Passa ai contenuti principali

Le terzine perdute di Dante di Bianca Garavelli


Cosa c'entra Dante con la ricerca più avanzata delle particelle elementari e dell'antimateria?
Non siate scettici, Dante era una mente eccelsa per il suo tempo - e anche per il nostro - e non è detto che passato, presente e futuro, in qualche modo, non possano passeggiare sulla stessa linea temporale.

"Le terzine perdute di Dante" di Bianca Garavelli [Rizzoli BUR] è un thriller storico che ipotizza, in maniera filologicamente impeccabile e scientificamente credibile, che Dante abbia sparso nella sua opera più famosa degli indizi per salvare l'umanità da se stessa.

Nel 1309, Dante è a Parigi, esiliato, solo, sfiduciato e spaventato che i suoi nemici possano raggiungerlo anche lì. Solo Marguerite, spirito affine e anima pura, riesce a risollevarlo dalla "selva oscura" in cui lo hanno gettato le contingenze della vita. È lei a introdurlo in una società che, tra filosofia e scienza, offre a Dante la possibilità di raggiungere vette di conoscenza che non pensava potessero esistere. Ma anche questi sapienti hanno dei segreti che scatenano l'ira di potenti nemici.
Dante pensò che l'esperienza della morte avrebbe potuto essere vicina. Non se ne dispiacque, o almeno non atrocemente. Aveva già vissuto, e come poteva non ricordarlo bene, le esperienze dei sogni giovanili, della passione e dell'amore, l'amicizia profonda e sincera, la serenità appagante della stabilità famigliare, l'inebriante fama di poeta, l'emozione inquieta della lotta politica. Ora, dopo l'esperienza tragica del tradimento, della sconfitta e dell'esilio, era riuscito a risollevarsi ancora, a credere che la felicità, o almeno qualcosa di molto simile, gli sarebbe giunta da dentro la sua mente, dalle gioie della ricerca e della speculazione. E, forse, avrebbe ancora potuto accostarsi all'amore per un'anima femminile pura.
Ai giorni nostri, a Milano, Riccardo Donati è un appassionato filologo medievale coinvolto nello studio del Roman de la Rose. È impegnato nella minuziosa lettura di un esemplare rarissimo del libro proveniente da Ravenna: le miniature hanno colori così vividi e le sfumature sono così delicate che Riccardo pensa di trovarsi di fronte all'opera di una mano femminile. Nell'osservazione attenta, quasi ipnotica delle pagine, il professore scopre dei segni sui bordi di una pagina in particolare. 
Riccardo conduce una vita abitudinaria, molto tranquilla, con un solo punto fermo: la sua amicizia con Agostina. Dopo aver scoperto quei segni di difficile interpretazione, improvvisamente si trova catapultato in qualcosa che non somiglia nemmeno lontanamente alla sua vecchia vita.

Bianca Garavelli è una studiosa di poesia contemporanea e medievale, in particolare di Dante, ha curato alcune edizioni della Commedia e manuali di interpretazione dantesca. In "Le terzine perdute di Dante" c'è traccia di tutto ciò, ma quello che si percepisce chiaramente è l'amore che l'autrice ha per l'argomento. Perché credo che solo la conoscenza filtrata dall'amore possa diventare fruibile anche per quelli che non conoscono perfettamente l'argomento.

Leggete "Le terzine perdute di Dante" se avete voglia di innamorarvi di nuovo di uno dei più grandi poeti di tutti i tempi - bistrattato dai programmi scolastici - che vi porterà per mano attraverso un thriller colto e coinvolgente.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…