Passa ai contenuti principali

Segnalazione: Tentazione in rosa shocking di Daniela Binacci


Daniela Binacci
€ 0.99

Trama

Lui. Dario Della Torre. Trentacinque anni. Il mare negli occhi e anche un po’ di cielo. Un’ex moglie rinominata il Parassita e una figlia di quattro anni che adora. È sistemista nell’agenzia pubblicitaria del migliore amico di sempre, Max, l’ultimo discepolo di Casanova. Incastrato in una routine mediocre, di obblighi e preoccupazioni, ha smesso di sognare già da tempo ormai. Tutti i giorni le stesse cose, peggio di un criceto su una ruota. Ma qualcosa inizia a cambiare quando in agenzia arriva lei. 
Susanna Mieli. La nuova stagista. Trentatré anni. Precaria da tredici. A causa di una scommessa, deve vestire esclusivamente di rosa per tre mesi. E lei odia il rosa. Occhi da cerbiatta e un modo di essere così stuzzicante che fa impazzire chiunque. Esausta di collezionare solo maschi sbagliati, vive sola nella vecchia casa di famiglia. Non sa ancora bene cosa farà da grande. Ma sa con certezza che dentro a ogni maschio si nasconde soltanto l’ennesimo guaio. E mai un uomo. 
All’inizio, si evitano. Poi, si osservano. A distanza di sicurezza. Ma quel bacio, a fior di labbra, cambia le carte in tavola. È improvviso. Inaspettato. E bello da morire. Le barriere s’incrinano e la passione esplode, portandosi dietro dubbi e paure. Alla fine, siamo sempre maschi contro femmine. In quell’incredibile e folle giro sulle montagne russe che è la vita. Ma quando la conquista e la resa si equivalgono, ognuno indossa le proprie emozioni. Rivelando finalmente se stesso. E la sua fame d’Amore. 

L'autrice:

Classe 1980. Romana, con il sangue creolo nelle vene. Laureata in mediazione linguistica e culturale presso l’Università La Sapienza di Roma, ha vissuto in tanti luoghi, cambiato case, lavori, città, lingue. Oggi è di nuovo a casa, nel suo nido, immerso (quasi sperduto in realtà) nel verde della campagna romana. Luogo in cui la segnaletica stradale ritrae essenzialmente simpatici cervi e mucche, da lei stessa rinominato “Il regno di molto, molto lontano”. Tentazione in rosa shocking è il suo primo romanzo in versione digitale, nato dal connubio tra un immenso bisogno di scrivere e il colpo di fulmine per una copertina. È stato in quel momento che la storia di vita, passione e amore di un ex sognatore che incontra una tentazione ha preso vita. La storia di Dario e Susanna. Due qualunque di noi.

L'autrice dice:
Per lei scrivere è come respirare. Qualunque sia lo stato d’animo che l’ attraversi in quel momento, pensa solo ad afferrare le parole che si rincorrono nella sua mente, dando forma e corpo alle emozioni che le scorrono dentro. Nel bene e nel male. Come in questo caso. Dando vita a un romanzo scritto quasi interamente in treno, nel tragitto casa-lavoro/lavoro-casa. Sulla memo di uno smartphone. Perché scrivere è sentirsi liberi. È come intraprendere un viaggio, fuori e dentro se stessi. E vivere ogni volta un’avventura diversa. 

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …