Passa ai contenuti principali

Le terzine perdute di Dante di Bianca Garavelli


Cosa c'entra Dante con la ricerca più avanzata delle particelle elementari e dell'antimateria?
Non siate scettici, Dante era una mente eccelsa per il suo tempo - e anche per il nostro - e non è detto che passato, presente e futuro, in qualche modo, non possano passeggiare sulla stessa linea temporale.

"Le terzine perdute di Dante" di Bianca Garavelli [Rizzoli BUR] è un thriller storico che ipotizza, in maniera filologicamente impeccabile e scientificamente credibile, che Dante abbia sparso nella sua opera più famosa degli indizi per salvare l'umanità da se stessa.

Nel 1309, Dante è a Parigi, esiliato, solo, sfiduciato e spaventato che i suoi nemici possano raggiungerlo anche lì. Solo Marguerite, spirito affine e anima pura, riesce a risollevarlo dalla "selva oscura" in cui lo hanno gettato le contingenze della vita. È lei a introdurlo in una società che, tra filosofia e scienza, offre a Dante la possibilità di raggiungere vette di conoscenza che non pensava potessero esistere. Ma anche questi sapienti hanno dei segreti che scatenano l'ira di potenti nemici.
Dante pensò che l'esperienza della morte avrebbe potuto essere vicina. Non se ne dispiacque, o almeno non atrocemente. Aveva già vissuto, e come poteva non ricordarlo bene, le esperienze dei sogni giovanili, della passione e dell'amore, l'amicizia profonda e sincera, la serenità appagante della stabilità famigliare, l'inebriante fama di poeta, l'emozione inquieta della lotta politica. Ora, dopo l'esperienza tragica del tradimento, della sconfitta e dell'esilio, era riuscito a risollevarsi ancora, a credere che la felicità, o almeno qualcosa di molto simile, gli sarebbe giunta da dentro la sua mente, dalle gioie della ricerca e della speculazione. E, forse, avrebbe ancora potuto accostarsi all'amore per un'anima femminile pura.
Ai giorni nostri, a Milano, Riccardo Donati è un appassionato filologo medievale coinvolto nello studio del Roman de la Rose. È impegnato nella minuziosa lettura di un esemplare rarissimo del libro proveniente da Ravenna: le miniature hanno colori così vividi e le sfumature sono così delicate che Riccardo pensa di trovarsi di fronte all'opera di una mano femminile. Nell'osservazione attenta, quasi ipnotica delle pagine, il professore scopre dei segni sui bordi di una pagina in particolare. 
Riccardo conduce una vita abitudinaria, molto tranquilla, con un solo punto fermo: la sua amicizia con Agostina. Dopo aver scoperto quei segni di difficile interpretazione, improvvisamente si trova catapultato in qualcosa che non somiglia nemmeno lontanamente alla sua vecchia vita.

Bianca Garavelli è una studiosa di poesia contemporanea e medievale, in particolare di Dante, ha curato alcune edizioni della Commedia e manuali di interpretazione dantesca. In "Le terzine perdute di Dante" c'è traccia di tutto ciò, ma quello che si percepisce chiaramente è l'amore che l'autrice ha per l'argomento. Perché credo che solo la conoscenza filtrata dall'amore possa diventare fruibile anche per quelli che non conoscono perfettamente l'argomento.

Leggete "Le terzine perdute di Dante" se avete voglia di innamorarvi di nuovo di uno dei più grandi poeti di tutti i tempi - bistrattato dai programmi scolastici - che vi porterà per mano attraverso un thriller colto e coinvolgente.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…