Passa ai contenuti principali

La brutta e cattiva di Viviana Giorgi


L'amicizia è qualcosa di indefinibile che, però, manifesta chiaramente la sua presenza o la sua assenza.
Come è possibile che un concetto così polivalente sia tanto riconoscibile quando capita di trovarcelo davanti?
Alice, Bri, Chicca e Daniela, le protagoniste di "La brutta e cattiva. La ricetta delle occasioni ritrovate" di Viviana Giorgi [Emma Books], sono amiche dai tempi della scuola e, come capita a volte tra amiche, sono tutte diversissime tra loro.
Daniela è bella e ricca, raffinata e tranquilla nel lusso che la circonda da sempre eppure non è mai stata stronza nei confronti del prossimo e, tanto meno, delle amiche. Alice è una scrittrice di gialli, divorziata, colta, con un grandissimo problema coi ricordi. Bri è un'avvocato che sa cosa vuole e come ottenerlo. Chicca organizza eventi e forse vorrebbe organizzare un po' meglio anche la propria vita. Hanno poco più di quarant'anni e si vedono ancora con gli occhi di quando erano adolescenti spensierate e innamorate sulla spiaggia di Forte dei Marmi.

Cosa hanno in comune queste donne moderne in una Milano che più attuale non si può? Hanno l'amicizia e questo spiega perché, nonostante i caratteri e le personalità differenti, si capiscano anche solo guardandosi negli occhi. Ma hanno anche "la brutta e cattiva", la torta che, da quando avevano undici anni, è diventata il loro rituale ogni 1 giugno. Non le ha fermate il travaglio di Daniela, né le altre vicende della loro vita: ogni anno "la brutta e cattiva" ha il potere di farle ritrovare e di dar loro indizi sui dodici mesi a venire.
Anche quest'anno Alice, Chicca, Daniela e Bri sono a casa di Daniela, nella meravigliosa cucina, a mescolare ingredienti senza una ricetta precisa, lasciandosi ispirare dalle emozioni del momento e da piccole intuizioni culinarie. Quest'anno, però, ci sono delle novità: Chicca non beve vino e tutte sospettano/sanno perché, Daniela vorrebbe dare vita al sogno professionale che accarezza da sempre, Bri decide di dare finalmente una svolta alla sua carriera e Alice... Alice è travolta dai ricordi, in cui due occhi incredibilmente azzurri una notte di tanti anni prima, sulla spiaggia del Forte l'hanno guardata come mai nessuno dopo ha più fatto.
Il fatto era che ad Alice i ricordi proprio non andavano giù. Le rimanevano infilati in gola come lische di pesce e a volte le scivolavano anche più in basso, trafiggendole il petto, un po' a sinistra. Peggio che San Sebastiano.
"La brutta e cattiva. La ricetta delle occasioni ritrovate" è un racconto delicato e nitido, forte, definito e chiaro nel sentimento che unisce le quattro protagoniste. La ricetta della torta - che lo inserisce nell'antologia Ricettario del cuore - è il collante che permette a ognuna di loro di avere vicino al cuore le sorelle d'elezione senza doverlo chiedere. La torta, che il gusto sia buono o pessimo, serve a metterle insieme così come erano un tempo e la travagliata preparazione permette loro di scoprire ogni volta che non sono molto cambiate da quelle adolescenti che sono state.

Viviana Giorgi ha creato un quadro così bello che, se non le avete, alla fine della lettura desidererete amiche come Daniela, Alice, Chicca e Bri. Con la sua scrittura decisa e magistrale, Viviana ha scattato l'istantanea che vorremmo attaccare sullo specchio, dove siamo sorridenti, accanto a chi ci sostiene e ci ama per quello che siamo.

Perché, secondo me, l'amicizia assume i colori e le forme che, con gli amici, le diamo.
E se vi sembra che alcune vostre amicizie non abbiano la forma e il colore che vorreste, non perdete fiducia nell'amicizia: i cani sanno che esiste l'arcobaleno, anche se non vedono i colori.
Vi ricordate di quella volta? Vi ricordate di quel ragazzo? Vi ricordate, vi ricordate, vi ricordate.

Commenti

  1. Non vedo un mio commento di ringraziamento, Ramona, perdona la maleducata dimenticanza.
    Te lo lascio adesso con molta gratitudine e affetto.
    Un abbraccio
    Viviana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare, Viviana! Un abbraccio anche a te!

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…