Passa ai contenuti principali

Eccitante & divertente di Christina Lauren


Far coincidere la stagione più calda con le letture più leggere, non è una novità.
E che questa leggerezza di lettura sia ricercata anche - e per alcuni soprattutto - nelle storie d'amore, nei romanzi rosa, non è un segreto.

Io non costituisco l'eccezione. Sia chiaro, intervallo letture di ogni genere anche durante l'anno, ma in questo periodo ho sempre voglia di focalizzarmi su qualcosa che mi faccia ridere e sospirare (un poco, eh, non esageriamo...).

"Eccitante & divertente" di Christina Lauren [Leggereditore] con mia sorpresa - è il primo libro che leggo delle due autrici, perdonatemi... - ha assolto magnificamente alla mia richiesta di risate e sospiri.

Harlow appare come la classica ragazza ricca e viziata di La Jolla, sua madre e suo padre sono pezzi grossi di Hollywood, lei è bella e intelligente abbastanza per farsi amare dal mondo intero.
Il suo matrimonio di 12 ore con Finn a Las Vegas sembra essere solo un capriccio dettato dall'alto tasso alcolico della serata che hanno appena trascorso con gli amici.
Se Finn non comparisse dal nulla a La Jolla, scombinando il progetto di accantonare la loro avventura come una notte di sesso e basta - favolosa, certo, ma pur sempre e soltanto una notte -, Harlow non si preoccuperebbe di analizzare più attentamente l'attrazione che prova per lui. E che lui prova per lei, ormai è innegabile.

"Eccitante & divertente" è il secondo capitolo della serie Wild Season, inaugurata da "Dolce & selvaggio" che ha per protagonista Mia e Ansel che ritroviamo anche in questo capitolo felicemente innamorati.
Lo stile di Christina Hobbs e Lauren Billings è frizzante, leggero, senza scadere nell'ovvietà più assoluta. I personaggi di Harlow e Finn sono così ben tracciati da farceli sentire come persone reali, affascinanti e simpatici.

Dal mio punto di vista, le scene erotiche tra i protagonisti andavano benissimo anche senza introdurre il bondage, che in questa storia è molto soft e contenuto, niente a che vedere con il dolore estremo descritto dall'antesignano del genere, Fifty Shades. Insomma, Finn mi sembra un gran bell'uomo, che sa il fatto suo e che sa come far eccitare una donna, anche senza l'elemento trasgressivo che sembra un po' esulare dalla descrizione generale del personaggio.

"Eccitante & divertente" resta una bella lettura da fare sotto l'ombrellone, sul terrazzo di casa o dovunque abbiate lo spazio e il tempo per concedervi una parentesi romance molto affascinante.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Napoli mon amour di Alessio Forgione

Come si fa a staccarsi dalle proprie radici? Come si immagina una vita lontano dalla vita che abbiamo sempre conosciuto? Come si scelgono le priorità a cui dare importanza per continuare a vivere?
Queste domande mi ronzano nel cuore da quando mi sono trasferita in Svizzera. Non è un mistero che io abbia lasciato Napoli per seguire l'amore ed è ancora meno un mistero il fatto che non sia stato un passo facile, né per me né per mio marito. Quali risposte ho trovato? Tante e nessuna che possa diventare un assunto universale. Quanto meno non saprei se quelle stesse risposte avrebbero potuto dare una soluzione anche ad Amoresano, il protagonista del romanzo di esordio di Alessio Forgione, "Napoli mon amour" [NN Editore].
Amoresano - che è il cognome, il nome non lo scopriremo mai - ha trent'anni, due lauree, un passato da marinaio e un futuro di cui non riesce a vedere le coordinate, disperse in mille annunci di lavoro, in colloqui senza sbocco, in una ricerca spasmodica…

Recensione: Disperata e felice di Julia Elle

Quando ho saputo di essere incinta, ho pensato che, nei restanti sette mesi, probabilmente avrei letto di tutto e di più su gravidanza, parto, allattamento con annessi e connessi. Sapete quanti libri ho letto? Zero. Se non mi avessero regalato il classico librone sulla gravidanza, probabilmente sarei ancora ignorante su certi meccanismi (e forse sarebbe stato meglio così, chi può dirlo) e, anche quello, lo aprivo solo in vista delle scadenze mensili, poi lo seppellivo sotto i risultati delle analisi, le ecografie e i depliant dei vestitini per neonati.
Quando è nata nostra figlia ho detto a mio marito che da quel momento avrei potuto leggere qualche libro sulla maternità, sul metodo Montessori, sullo svezzamento alternativo.  Indovinate quanti libri ho letto? Zero. Alla fine ho dovuto ammettere che mi rifiuto di leggere i libri scritti da mamme/per le mamme/con le mamme/a favore delle mamme/grazie alle mamme/viva le mamme. Non è un pregiudizio, è che mi mette ansia sapere che magari …