Passa ai contenuti principali

L'incastro (im)perfetto di Colleen Hoover


Quando si incontra l'amore della propria vita, spesso, si ha la sensazione che un pezzo che non sapevamo ci mancasse, improvvisamente è lì al suo posto per donarci un quadro che non saremmo mai riusciti a immaginare così bello e completo.
L'amore è così, credo. Mette a posto pezzi che non sapevamo di avere fuori posto e per farlo, a volte, sposta altri tasselli che per anni avevamo impilato in spazi non della loro misura.

È così anche per i protagonisti di "L'incastro (im)perfetto" di Colleen Hoover [Leggereditore] i cui pezzi sembrano tutti al loro posto, finché non si incontrano e non si accorgono che gli incastri, anche se all'inizio possono sembrare imperfetti, in realtà trovano posto da soli.

Miles Archer non vuole che Tate Collins gli appaia così bella e fiduciosa verso di lui e verso un futuro insieme. Miles vuole continuare a guardare i frantumi del suo cuore accantonati in un angolo della sua vita e non rimetterli più insieme, perché farebbe troppo male anche solo pensare di avvicinare tutti i pezzi gli uni agli altri. Quando, però, Tate inaspettatamente, un po' per volta, inizia a dargli una visione diversa del futuro, magari con incastri non proprio perfetti, ma per questo più belli e veri, Miles sente crollare tutto.

Tate e Miles sembrano destinati a non dover stare insieme perché un dolore troppo forte ha distrutto la vita di lui quando era all'apice della felicità e ora ha deciso che tutti i momenti belli di un amore non valgono quella distruzione che poi può arrivare. Tutti i momenti belli fino all'arrivo di Tate, forse, non valevano tanto e pian piano Miles se ne rende conto.

"L'incastro (im)perfetto" è un romanzo che mi ha incatenato alla storia dalla prima all'ultima pagina e certamente non per le scene di passione (che pure sono ben scritte, a dir la verità). La storia di Miles è profonda, dolorosa, ben strutturata dall'inizio alla fine, senza cedimenti strappalacrime né forzature e questo è quello che ho più apprezzato (e che mi ha strappato pure qualche lacrima).
Non mi sono pentita di avergli dedicato il mio tempo nel weekend.
Qualche sospiro, un accenno di lacrima e la consapevolezza di avere tra le mani un romance come letteratura rosa comanda.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Ogni volta che sono solo con te di Amabile Giusti

La qualità della scrittura, della storia, di un libro, insomma, può determinarsi dal nome della casa editrice scritto in basso sulla copertina?  Mi sono spesso detta di sì, che la scrematura per mano di professionisti dell'editoria è necessaria per non farci arrivare qualsiasi rigurgito di scrittura che un essere umano possa avere nella sua vita. Poi però ho ammesso le dovute eccezione. I libri di Amabile Giusti sono queste dovute eccezioni di cui tenere conto per onestà intellettuale e perché è giusto che il mondo di questa autrice abbia il suo riconoscimento.
Ho letto per la prima volta un suo libro nel 2014, era "Trent'anni e li dimostro" prima di essere pubblicato dalla Mondadori ed era già perfetto così. In seguito ho letto anche qualcos'altro di suo e l'incanto era sempre lo stesso. La lettura di "Ogni volta che sono solo con te" [Amazon Publishing] arriva dopo tanto tempo che avevo un po' perso di vista l'autrice e i suoi libri e dev…