Passa ai contenuti principali

Segnalazione: La mia ragazza torna in città di Giulia Beyman


Giulia Beyman
€ 3.45

Trama

Amanda è giovane, bella e desiderosa di conoscere il mondo. Tre mesi in Kenya sono il regalo che si concede prima di cominciare la sua vita da "donna adulta e responsabile".
Quando tornerà negli Stati Uniti - è già stabilito - andrà a convivere con il suo fidanzato e inizierà a lavorare per un importante studio legale di New York.
Ma le settimane che trascorre in Kenya cambiano la sua vita.
Mentre percorre la stretta striscia d'asfalto che da Watamu va a Mombasa, per salire sull'aereo che la riporterà a casa, Amanda pensa che forse i suoi genitori saranno delusi dalle decisioni che ha preso mentre era in Africa. Ma loro la amano e con il tempo tutto si sistemerà.
Non sa che dietro il lampeggiare di fari che la incalzano mentre è alla guida della jeep presa a noleggio per raggiungere l'aeroporto si nasconde un brusco cambiamento del suo destino.

NORA COOPER MYSTERIES: una serie dove si intrecciano giallo, suspense, mistero e amore.
#1 Prima di dire addio
#2 Luce dei miei occhi
#3 La bambina con il vestito blu
#4 La mia ragazza torna in città

L'autrice

Giulia Beyman vive tra Roma e la Toscana con suo marito, un figlio di dieci anni e i suoi gatti Zoe, Zeno e Lola. È una lettrice onnivora, appassionata di yoga e di cinema. Dopo una breve parentesi nell'editoria, ha lavorato per una decina di anni come giornalista free-lance occupandosi di libri, di moda e di cronaca. Dal 1998 lavora come sceneggiatrice per la televisione italiana. Dopo “Prima di dire addio”, Giulia Beyman ha pubblicato “Luce dei miei occhi”, dove torna Nora Cooper, affascinante agente immobiliare che ha il sorprendente dono di comunicare con l'aldilà.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Lonely Betty di Joseph Incardona

Prendete una piccola città della provincia americana. Sistemateci dentro dei personaggi all'apparenza semplici, ma con qualche dettagliato indizio che fa presupporre segreti e inconfessabili desideri. Mettete insieme il tutto grazie a una scrittura brillante e coinvolgente, dove la voce dell'autore ammicca da ogni pagina. Quello che otterrete è un libro come "Lonely Betty" di Joseph Incardona [NN Editore].
Il seme del libro è semplice e magnificamente complesso: cosa potrebbe succedere se la vecchia maestra della contea di Durham, nel Maine, Betty Holmes, che non parla da circa cinquanta anni, aprisse bocca il giorno del suo centesimo compleanno e gettasse lo scompiglio in città?

Quello che succede è una serie di eventi in cui il lettore cerca di districarsi entrando nella testa dei personaggi insieme alla voce dell'autore.
Così, quando l'anziana Betty dice di conoscere il nome di chi sa dove si trovano i corpi dei tre fratellini Harrys, i suoi alunni scompa…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …