Passa ai contenuti principali

Pesto dolce di Valeria Corciolani


Quante difficoltà incontriamo tutti i giorni?

Dall'aprire la cassetta della posta arrugginita al trovare lavoro, dal capire come funziona il distributore automatico di biglietti dell'autobus al capire cosa fare della nostra vita.

***accostare il piccolo e il grande, il futile e il necessario fa parte del gioco "capita a tutti", in diversa misura***

La difficoltà a trovare l'amore è uno di quei tarli che scava la vita di molte persone, ma non sottovalutate nemmeno la difficoltà di tenerselo, l'amore.
Ne sa qualcosa Margherita che, a ventisei anni e con una laurea in Belle Arti, lavora alla rinomata Pasticceria Merello del cavalier Rinaldo Merello. Entrata al laboratorio per un lavoro temporaneo, Margherita ha scoperto di avere dentro di sé un amore fino ad allora inespresso per la creazione di dolci. Ogni giorno, pian piano, si affaccia nella sua vita anche la possibilità di un altro tipo di amore: Mattia fa colazione in pasticceria e i loro occhi si cercano, si trovano e, dopo tanto, affondano gli uni negli altri. Dalle 20.45 di martedì 12 maggio alle 18.25 di mercoledì 13 maggio.
Non è così grave se non si trova ciò che cerchiamo. Grave sarebbe cercarlo dove non può essere.
"Pesto dolce. La ricetta delle possibilità" di Valeria Corciolani [Emma Books] fa parte del Ricettario del cuore e contiene "la ricetta per chi non vuole lasciarsi spegnere dalle difficoltà e fa tesoro del passato per avventurarsi nella vita con curiosità, ottimismo e un pizzico di fantasia".
La pasticceria è un'arte precisa, ha a che fare con la chimica, un po' come l'amore e, come con l'amore, basta poco per trasformare un capolavoro di dolcezza in una schifezza. 
A Margherita e Mattia capita proprio questo, di sbagliare una delle dosi e, in un attimo, gli scoppia tutto in mano.

Valeria Corciolani ha creato la ricetta perfetta per chi non ce la fa ad arrendersi ai tiri mancini della vita e ha bisogno di mettere un pizzico del proprio sapore ovunque vada, guardando avanti ma senza dimenticare le proprie radici "perché senza il passato non si può creare il futuro".

Commenti

  1. Che bello rileggersi attraverso lo sguardo di chi ti scopre!
    Grazie davvero a Ramona Granato e Leggimi nel pensiero.
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Valeria! Ora devo solo provare a fare il pesto dolce, anche perché, leggendo, ne sentivo quasi il sapore in bocca...

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina di Viviana Giorgi

Le atmosfere e i personaggi, a volte, non hanno bisogno di tantissime parole per manifestarsi al lettore. Succede così in "Ma quanta sicumera in quella graziosa testolina: romanzi in miniatura" di Viviana Giorgi [Emma Books], dove, nei racconti brevi, c'è tutto lo stile che abbiamo imparato a riconoscere come tipico dell'autrice, maestra del romance storico quanto contemporaneo.
In "Il Duca & Miss Mason", ad esempio, si ha un gustosissimo assaggio del romance storico come piace a me, frizzante e mai banale, originale e pieno di colpi di scena. Insomma, come negli altri romanzi firmati da Viviana Giorgi, mi è venuta voglia di leggerne ancora! 
Non sono da sottovalutare nemmeno i romanzi in miniatura contemporanei: alcuni sono stati vincitori di premi, altri sono stati già pubblicati su diversi siti, ma tutti hanno l'accuratezza e la maniera dell'autrice, una specie di tocco magico che mi fa desiderare di saperne di più.
Uscito nel periodo delle …

Il ritmo della vita

Sono sempre andata in giro a passo svelto. Non so che fretta avessi, ma sono sicura che non indugiavo nemmeno un attimo più del dovuto per strada o in qualsiasi posto andassi.
Me ne sono resa conto l'altro giorno mentre guidavo. Ero da sola e negli ultimi tempi non lo sono mai.  Forse per questo, ad un certo punto, ho alzato il piede dall'acceleratore e ho deciso che, per quell'ora in cui sarei stata per strada, non avrei corso.  Non avrei accelerato il passo. Non avrei tralasciato di guardarmi attorno solo per non perdere nemmeno un attimo della mia corsa.
Il ritmo della mia è vita cambiato perché io sono cambiata. C'è stato un tempo in cui correvo senza sapere dove andare. Ora la mia corsa ha una meta e sa rallentare quando occorre. Sa fermarsi per guardare un cespuglio fiorito, un bimbo che corre, una persona anziana che sorride.
Ho capito che è inutile che mi ostini a voler imporre quello che penso possa essere il mio ritmo. Così facendo continuerò ad andare lenta…