente non passeranno mai. Di odori che aprono mondi e che sempre lo faranno. Di gioie così forti da sembrare dolore. Di cuori che non hanno più confini.

Estate.

Di voglia di scrivere. Di bisogno di scrivere. Di promesse di scrivere.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth di M.C. Beaton

Morte di una snob. I casi di Hamish Macbeth M.C. Beaton Astoria Edizioni dal 8 febbraio in libreria e negli store online
Hamish sta per affrontare la prospettiva di trascorrere in solitudine le feste natalizie, quando viene invitato dalla bella Jane Wetherby, che gestisce un centro benessere, a passare da lei il Natale. In cambio deve capire chi, fra i clienti e gli abitanti dell’isola, trama di ucciderla. La lista dei sospetti è lunga: tutte le persone presenti sull’isola di Eileencraig nutrono rancore verso Jane, e tra loro la sgradevole Heather Todd, che si fa vanto di essere un’insopportabile snob. Un giorno, però, è proprio Heather, e non Jane, a venire assassinata. Per Hamish si prospetta un Natale molto più noir che bianco…

Il poliziotto Hamish Macbeth ha una trentina d’anni, è alto, magro, ha occhi nocciola e lunghe ciglia, e una grande zazzera di capelli rossi. Le relazioni sentimentali non sono il suo forte, anche se le donne lo attraggono sempre, in particolare Priscilla, fig…

Anteprima: Lo Straordinario di Eva Clesis

Lo Straordinario Eva Clesis Las Vegas Edizioni dal 15 febbraio in libreria
Alla tenera età di 37 anni, Lea sta cercando se stessa, ma le basterebbe trovare un nuovo inizio: ha rotto con il fidanzato, ha perso il lavoro presso una rivista di moda e sogna una carriera da giornalista d’assalto. Come se non bastasse, ha una sorella gemella di successo e una madre lontana e ipercritica. Nonostante pensi di avere più sfiga che talento, le cose iniziano a girare per il verso giusto non appena Lea mette piede nella sua nuova casa, in un condominio della periferia milanese. I suoi abitanti lo chiamano “Lo Straordinario”. I padroni di casa sono una coppia di anziani gentilissimi, la mansarda in cui va a vivere è deliziosa, il prezzo dell’affitto incredibilmente basso, gli inquilini zelanti e prodighi di attenzioni. Tutti sono pronti ad accogliere Lea come in una grande famiglia. Ma ogni famiglia è infelice a modo suo. E giorno dopo giorno Lea sospetta di essere diventata la pedina di un gioco sco…