Passa ai contenuti principali

Pesto dolce di Valeria Corciolani


Quante difficoltà incontriamo tutti i giorni?

Dall'aprire la cassetta della posta arrugginita al trovare lavoro, dal capire come funziona il distributore automatico di biglietti dell'autobus al capire cosa fare della nostra vita.

***accostare il piccolo e il grande, il futile e il necessario fa parte del gioco "capita a tutti", in diversa misura***

La difficoltà a trovare l'amore è uno di quei tarli che scava la vita di molte persone, ma non sottovalutate nemmeno la difficoltà di tenerselo, l'amore.
Ne sa qualcosa Margherita che, a ventisei anni e con una laurea in Belle Arti, lavora alla rinomata Pasticceria Merello del cavalier Rinaldo Merello. Entrata al laboratorio per un lavoro temporaneo, Margherita ha scoperto di avere dentro di sé un amore fino ad allora inespresso per la creazione di dolci. Ogni giorno, pian piano, si affaccia nella sua vita anche la possibilità di un altro tipo di amore: Mattia fa colazione in pasticceria e i loro occhi si cercano, si trovano e, dopo tanto, affondano gli uni negli altri. Dalle 20.45 di martedì 12 maggio alle 18.25 di mercoledì 13 maggio.
Non è così grave se non si trova ciò che cerchiamo. Grave sarebbe cercarlo dove non può essere.
"Pesto dolce. La ricetta delle possibilità" di Valeria Corciolani [Emma Books] fa parte del Ricettario del cuore e contiene "la ricetta per chi non vuole lasciarsi spegnere dalle difficoltà e fa tesoro del passato per avventurarsi nella vita con curiosità, ottimismo e un pizzico di fantasia".
La pasticceria è un'arte precisa, ha a che fare con la chimica, un po' come l'amore e, come con l'amore, basta poco per trasformare un capolavoro di dolcezza in una schifezza. 
A Margherita e Mattia capita proprio questo, di sbagliare una delle dosi e, in un attimo, gli scoppia tutto in mano.

Valeria Corciolani ha creato la ricetta perfetta per chi non ce la fa ad arrendersi ai tiri mancini della vita e ha bisogno di mettere un pizzico del proprio sapore ovunque vada, guardando avanti ma senza dimenticare le proprie radici "perché senza il passato non si può creare il futuro".

Commenti

  1. Che bello rileggersi attraverso lo sguardo di chi ti scopre!
    Grazie davvero a Ramona Granato e Leggimi nel pensiero.
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Valeria! Ora devo solo provare a fare il pesto dolce, anche perché, leggendo, ne sentivo quasi il sapore in bocca...

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Quando a casa mia sono arrivate le rondini del commissario Ricciardi...

Prima
- Hai visto che sta per arrivare? (segue sguardo cospiratore) - Eh sì (sguardo di intesa). Ho iniziato a vedere se trovo la trama, ma niente. On line non c'è ancora niente. - Io ho letto da qualche parte che sarà l'ultimo... - Noooooo! Ma come facciamo a stare senza! Ma come fa lui senza di lui... Non può essere, non ci credo! (lo guarda cercando consolazione) - Guarda che prima o poi 'sta storia deve finire, non è che può andare avanti in eterno. - Sì, sì, lo so... ma non adesso. Adesso io non sono pronta ancora. - Comunque io ti volevo solo dire che sta per arrivare, quindi mettiti in condizione... - Eh stavolta non lo so se ce la faccio. Sono cambiate un sacco di cose dall'ultima volta... (scuote la testa, con poca convinzione)
Dopo
- No, tu devi fare veloce perché io devo parlarne con te!!! (mostra segni di evidente nervosismo) - Io questo posso fare, e questo faccio!  - A che sei arrivata? - ... - Sì, ma che idea ti stai facendo?! - Ci devo pensare. (una mala …

Segnalazione: Non basta dirmi ti amo di Daniela Volonté

Non basta dirmi ti amo Daniela Volonté Newton Compton Editori dal 9 novembre in libreria

Durante le feste, l’aeroporto JFK di New York è persino più affollato del solito. A causa delle abbondanti nevicate, poi, tutti gli aerei sono in ritardo, compreso quello che dovrebbe riportare Beatrice in Italia. Durante l’interminabile attesa, un passeggero ha un infarto e Beatrice si ritrova a soccorrerlo tempestivamente con l’aiuto di un uomo con una cicatrice sul viso. Si chiama Callan ed è di origine inglese. Seppure per poco, l’intensità di quei momenti li ha avvicinati, ma l’annuncio dei voli richiama entrambi alle proprie vite e Beatrice torna in Italia dal fidanzato, Matthias, che ha in serbo per lei un’inaspettata proposta di matrimonio. I preparativi la inghiottono, insieme ai conflitti con l’ingombrante suocera e con suo fratello, che non vede di buon occhio le nozze. Beatrice ha quasi dimenticato l’episodio all’aeroporto, quando riceve il messaggio di Richard, l’uomo che ha salvato: ha…