Passa ai contenuti principali

Eccitante & divertente di Christina Lauren


Far coincidere la stagione più calda con le letture più leggere, non è una novità.
E che questa leggerezza di lettura sia ricercata anche - e per alcuni soprattutto - nelle storie d'amore, nei romanzi rosa, non è un segreto.

Io non costituisco l'eccezione. Sia chiaro, intervallo letture di ogni genere anche durante l'anno, ma in questo periodo ho sempre voglia di focalizzarmi su qualcosa che mi faccia ridere e sospirare (un poco, eh, non esageriamo...).

"Eccitante & divertente" di Christina Lauren [Leggereditore] con mia sorpresa - è il primo libro che leggo delle due autrici, perdonatemi... - ha assolto magnificamente alla mia richiesta di risate e sospiri.

Harlow appare come la classica ragazza ricca e viziata di La Jolla, sua madre e suo padre sono pezzi grossi di Hollywood, lei è bella e intelligente abbastanza per farsi amare dal mondo intero.
Il suo matrimonio di 12 ore con Finn a Las Vegas sembra essere solo un capriccio dettato dall'alto tasso alcolico della serata che hanno appena trascorso con gli amici.
Se Finn non comparisse dal nulla a La Jolla, scombinando il progetto di accantonare la loro avventura come una notte di sesso e basta - favolosa, certo, ma pur sempre e soltanto una notte -, Harlow non si preoccuperebbe di analizzare più attentamente l'attrazione che prova per lui. E che lui prova per lei, ormai è innegabile.

"Eccitante & divertente" è il secondo capitolo della serie Wild Season, inaugurata da "Dolce & selvaggio" che ha per protagonista Mia e Ansel che ritroviamo anche in questo capitolo felicemente innamorati.
Lo stile di Christina Hobbs e Lauren Billings è frizzante, leggero, senza scadere nell'ovvietà più assoluta. I personaggi di Harlow e Finn sono così ben tracciati da farceli sentire come persone reali, affascinanti e simpatici.

Dal mio punto di vista, le scene erotiche tra i protagonisti andavano benissimo anche senza introdurre il bondage, che in questa storia è molto soft e contenuto, niente a che vedere con il dolore estremo descritto dall'antesignano del genere, Fifty Shades. Insomma, Finn mi sembra un gran bell'uomo, che sa il fatto suo e che sa come far eccitare una donna, anche senza l'elemento trasgressivo che sembra un po' esulare dalla descrizione generale del personaggio.

"Eccitante & divertente" resta una bella lettura da fare sotto l'ombrellone, sul terrazzo di casa o dovunque abbiate lo spazio e il tempo per concedervi una parentesi romance molto affascinante.

Commenti

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…