Passa ai contenuti principali

Leggimi nel pensiero Vintage: Il corpo nell'armadio di Rufus King


Ora come ora, mi sembra impossibile che ci sia stata un'epoca in cui non leggevo gialli.
Eppure è esistita davvero, quell'epoca.
Era sempre il 2007 - le mie recensioni vintage, per ora, risalgono tutte a quell'anno - e provai a fare un tentativo con "Il corpo nell'armadio" di Rufus King, pubblicato dalla Polillo Editore che, nella collana "I bassotti", ha dei bei gialli da recuperare, secondo me.

***anche questa volta la recensione è pari pari quella pubblicata nel 2007***


Il corpo nell'armadio di Rufus King.
Polillo editore, 2007.
In ogni libro giallo che si rispetti deve esserci sempre una bella donna. E un poliziotto un po’ scontroso ma dallo sguardo penetrante. E magari anche un cadavere. Se poi è nascosto, ci troviamo davvero di fronte ad un capolavoro.
Già dal titolo “Il corpo nell’armadio”, il libro di Rufus King si annuncia come un intrigante costruzione volta a coinvolgere il lettore in ogni singola mossa dell’investigatore chiamato a risolvere quello che, magistralmente, all’inizio sembra un caso semplicissimo.
Il ritmo incalzante dello stile di quest’opera prima dell’americano King, pubblicata nel 1929, scioglie i nodi che sono venuti al pettine nel corso di poche ore, dalle 20,37 alle 7,11, concludendosi in un circolo perfetto che non può che strappare un sorriso al lettore.
Ambientata nella New York sfavillante degli anni ’20, la storia si apre con una telefonata al locale distretto di polizia: la signora Endicott, moglie del ricco finanziere Herbert, sospetta che il marito abbia una relazione con una donna molto pericolosa e che, dovendola incontrare ore prima e non essendo più tornato, il signor Endicott possa trovarsi in grave pericolo. Il tenente Valcour prende la telefonata e si reca sul posto per parlare con la padrona di casa.
Memore della tradizione poliziesca precedente, che si rifà a Poe, Chesterton e Christie, King non può che dare al suo poliziotto origini straniere, franco- canadesi più precisamente, e sarà anche questo suo distacco dall’americano medio, impersonato dagli altri poliziotti subordinati, a conferirgli un’aria distinta, riflessiva quasi oltre il consentito. Valcour, di cui non si conosce il nome, è andato all’università e ha una cultura abbastanza raffinata da consentirgli di apprezzare l’arredamento moderno ed eccentrico di casa Endicott. Inoltre, il suo sguardo non si posa solo sulla superficie delle cose, ma è curioso di scoprirne i misteri nascosti, di indovinare, attraverso le espressioni e gli stati d’animo delle persone che si trova davanti, i loro pensieri più reconditi. Ed è con questo metodo che cerca di trovare una fenditura nella cortina d’acciaio della signora Endicott, una donna non priva di mistero e di una fragilità che affascina suo malgrado Valcour. O di trovare una chiave di lettura nell’ermetica espressione della governante.
Il lettore ragiona insieme a Valcour, man mano che questi scopre gli indizi e interroga i sospettati. Da bravo giallista, però, King bara un po’ col lettore attivo, nascondendo alcune intuizioni del tenente- investigatore o insinuando in ogni personaggio il dubbio della colpevolezza e lasciando a chi legge la possibilità di trarre conclusioni autonomamente.
Un giallo godibilissimo, che scatena in chi legge la voglia di arrivare alla soluzione prima di Valcour, tramite i profili magnificamente disegnati dall’autore, alla ricerca di un assassino e di un movente che continuamente sfuggono.
Primo di 11 romanzi che vedono protagonista il tenente Valcour, “Il corpo nell’armadio” è l’opera che diede fama a King e, dopo una prima traduzione italiana ridotta e pubblicata col titolo “Notte d’orgasmo”, vede ora la luce, dopo anni, nell’ottima traduzione di Cecilia Vallardi, per la collana “I bassotti”, una eccezionale operazione della Polillo Editore per recuperare i capolavori gialli dimenticati o misconosciuti della cosiddetta “epoca d'oro della narrativa gialla” (1920-1940).

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…