Passa ai contenuti principali

Gli scrittori più ricchi della Cina non hanno mai pubblicato un libro... di carta!


Sono entrata nel circolo vizioso delle classifiche. Più ci siete dentro e più vi capiterà di non riuscire a venirne fuori.
Stavo facendo ricerche sugli scrittori più ricchi del 2015 quando mi è capitato di imbattermi nella notizia che gli scrittori più ricchi della China non hanno mai pubblicato un libro.
Sì, perché pubblicano solo ebook.

La novità dov'è, direte voi, anche noi in Italia pubblichiamo ebook.
E abbondantemente aggiungerei, anche troppo direbbe qualcun altro.
In ogni caso, la differenza sostanziale tra gli scrittori di ebook italiani e quelli cinesi risiede nei grandi - grandissimi! - numeri.
Gli utenti del web in Cina sono circa 600 milioni e gli ebook là si acquistano per 1 centesimo ogni mille parole. Grandi grandissimi numeri che producono grandi grandissimi guadagni.

Si chiama Zhang Wei lo scrittore "elettronico" più ricco della Cina. Ha 33 anni, una laurea in legge che riposa in un cassetto intanto che lui scrive ebook e diventa milionario. Il suo guadagno, in diritti, è stimato a 26,5 milioni di yuan (oltre 3 milioni di euro nel 2012).


Ma Zhang Wei non è un caso isolato: gli fanno compagnia Li Hu, 25 anni (2,4 milioni di euro); Liu Wei, 35 anni (1,8 milioni di euro); Zhu Hongzhi, 27 anni (1,6 milioni di euro) e Wang Zhong, 30 anni (1,4 milioni di euro).
Tutti scrittori che non hanno mai visto la loro opera su carta e, forse proprio per questa "fedeltà", chiamiamola così, il web li ha premiati.
Ma di cosa parleranno mai, le loro opere, per essere così gettonate?
Con la censura cinese ci sta poco da scherzare, così i nostri scrittori milionari di sono buttati sul fantasy con escursioni nel passato e nella fantascienza. E là, signori miei, ci sta poco da censurare.

Ora, sarà che il fantasy attira i teenager - e non solo -, sarà che gli argomenti relativamente limitati dalla censura restringono la cerchia dei libri da leggere, ma il risultato parla da solo.
I giovani, soprattutto quelli che non sono ancora usciti dalla casa dei genitori perché non hanno un buon lavoro, leggono, leggono tantissimo dagli smartphone che, in alcune province più povere, lontano dalle metropoli, è usato come unica fonte di accesso al web.

Le poche volte che Zhang Wei e compagni si fanno vedere in pubblico, a qualche evento, la folla impazzisce e li osanna come siamo abituati a vedere solo a Hollywood per gli attori del grande schermo. E, ricordiamoci, non hanno mai visto il loro nome su una copertina di carta, in libreria.


Da noi non funziona così e forse non potrà mai funzionare così.
Perché da noi le cifre sono infinitamente più basse, sia in termini di utenti web, sia di lettori, sia di parole scritte e scaricate.
L'eco mediatica, però, è questione di mentalità, secondo me.

Sì, perché il lettore cinese, giovane, pieno di sogni e di voglia di evadere - dalla provincia, dalla casa o semplicemente dalla propria testa - ringrazia chi gli permette di allontanarsi dalla realtà e lo innalza al rango di divo, star, eroe.
Lo scrittore dei libri che contribuiscono all'evasione è visto così.
E poco importa se il mezzo dell'evasione sia cartaceo o digitale, perché compie la magia in ogni caso e tanto basta.

Da noi non funziona così e forse non potrà mai funzionare così.
La mentalità è diversa: lo scrittore spesso scrive per nutrire il proprio ego e il lettore se ne accorge.
Gli ebook hanno una buona fetta di mercato anche da noi, anche quelli autopubblicati, ma il lettore si approccia in maniera differente.
Innanzitutto, ci sono quelli che non leggono i selfpublished per partito preso.
Tra quelli che li leggono, poi, c'è chi crede che avrebbe potuto fare meglio (e in alcuni casi è così, ma non sempre). Nella stragrande maggioranza dei casi, gli scrittori mirano a passare dal digitale al cartaceo, magari con una casa editrice che li ha notati (succede spesso, ma non sempre).
Gli autori e i libri che hanno grande risonanza sul web, difficilmente vengono notati dai media tradizionali (tv, giornali, radio) ma può succedere di tanto in tanto.

E poi, cosa fondamentale, in Italia il lettore non è attratto, né grato dell'evasione offerta dai libri. Altrimenti  si leggerebbe di più, non vi pare?

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…

Anteprima: Buona vita a tutti di J.K. Rowling

Buona vita a tutti. I benefici del fallimento e l'importanza dell'immaginazione J.K. Rowling Salani dal 20 novembre in libreria e in tutti gli store online
Quando J.K. Rowling è stata invitata a tenere il discorso per la cerimonia di laurea di Harvard, ha deciso di parlare di due temi che le stanno molto a cuore: i benefici del fallimento e l’importanza dell’immaginazione. Avere il coraggio di fallire, ha detto, è fondamentale per una buona vita, proprio come ogni altro traguardo considerato di successo. Immaginare se stessi al posto degli altri, soprattutto dei meno fortunati, è una capacità unica dell’essere umano e va coltivata a ogni costo. Raccontando la propria esperienza e ponendo domande provocatorie, J.K. Rowling spiega cosa significa per lei vivere una ‘buona vita’. Un piccolo libro pieno di saggezza, umanità e senso dell’umorismo, ricco di ispirazione per chiunque si trovi a un punto di svolta della sua esistenza. Per imparare a osare e ad aprirsi alle opportunità del…