Passa ai contenuti principali

Pesto dolce di Valeria Corciolani


Quante difficoltà incontriamo tutti i giorni?

Dall'aprire la cassetta della posta arrugginita al trovare lavoro, dal capire come funziona il distributore automatico di biglietti dell'autobus al capire cosa fare della nostra vita.

***accostare il piccolo e il grande, il futile e il necessario fa parte del gioco "capita a tutti", in diversa misura***

La difficoltà a trovare l'amore è uno di quei tarli che scava la vita di molte persone, ma non sottovalutate nemmeno la difficoltà di tenerselo, l'amore.
Ne sa qualcosa Margherita che, a ventisei anni e con una laurea in Belle Arti, lavora alla rinomata Pasticceria Merello del cavalier Rinaldo Merello. Entrata al laboratorio per un lavoro temporaneo, Margherita ha scoperto di avere dentro di sé un amore fino ad allora inespresso per la creazione di dolci. Ogni giorno, pian piano, si affaccia nella sua vita anche la possibilità di un altro tipo di amore: Mattia fa colazione in pasticceria e i loro occhi si cercano, si trovano e, dopo tanto, affondano gli uni negli altri. Dalle 20.45 di martedì 12 maggio alle 18.25 di mercoledì 13 maggio.
Non è così grave se non si trova ciò che cerchiamo. Grave sarebbe cercarlo dove non può essere.
"Pesto dolce. La ricetta delle possibilità" di Valeria Corciolani [Emma Books] fa parte del Ricettario del cuore e contiene "la ricetta per chi non vuole lasciarsi spegnere dalle difficoltà e fa tesoro del passato per avventurarsi nella vita con curiosità, ottimismo e un pizzico di fantasia".
La pasticceria è un'arte precisa, ha a che fare con la chimica, un po' come l'amore e, come con l'amore, basta poco per trasformare un capolavoro di dolcezza in una schifezza. 
A Margherita e Mattia capita proprio questo, di sbagliare una delle dosi e, in un attimo, gli scoppia tutto in mano.

Valeria Corciolani ha creato la ricetta perfetta per chi non ce la fa ad arrendersi ai tiri mancini della vita e ha bisogno di mettere un pizzico del proprio sapore ovunque vada, guardando avanti ma senza dimenticare le proprie radici "perché senza il passato non si può creare il futuro".

Commenti

  1. Che bello rileggersi attraverso lo sguardo di chi ti scopre!
    Grazie davvero a Ramona Granato e Leggimi nel pensiero.
    Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Valeria! Ora devo solo provare a fare il pesto dolce, anche perché, leggendo, ne sentivo quasi il sapore in bocca...

      Elimina

Posta un commento

Ti potrebbero interessare anche:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Post popolari in questo blog

Recensione: Cosa ho fatto per amore di Susan Elizabeth Phillips

Scrivere romance è un'arte, così come leggerlo. A parte alcune eccellenti eccezioni, è difficile leggere qualcosa che sia veramente nuovo, scritto in maniera originale e che non abbia nessun dettaglio fuori posto.
Per me Susan Elizabeth Phillips è l'eccezione che mette in pace la mia voglia di leggere romance. In ogni storia, i dettagli sono sempre ben studiati e nemmeno una virgola mi provoca quel brivido di fastidio che a volte mi danno certi libri che si pregiano di chiamarsi romance.
"Cosa ho fatto per amore" è l'ultimo arrivato in casa Leggereditore e va a colmare la mancanza che iniziavo a sentire di una nuova storia della scrittrice americana. Fermo restando che, anche così, rileggo a periodi alterni i vecchi libri [è una malattia, lo so].
Ma veniamo al puzzle perfetto costruito dalla SEP: la trama. Georgie York è stata la star bambina di una delle sit-com più amate d'America, tutti la adoravano, dagli sceneggiatori alla troupe, dai registi ai manovali…

Segnalazione: Chef per amore, la nuova collana Leggereditore

Simone Rugiati, chef e conduttore di Cuochi e Fiamme, presenta la collana di romanzi Chef per amore. Con ricette inedite e ampiamente descritte, ci racconta come conquistare un amore a suon di forchetta e coltello, pentole e genialità. Sei autrici lo accompagneranno in una serie lunga come una cena di sei portate, attraverso l’Italia e in sei regioni diverse.
Un bacio, mille sapori  Miranda Nobile
Bea, trent’anni, lavora nel marketing di una casa editrice milanese. Come una moderna Cenerentola, vive in una minuscola mansarda di un palazzo in centro e ogni giorno sale e scende cento gradini. Tra un impiego che non la entusiasma e una relazione d’amore che non decolla, non ama più nemmeno la città in cui vive e trova pace solo nelle brevi e intense fughe nella vecchia casa di famiglia sulle colline di Bergamo. È il suo rifugio, dove va per riflettere e ricordare la nonna cucinando, senza troppo successo, i piatti che lei le preparava. In una delle sue fughe si imbatte casualmente in un uo…