Passa ai contenuti principali

L'incastro (im)perfetto di Colleen Hoover


Quando si incontra l'amore della propria vita, spesso, si ha la sensazione che un pezzo che non sapevamo ci mancasse, improvvisamente è lì al suo posto per donarci un quadro che non saremmo mai riusciti a immaginare così bello e completo.
L'amore è così, credo. Mette a posto pezzi che non sapevamo di avere fuori posto e per farlo, a volte, sposta altri tasselli che per anni avevamo impilato in spazi non della loro misura.

È così anche per i protagonisti di "L'incastro (im)perfetto" di Colleen Hoover [Leggereditore] i cui pezzi sembrano tutti al loro posto, finché non si incontrano e non si accorgono che gli incastri, anche se all'inizio possono sembrare imperfetti, in realtà trovano posto da soli.

Miles Archer non vuole che Tate Collins gli appaia così bella e fiduciosa verso di lui e verso un futuro insieme. Miles vuole continuare a guardare i frantumi del suo cuore accantonati in un angolo della sua vita e non rimetterli più insieme, perché farebbe troppo male anche solo pensare di avvicinare tutti i pezzi gli uni agli altri. Quando, però, Tate inaspettatamente, un po' per volta, inizia a dargli una visione diversa del futuro, magari con incastri non proprio perfetti, ma per questo più belli e veri, Miles sente crollare tutto.

Tate e Miles sembrano destinati a non dover stare insieme perché un dolore troppo forte ha distrutto la vita di lui quando era all'apice della felicità e ora ha deciso che tutti i momenti belli di un amore non valgono quella distruzione che poi può arrivare. Tutti i momenti belli fino all'arrivo di Tate, forse, non valevano tanto e pian piano Miles se ne rende conto.

"L'incastro (im)perfetto" è un romanzo che mi ha incatenato alla storia dalla prima all'ultima pagina e certamente non per le scene di passione (che pure sono ben scritte, a dir la verità). La storia di Miles è profonda, dolorosa, ben strutturata dall'inizio alla fine, senza cedimenti strappalacrime né forzature e questo è quello che ho più apprezzato (e che mi ha strappato pure qualche lacrima).
Non mi sono pentita di avergli dedicato il mio tempo nel weekend.
Qualche sospiro, un accenno di lacrima e la consapevolezza di avere tra le mani un romance come letteratura rosa comanda.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…