Passa ai contenuti principali

L'incastro (im)perfetto di Colleen Hoover


Quando si incontra l'amore della propria vita, spesso, si ha la sensazione che un pezzo che non sapevamo ci mancasse, improvvisamente è lì al suo posto per donarci un quadro che non saremmo mai riusciti a immaginare così bello e completo.
L'amore è così, credo. Mette a posto pezzi che non sapevamo di avere fuori posto e per farlo, a volte, sposta altri tasselli che per anni avevamo impilato in spazi non della loro misura.

È così anche per i protagonisti di "L'incastro (im)perfetto" di Colleen Hoover [Leggereditore] i cui pezzi sembrano tutti al loro posto, finché non si incontrano e non si accorgono che gli incastri, anche se all'inizio possono sembrare imperfetti, in realtà trovano posto da soli.

Miles Archer non vuole che Tate Collins gli appaia così bella e fiduciosa verso di lui e verso un futuro insieme. Miles vuole continuare a guardare i frantumi del suo cuore accantonati in un angolo della sua vita e non rimetterli più insieme, perché farebbe troppo male anche solo pensare di avvicinare tutti i pezzi gli uni agli altri. Quando, però, Tate inaspettatamente, un po' per volta, inizia a dargli una visione diversa del futuro, magari con incastri non proprio perfetti, ma per questo più belli e veri, Miles sente crollare tutto.

Tate e Miles sembrano destinati a non dover stare insieme perché un dolore troppo forte ha distrutto la vita di lui quando era all'apice della felicità e ora ha deciso che tutti i momenti belli di un amore non valgono quella distruzione che poi può arrivare. Tutti i momenti belli fino all'arrivo di Tate, forse, non valevano tanto e pian piano Miles se ne rende conto.

"L'incastro (im)perfetto" è un romanzo che mi ha incatenato alla storia dalla prima all'ultima pagina e certamente non per le scene di passione (che pure sono ben scritte, a dir la verità). La storia di Miles è profonda, dolorosa, ben strutturata dall'inizio alla fine, senza cedimenti strappalacrime né forzature e questo è quello che ho più apprezzato (e che mi ha strappato pure qualche lacrima).
Non mi sono pentita di avergli dedicato il mio tempo nel weekend.
Qualche sospiro, un accenno di lacrima e la consapevolezza di avere tra le mani un romance come letteratura rosa comanda.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Anteprima: True Love di Silvia Ami

True Love Silvia Ami Emma Books In ebook dal 23 maggio

Cosa faresti se un’innocua messinscena facesse vacillare le tue certezze e il tuo cuore ammaccato tornasse a battere con vigore?
Sarah Farrell considera la sua vita perfetta così com’è. Tra il lavoro di art director che la porta a viaggiare spesso tra Londra e Milano, un gruppetto di amici fidati e qualche piacevole incontro occasionale, quello di cui non ha certo bisogno è un marito e una famiglia di cui occuparsi. Peccato che i suoi genitori non siano dello stesso parere e abbiano iniziato a tormentarla con la richiesta di mettere la testa a posto una volta per tutte. Quando Emma, la sua migliore amica, le chiede aiuto per trovare una sistemazione a un collega in viaggio di lavoro nella capitale britannica, ecco che la soluzione ai suoi problemi sembra capitarle tra le mani come manna del cielo. Lorenzo Borghi è un avvocato schivo e controllato e in un primo momento si rifiuta di prendere parte alla sciarada orchestrata da Sarah. …

Recensione: Ma Cupido ha i tacchi a spillo? di Viviana Giorgi

Chi l'ha detto che Cupido è un angioletto biondo e paffuto che scocca frecce a più non posso, colpendo ignari cuori solitari? Nella vita di tutti i giorni, l'amore può colpirci in qualsiasi momento, con qualsiasi mezzo, anche tramite dei puntuti e pericolosissimi tacchi a spillo indossati da una specie di valchiria sorridente. Succede così a Claudia, la protagonista di "Ma Cupido ha i tacchi a spillo?" [Emma Books], ultimo lavoro letterario di Viviana Giorgi che, dopo i romance storici, si conferma maestra anche nel romanzo rosa contemporaneo.
Claudia viaggia in metropolitana quando, a causa di una brusca frenata, una gigantessa le piomba sull'alluce con i suoi vertiginosi tacchi a spillo. Verrà fuori che la donna è un'infermiera dell'Est e non esiterà a prendersi cura di lei portandola di peso al pronto soccorso dell'ospedale dove lavora. Che sia un caso o che sia tutto premeditato dalla diabolica (e simpaticissima) Stilettova - come l'ha sopran…