Passa ai contenuti principali

Spettabile Demone di Anonima Strega


Quando ho letto "Dracula" di Bram Stoker non ho dormito molto: pur sapendo che era una storia, qualcosa mi inquietava.
Quando ho letto "Frankenstein" di Mary Shelley ho pianto e mi sono inquietata, tutto insieme.
Poi ho capito che i libri fantasy con elementi gotici non facevano per me e non per chissà quale corrente letteraria che mi spingeva a osteggiarli: avevo paura.

Perché là dove non arrivava il racconto, la mia fantasia colmava ampiamente gli spazi di horror e il risultato era devastante.

Sono passati anni da allora e quando ho visto la copertina di "Spettabile Demone" di Anonima Strega - no, dico, ma avete visto quella copertina?! - mi sono detta che la curiosità era più forte e che potevo tentare un secondo approccio col fantasy.
E l'autrice, che da sempre si occupa di tematiche dell'occulto, è stata gentilissima e, da consorella, mi ha avvertita, forse il genere non era il mio, ci potevano essere scene che mi avrebbero inquietato.
Ma io, imperterrita, ho deciso di tentare. Ho attivato il radar del terrore e ho iniziato a leggere.

Iris lavora per un giornale e arriva a fine mese solo grazie a diverse peripezie e all'aiuto della sua coinquilina e amica Gaia. Quando le piove dal cielo una proposta di lavoro con compenso di 3 milioni di euro, lei si trova in serissima difficoltà a rifiutarla. Nonostante i suoi datori di lavoro saranno dei... demoni.
Non immaginate una situazione tipo Faust, in cui Mefistofele chiede al suo malcapitato "impiegato" le imprese più crudeli e inumane: Iris dovrà scrivere una lettera al Capo Guardiano dei Bianchi, cioè gli angeli che non hanno commesso peccato e non sono stati scaraventati sulla terra diventando demoni. Dopo mille dubbi, Iris si trova al cospetto dei cinque demoni: Damien, che l'ha vista per la prima volta e l'ha ingaggiata, Sebastian, Nadir, Zaccaria e Theo. Oltre a essere bellissimi, i cinque hanno un segreto da nascondere e un'attività notturna che deve necessariamente passare inosservata...

"Spettabile Demone" è un romanzo fantasy, con sprazzi di gothic novel e romance e il mix non dispiace per niente. Nonostante le raccomandazioni dell'autrice e il mio radar della paura attivato, non c'è stato nessun salto dalla poltrona mentre leggevo, né notti insonni a temere il mostro sotto il mio letto. La storia procede con una tale naturalezza che anche gli elementi più dark - i demoni subiscono la loro stessa natura, con tanto di occhi neri e enormi e denti aguzzi - non impattano con l'adrenalina del lettore.
L'eros sottinteso e poi pian piano esplicitato non fa niente altro che confermare che, nelle tentazioni, siamo tutti demoni che cercano il paradiso nella soddisfazione, sensuale e non.

Insomma, questo mio nuovo tentativo nel fantasy non è andato male e non escludo di ritentarci, non appena una trama possa incuriosirmi come ha fatto questa.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…