Passa ai contenuti principali

Pesto dolce di Valeria Corciolani


Quante difficoltà incontriamo tutti i giorni?

Dall'aprire la cassetta della posta arrugginita al trovare lavoro, dal capire come funziona il distributore automatico di biglietti dell'autobus al capire cosa fare della nostra vita.

***accostare il piccolo e il grande, il futile e il necessario fa parte del gioco "capita a tutti", in diversa misura***

La difficoltà a trovare l'amore è uno di quei tarli che scava la vita di molte persone, ma non sottovalutate nemmeno la difficoltà di tenerselo, l'amore.
Ne sa qualcosa Margherita che, a ventisei anni e con una laurea in Belle Arti, lavora alla rinomata Pasticceria Merello del cavalier Rinaldo Merello. Entrata al laboratorio per un lavoro temporaneo, Margherita ha scoperto di avere dentro di sé un amore fino ad allora inespresso per la creazione di dolci. Ogni giorno, pian piano, si affaccia nella sua vita anche la possibilità di un altro tipo di amore: Mattia fa colazione in pasticceria e i loro occhi si cercano, si trovano e, dopo tanto, affondano gli uni negli altri. Dalle 20.45 di martedì 12 maggio alle 18.25 di mercoledì 13 maggio.
Non è così grave se non si trova ciò che cerchiamo. Grave sarebbe cercarlo dove non può essere.
"Pesto dolce. La ricetta delle possibilità" di Valeria Corciolani [Emma Books] fa parte del Ricettario del cuore e contiene "la ricetta per chi non vuole lasciarsi spegnere dalle difficoltà e fa tesoro del passato per avventurarsi nella vita con curiosità, ottimismo e un pizzico di fantasia".
La pasticceria è un'arte precisa, ha a che fare con la chimica, un po' come l'amore e, come con l'amore, basta poco per trasformare un capolavoro di dolcezza in una schifezza. 
A Margherita e Mattia capita proprio questo, di sbagliare una delle dosi e, in un attimo, gli scoppia tutto in mano.

Valeria Corciolani ha creato la ricetta perfetta per chi non ce la fa ad arrendersi ai tiri mancini della vita e ha bisogno di mettere un pizzico del proprio sapore ovunque vada, guardando avanti ma senza dimenticare le proprie radici "perché senza il passato non si può creare il futuro".

Commenti

  1. Che bello rileggersi attraverso lo sguardo di chi ti scopre!
    Grazie davvero a Ramona Granato e Leggimi nel pensiero.
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Valeria! Ora devo solo provare a fare il pesto dolce, anche perché, leggendo, ne sentivo quasi il sapore in bocca...

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Il purgatorio dell'angelo di Maurizio de Giovanni

Ogni volta che viene pubblicato un nuovo libro di Maurizio de Giovanni, attorno alla storia fiorisce sempre un affetto difficilmente descrivibile.
Da quando nel 2007 è uscito il primo libro del commissario Ricciardi, l'amore per questo personaggio e per le sue vicende nella Napoli degli anni '30 è andato crescendo a dismisura.
"Il purgatorio dell'angelo. Confessioni per il commissario Ricciardi" [Einaudi] è stato annunciato come il penultimo capitolo della serie e non c'è verso di farsene una ragione.
Al contrario, adesso si cerca di gustarsi ogni pagina con ancora più trasporto.
Io sono nel gruppo degli inconsolabili ma la trama è strutturata in maniera tale da guidare il lettore verso una naturale conclusione.

In questo libro siamo a maggio e a Napoli avviene un delitto che tocca quello che è da tutti considerato un angelo: padre Angelo De Lillo viene trovato morto su una scogliera a Posillipo, poco lontano dal convento dei gesuiti dove vive e insegna. Se t…

Recensione: Il tavolo del faraone di Georgette Heyer

Georgette Heyer per me, finora, era solo una leggenda di cui avevo letto pochi capitoli in giro. Una mia inammissibile mancanza, lo confesso. Finora. "Il tavolo del faraone" [Astoria] - il titolo originale è Faro's Daughter - è il mio battesimo Heyer e, da amante del romance storico, non potrei essere più entusiasta. C'è tutto: l'ambientazione in Inghilterra durante il periodo della Reggenza, la nobiltà dei personaggi, gli equivoci, l'ironia, lo spirito arguto dei dialoghi.  Devo riconoscere alla traduttrice Anna Luisa Zazo l'enorme merito di aver conservato tutte queste caratteristiche heyeriane, perché vi assicuro che non è per niente facile riportare in un'altra lingua dei tratti così particolari di una storia che, in definitiva, la rendono il capolavoro che è.
Mi sono trovata, così, immersa completamente nelle vicende che hanno costretto Deborah Grantham a lavorare in una casa da gioco tenuta, suo malgrado, dalla zia, Eliza Bellingham. È nella casa…