Passa ai contenuti principali

Leggimi nel pensiero Vintage: Il corpo nell'armadio di Rufus King


Ora come ora, mi sembra impossibile che ci sia stata un'epoca in cui non leggevo gialli.
Eppure è esistita davvero, quell'epoca.
Era sempre il 2007 - le mie recensioni vintage, per ora, risalgono tutte a quell'anno - e provai a fare un tentativo con "Il corpo nell'armadio" di Rufus King, pubblicato dalla Polillo Editore che, nella collana "I bassotti", ha dei bei gialli da recuperare, secondo me.

***anche questa volta la recensione è pari pari quella pubblicata nel 2007***


Il corpo nell'armadio di Rufus King.
Polillo editore, 2007.
In ogni libro giallo che si rispetti deve esserci sempre una bella donna. E un poliziotto un po’ scontroso ma dallo sguardo penetrante. E magari anche un cadavere. Se poi è nascosto, ci troviamo davvero di fronte ad un capolavoro.
Già dal titolo “Il corpo nell’armadio”, il libro di Rufus King si annuncia come un intrigante costruzione volta a coinvolgere il lettore in ogni singola mossa dell’investigatore chiamato a risolvere quello che, magistralmente, all’inizio sembra un caso semplicissimo.
Il ritmo incalzante dello stile di quest’opera prima dell’americano King, pubblicata nel 1929, scioglie i nodi che sono venuti al pettine nel corso di poche ore, dalle 20,37 alle 7,11, concludendosi in un circolo perfetto che non può che strappare un sorriso al lettore.
Ambientata nella New York sfavillante degli anni ’20, la storia si apre con una telefonata al locale distretto di polizia: la signora Endicott, moglie del ricco finanziere Herbert, sospetta che il marito abbia una relazione con una donna molto pericolosa e che, dovendola incontrare ore prima e non essendo più tornato, il signor Endicott possa trovarsi in grave pericolo. Il tenente Valcour prende la telefonata e si reca sul posto per parlare con la padrona di casa.
Memore della tradizione poliziesca precedente, che si rifà a Poe, Chesterton e Christie, King non può che dare al suo poliziotto origini straniere, franco- canadesi più precisamente, e sarà anche questo suo distacco dall’americano medio, impersonato dagli altri poliziotti subordinati, a conferirgli un’aria distinta, riflessiva quasi oltre il consentito. Valcour, di cui non si conosce il nome, è andato all’università e ha una cultura abbastanza raffinata da consentirgli di apprezzare l’arredamento moderno ed eccentrico di casa Endicott. Inoltre, il suo sguardo non si posa solo sulla superficie delle cose, ma è curioso di scoprirne i misteri nascosti, di indovinare, attraverso le espressioni e gli stati d’animo delle persone che si trova davanti, i loro pensieri più reconditi. Ed è con questo metodo che cerca di trovare una fenditura nella cortina d’acciaio della signora Endicott, una donna non priva di mistero e di una fragilità che affascina suo malgrado Valcour. O di trovare una chiave di lettura nell’ermetica espressione della governante.
Il lettore ragiona insieme a Valcour, man mano che questi scopre gli indizi e interroga i sospettati. Da bravo giallista, però, King bara un po’ col lettore attivo, nascondendo alcune intuizioni del tenente- investigatore o insinuando in ogni personaggio il dubbio della colpevolezza e lasciando a chi legge la possibilità di trarre conclusioni autonomamente.
Un giallo godibilissimo, che scatena in chi legge la voglia di arrivare alla soluzione prima di Valcour, tramite i profili magnificamente disegnati dall’autore, alla ricerca di un assassino e di un movente che continuamente sfuggono.
Primo di 11 romanzi che vedono protagonista il tenente Valcour, “Il corpo nell’armadio” è l’opera che diede fama a King e, dopo una prima traduzione italiana ridotta e pubblicata col titolo “Notte d’orgasmo”, vede ora la luce, dopo anni, nell’ottima traduzione di Cecilia Vallardi, per la collana “I bassotti”, una eccezionale operazione della Polillo Editore per recuperare i capolavori gialli dimenticati o misconosciuti della cosiddetta “epoca d'oro della narrativa gialla” (1920-1940).

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Per lanciarsi dalle stelle di Chiara Parenti

Tutti abbiamo paura di qualcosa. Anche quelli che dicono di non aver mai paura, probabilmente hanno paura della paura stessa. Le paure cambiano nel corso del tempo, fortunatamente qualcuna sparisce per fare posto, purtroppo, ad altri timori. Che sia fondata o meno, la paura ci paralizza, ma, allo stesso tempo, ci protegge, ci avvolge di uno strato di consapevolezza che non ci fa fare quello che ci terrorizza. È un bene o un male, non possiamo mai dirlo con assoluta certezza.
"Per lanciarsi dalle stelle" di Chiara Parenti [Garzanti] è un libro che della paura fa il suo argomento principale, soprattutto quando sparisce.
Maria Sole ha 25 anni e si lascia "coccolare" da mille paure, soprattutto ha paura di fare qualcosa di diverso dal solito. Così ogni mattina fa lo stesso percorso per andare a lavorare sempre nello stesso posto, saluta le stesse persone, scambia gli stessi convenevoli sul tempo e, fino a sera, è tutto un dejà vu. Come spesso accade, la migliore amica …

Anteprima: Al parco di Gail Schimmel

Al parco Gail Schimmel Astoria Edizioni In uscita il 20 settembre
Rebecca, una giovane artista che ha da poco adottato una bambina, Amy – dopo anni di estenuanti quanto infruttuosi tentativi di inseminazione artificiale – comincia a frequentare il parco vicino a casa. Tante le mamme che la circondano, ciascuna con il proprio pargolo, ma solo con Rose – mamma che sembra perfettamente a proprio agio nel suo ruolo, che ama dispensare consigli, affettuosa e ciarliera – Rebecca riesce a creare un legame di amicizia, che le rende tutto più facile. Il rapporto tra le due si intensifica fino a quando al parco si presenta Lilith, single, madre di una deliziosa bimbetta, che più che parlare con loro sembra interrogarle. A quale scopo, non si capisce. Da lì a poco la bilancia dell’amicizia cambia e sono Rebecca e Lilith a diventare sempre più unite, mentre Rose sembra scivolare fuori. Rose – probabilmente gelosa – si lascia andare a una serie di commenti inopportuni, che prendono di mira sia il co…